Tags Posts tagged with "videogiochi"

videogiochi

    by -
    dj marshmello concerto su fortnite cover

    Dj Marshmello, aka Christopher Comstock, disc jockey e musicista statunitense, ha tenuto su Fortnite Battle Royale un concerto seguito da oltre 8 milioni di persone. L’evento, nato dalla collaborazione tra Comstock ed Epic Games che al disk jockey ha poi dedicato un personaggio all’interno del celebre videogioco, si è tenuto nella piazza di Pleasant Park il 2 febbraio 2019.

    Concerto virtuale di successo

    La notizia del concerto è stata poi rilanciata dalle maggiori testate mondiali compresa la versione italiana di Forbes. Oltre a rappresentare un “picco” di presenze all’interno di Fortnite il concerto ha anche generato una notevole pubblicità per Dj Marshmello.

    Alcune canzoni dell’artista, secondo Billboard, hanno visto un auemnto dello streaming del 24.000%. Un successo senza ombra di dubbio, che si spiega col fatto che l’industria videoludica in pochi decenni è riuscita a superare quella musicale. Il solo Fortnite ha un giro d’affari di oltre 2,4 miliardi di dollari, il settore mondiale nel 2018 ha sfiorato i 135 miliardi di fatturato.

    Fortnite DJ Mashmello concerto

    I precedenti su Second Life

    Gli appassionati ricorderanno come il primo concerto in un mondo virtuale sia stato quello in degli U2 del 29 marzo 2008 in Second Life. Nel 2011 nacque il Duran Duran Universe, land aperta da utenti del mondo virtuale di Linden Lab fan della band inglese e alcuni membri della stessa. In particolare il tastierista Nick Rhodes avrebbe iniziato a pensare al Duran Duran Universe già nel 2006.

    Moltissimi sono poi stati i musicisti che hanno negli anni effettuato performance “dal vivo” collegati in Second Life e, più di recente, in Sansar. Tra questi, ad esempio, la cantante e musicista francese Mimi Carpenter o l’italiano EddieGuitar Dagger, aka Eddie Santillo.

    Eddie Santillo concerto Second Life

    Concerti virtuali, sarà vera gloria?

    Finora però i piccoli numeri di Second Life e Sansar avevano impedito una più ampia affermazione di questa forma d’intrattenimento a distanza: chissà se la ben più ampia base di utenti di Fortnite e in generale dei video giochi non consentirà ai concerti “virtuali” di ottenere una definitiva consacrazione?

    Se l’articolo vi è piaciuto condividetelo coi vostri amici e per restare sempre informati, continuate a seguire Mondivirtuali.it, anche tramite il nostro account su Twitter e la nostra fanpage su Facebook. Ma ricordate: Mondivirtuali è anche su Flickr, su Scoop.it e su Paper.li, oltre che su Youtube. E magari iscrivetevi alla nostra newsletter!

      by -
      Dark Souls Trilogy cover

      Namco Bandai ha annunciato che la Dark Souls Trilogy, pubblicata esclusivamente in Nord America e in Asia, arriverà anche in Italia in versione giocabile su PlayStation 4 e Xbox One.

      A partire dal 1° marzo, giorno di uscita dell’imperdibile collection, i giocatori potranno quindi “rivivere” l’intera trilogia di Dark Souls che, nata sulle console della passata generazione, ha rivoluzionato il genere degli action Rpg.

      dark souls trilogy

      Dark Soul Trilogy per rivivere l’intera serie

      Dark Souls Trilogy, disponibile in pre-order su Amazon.it, include i tre capitoli del popolare franchise (Dark Souls Remastered, Dark Souls II: Scholar of The First Sin, Dark Souls III: The Fire Fades) nella loro versione più aggiornata, comprensivi di tutti i contenuti aggiuntivi pubblicati e le rispettive colonne sonore originali.

      Come riportato sulla confezione del prodotto, Dark Souls Trilogy supporterà anche la potenza extra di Xbox One X e molto probabilmente sfrutterà anche PlayStation 4 Pro.

      Tuttavia a differenza della versione uscita in Nord America e Asia, l’edizione europea non sembra includere l’esclusiva Steelbook. Dark Souls Trilogy sarà disponibile, al prezzo di 69,99 euro, a partire dal primo marzo

      Source: HD Games

        by -
        Kingdom Hearts III cover

        L’uscita di Kingdom Hearts III è sempre più vicina (è programmata per il 29 gennaio) e Square Enix, tramite Twitter, ha deciso di svelare alcune informazioni sui contenuti della Day One Patch.

        Kingdom Hearts III, patch gratuite in arrivo

        Il 29 gennaio sarà disponibile un primo aggiornamento gratuito che porterà il gioco alla versione 1.01. La patch oltre a correggere alcune problematiche, implementerà nel menu principale la voce “Memory Archive” (video) che potrà essere consultata in qualunque momento e conterrà informazioni sulla trama generale del franchise.

        Il 30 e il 31 gennaio prossimi saranno poi pubblicati altri due aggiornamenti che introdurranno due differenti video: Epilogo e Segreto. Il primo potrà essere visualizzato solo dopo aver completato l’intera avventura, mentre il secondo sarà disponibile solo agli utenti che termineranno il gioco rispettando alcuni requisiti che varieranno in base al livello di difficoltà selezionato.

        Kingdom Hearts III, in arrivo il 29 gennaio su Xbox One e PlayStation 4, promette un’esperienza di gioco coinvolgente e ricca di contenuti: nei vari mondi, infatti, le cose da fare non mancheranno e tra missioni principali, incarichi secondari, combattimenti, attività extra e mini-giochi, gli utenti avranno solo l’imbarazzo della scelta.

        Kingdom Hearts III bundle PS4 special

        PS4 in bundle ed esperienza VR

        Ricordiamo che il 29 gennaio sarà inoltre disponibile presso tutti i negozi Gamestop anche uno speciale bundle di Kingdom Hearts III che conterrà una PlayStation 4 Pro dotata di hard disk da 1TB, di colore nero opaco, decorata con un intricato motivo che rappresenta lo stemma di Kingdom Hearts. Completerà il tutto il controller wireless Dualshock 4 di colore nero lucido e con motivi decorativi sul touch pad.

        Da ricordare infine che dal 25 dicembre i possessori di PlayStation VR hanno la possibilità di divertirsi con Kingdom Hearts: VR Experience, un video interattivo di circa 10 minuti che ripercorre la storia del franchise attraverso sequenze video e coinvolgenti musiche. L’esperienza in realtà virtuale viene distribuita in modo totalmente gratuito tramite PlayStation Store.

        Source: HD Games

          by -
          Fnaf 7 Scott Cawthon cover

          Nell’estate del 2017 aveva detto di averlo cancellato, ma Scott Cawthon ci ha abituato a cambiamenti d’idea, così quando a dicembre Fnaf 6, alias Freddy Fazbear’s Pizzeria Simulator (Ffps), è stato reso disponibile su Steam, in pochi si sono sorpresi.

          Fnaf 6, un gioco in tre fasi

          Rispetto alle cinque precedenti versioni di Fnaf (Five nights at Freddy’s), la sesta inizia con una semplice schermata a 8 bit che consente di giocare ad un minigioco il cui obiettivo è lanciare delle pizze a dei bambini. Una volta finito il minigioco appare Scrap Baby e in breve ha inizio il gioco vero e proprio, in cui ogni giorno è formato da tre fasi.

          Nella prima, al mattino, il giocatore è un nuovo gestore, appena assunto, di una delle pizzerie della catena Fazbear’s; nella seconda, alla sera, occorre svolgere una serie di mansioni sotto la minaccia degli animatronici assassini; nella terza, alla fine di quasi ogni notte, si potrà scegliere se abbandonare gli animatronici o controllarli, senza che essere attaccati comporti in questo caso la morte del giocatore.

          Finali multipli e tributi

          Fnaf 6 ha diversi finali, che potranno essere raggiunti in base alle scelte e alle azioni compiute nelle tre diverse fasi del gioco. Accolto da buone critiche, l’ultima (per ora) creazione videoludica di Scott Cawthon a distanza di un anno è tornata a far parlare di sé in rete, perché ha ispirato Five Nights at Vault 5.

          Si tratta di un vero proprio tributo ma anche e soprattutto di una mod di Fallout: New Vegas, celebre gioco di ruolo d’azione sviluppato da Obsidian Entertainment e pubblicato nel 2010 da Bethesda Softworks che di base dava la possibilità di esplorare setta Vault di New Vegas, ognuno con una propria storia.

          Fnaf 7 Scott Cawthon

          Fnaf movie slitta ancora

          Inoltre Scott Cawthon ha da poco annunciato il porting di Fnaf anche su PS4, Xbox One, Nintendo Switch e l’arrivo di una versione per tablet e smartphone. Cawthon ha peraltro segnalato l’ennesimo slittamento dell’uscita nei cinema (se mai ci sarà) del film su Five nights at Freddy’s.

          Slittamento dovuto al fatto che l’ultima sceneggiatura non è piaciuta a Scott che ha ribadito che o uscirà un bel film o non darà il suo consenso alla produzione. Se gli sceneggiatori di Hollywood riusciranno a soddisfare Cawthon, il film riguarderà comunque solo i primi tre episodi e non quelli successivi, ha anche precisato Scott.

          In arrivo Fnaf 7 e un nuovo titolo

          E siccome Scott Cawthon non pare aver intenzione di ritirarsi in pensione, dal prossimo anno potrebbero anche arrivare un gioco in realtà virtuale ed uno in realtà aumentata, oltre a Five Nights at Freddy’s: Into Madness (Fnaf 7) che raccoglierà una serie di idee che non hanno trovato posto nei capitoli finora pubblicati.

          Ultimo ma non meno importante, dovrebbe essere distribuito un nuovo titolo con budget “tripla A”, che però al momento non è ancora stato sviluppato. Se volete sapere come andrà a finire continuate a seguire Mondivirtuali.it, anche tramite il nostro account su Twitter e la nostra fanpage su Facebook (ma ricordate: Mondivirtuali è anche su Flickr, su Pinterest, su Scoop.it e su Paper.li, oltre che su Youtube) e magari iscrivetevi alla nostra newsletter!

            by -
            record vendite Nintendo Switch

            Il successo di Nintendo Switch pare inarrestabile: nel periodo compreso tra il Giorno del Ringraziamento, che precede il Black Friday, e il Cyber Monday la console giapponese ha registrato ben due nuovi record.

            Nintendo Switch, best seller del Black Friday 2018

            Secondo i dati di Adobe Analytics, infatti, Nintendo Switch sarebbe risultata infatti in assoluto il prodotto videoludico più venduto online nei giorni del Black Friday e del Cyber ​​Monday, diventando inoltre la console per videogiochi di Nintendo più venduta nella storia degli Stati Uniti nel periodo che quest’anno è andato dal 22 al 26 novembre, superando anche i risultati ottenuti da un’altra storica console della casa di Kyoto, la Wii.

            250 milioni di dollari per Nintendo

            Secondo i dati diramati dalla stessa Nintendo, i suoi prodotti targati hanno generato, tra il Giorno del Ringraziamento e il Cyber Monday, un totale di 250 milioni di dollari di incassi. In particolare le vendite di Nintendo Switch sono aumentata del 115% rispetto allo stesso periodo del 2017.

            Nintendo Switch 2018

            Dopo quest’ultimo exploit di vendite, nei soli  Stati Uniti la base installata di Nintendo Switch supera complessivamente gli 8,2 milioni di unità. Nonostante ciò molti analisti di Wall Street non sono convinti che Nintendo Switch riuscirà ad arrivare a 38 milioni di unità vendute entro fine marzo 2019 (quando termina l’esercizio fiscale in Giappone), come prevede la casa di Kyoto.

            Agli analisti di Wall Street il record non basta

            Secondo le previsioni di consenso riportate da Bloomberg, le vendite dovrebbero infatti fermarsi poco sopra i 35 milioni di unità, tre milioni in meno degli obiettivi che Nintendo ha fissato per l’esercizio in corso. A meno che Natale non porti nuovi record ancora più forti di quelli già visti in questi giorni.

            Se volete sapere come andrà a finire, continuate a seguire Mondivirtuali.it, anche tramite il nostro account su Twitter e la nostra fanpage su Facebook (ma ricordate: Mondivirtuali è anche su Flickr, su Pinterest, su Scoop.it e su Paper.li, oltre che su Youtube) e magari iscrivetevi alla nostra newsletter!

              by -
              Red Dead Redemption 2 cover

              Sono bastati pochi giorni per trasformare Red Dead Redemption 2 in uno dei grandi successi del 2018: il videogioco di Rockstar Games ha infatti incassato nel primo fine settimana di vendite, dal 26 al 28 ottobre scorso, oltre 725 milioni di dollari in tutto il mondo.

              Tantissimi sono già gli appassionti di questo nuovo videogioco, così pensiamo di farvi cosa gradita ripropnendovi un interessante articolo pubblicato originariamente da HDBlog.it. Buona lettura.

              Red Dead Redemption 2: come raggiungere il Messico

              Red Dead Redemption 2 include gran parte della mappa del primo capitolo, tuttavia non è possibile varcare il confine degli Stati Uniti per giungere in Messico, almeno finché si utilizzano i metodi convenzionali!

              Il canale YouTube ZacCoxTV ha però pubblicato un nuovo video che illustra un semplicissimo glitch che consente di esplorare il Messico, presente in versione quasi totalmente completa, seppur un po’ spoglia.

              La mappa, infatti, non presenta alcun edificio o nemico, quindi per attraversarla sarà necessario fare una vasta scorta di risorse, in modo da non ritrovarsi del tutto esausti in mezzo al deserto.

              Red Dead Redemption 2

              Video: sfruttate un gligth partendo da New Austin

              Per poter eseguire questo glitch sarà necessario avere accesso alla città di New Austin, quindi non consultate il video posto poco sotto qualora non abbiate ancora raggiunto la località.

              Una volta eseguiti i semplici passaggi illustrati, potrete girovagare liberamente per il Messico alla ricerca del forte di El Presidio, l’unica struttura presente nella mappa.

              Al momento non è chiaro il motivo per cui sia presente tutta la mappa; alcuni rumor suggeriscono che questa potrebbe essere l’area di partenza per Red Dead Redemption Online.

              Ma ora vi lasciamo al video: buona visione!

              Source: HD Games

              by -
              Mixer Twitch Youtube cover

              Se siete un appassionato di videogiochi e avete meno di 25 anni, è probabile che passiate più tempo a vedere giocare altri giocatori che non a giocare voi stessi. Ne sono convinti sempre più gruppi che stanno andando all’assalto di Youtube, un tempo regno indiscusso dei video di gameplay ma da qualche tempo insidiato da Twitch e non solo.

              Dopo Youtube e Twitch arriva Mixer

              Dietro a Youtube e Twitch ci sono due dei maggiori gruppi statunitensi, ossia Alphabet (holding cui fa capo anche Google) e Amazon. Ora però la lotta per diventare la piattaforma di riferimento per gli appassionati di videogiochi e streamer di video gameplay potrebbe farsi davvero calda, dato che sta scendendo in campo un terzo temibile concorrente come Microsoft (produttrice della console Xbox) con la nuova piattaforma Mixer (per non parlare dell’interesse già mostrato da Facebook con Facebook Live).

              Mixer può essere fruita sia attraverso una Xbox sia un dispositivo che utilizzi Windows come sistema operativo e in questi giorni sta lanciando una serie di nuove opzioni tra cui un maggior numero di valute internazionali utilizzabili come mezzo di pagamento e modalità diverse con cui gli utenti possono remunerare i loro “streamer” preferiti.

              Mixer Microsoft

              Microsoft punta sui video gameplay

              In una intervista a Bloomberg Chad Gibson, general manager di Mixer, ha spiegato che “i video giochi sono un medium cospicuo, prevediamo un incremento dell’ammontare del tempo dei giocatori trascorso lontano dai giochi veri e propri, ad esempio per parlare online con amici e guardare sempre più video”.

              Secondo Gibson, “per giocatori tra i 18 e i 24 anni la quantità di tempo spesa a guardare anziché a giocare è molto più elevata”, il che spiega l’interesse di Microsoft a investire in Mixer, che già oggi offre la possibilità a più giocatori di creare stream in contemporanea. In più su Mixer c’è un canale, HypeZone, che utilizza tecniche di intelligenza artificiale per monitorare le partite ai giochi più in voga del momento, come il fortunato Fortnite, rendendo visibili le fasi conclusive a migliaia di utenti in diretta.

              Twitch

              Si passa più tempo a guardare che a giocare

              Dopo soli 18 mesi dal lancio Mixer sta già crescendo di 20 milioni di nuovi utenti al mese. Al momento queste piattaforme di condivisione di partite di video giochi raccolgono circa 500 milioni di ricavi all’anno (con Twitch che con 300 milioni raccoglie la fetta più consistente) secondo quanto riporta l’agenzia Bloomberg sottolineando come Mixer al momento sia più indietro, ma con un mercato ancora relativamente piccolo e in rapida crescita una rimonta non è impossibile, anzi.

              Se volete sapere come andrà a finire continuate a seguire, continuando a seguire Mondivirtuali.it, anche tramite il nostro account su Twitter e la nostra fanpage su Facebook (ma ricordate: Mondivirtuali è anche su Flickr, su Pinterest, su Scoop.it e su Paper.li, oltre che su Youtube) e magari iscrivetevi alla nostra newsletter!

              forza horizon 4

              Forza Horizon 4

              Se conoscete il videogioco Forza Horizon 4 vi sarete già accorti del problema della partite classificate. Ebbene, secondo HDBlog.it la soluzione potrebbe essere in arrivo: Playground, in una nota inviata a Windows Central, ha infatti dichiarato di essere al lavoro su una patch che sistemerà il matchmaking.

              Al momento infatti, risulta quasi impossibile accedere alla modalità classificata a causa di varie problematiche che causano tempi di attesa estenuanti: la ricerca della partita può infatti durare a lungo, in alcuni casi si parla persino di un’ora e raramente la procedura va a buon fine.

              Il team di sviluppo, interpellato da Window Central, ha voluto comunque sottolineare di essere a conoscenza del problema e di essere al lavoro per risolverlo, tuttavia non è sceso in dettagli significativi e non sappiamo quando la patch sarà effettivamente resa disponibile.

              CLICCA QUI PER CONTINUARE A LEGGERE

              Source: HD Games