Tags Posts tagged with "videogiochi"

videogiochi

by -
Nickelodeon meet the voxels VR cover

Nickelodeon ha avviato lo sviluppo di una nuova serie televisiva consistente in un reality in VR e AR, al momento nota come “Meet the Voxels”.

La serie è stata ideata da Chris Young, Senior Vice President degli Entertainment Lab dell’emittente televisiva britannica appartenente al gruppo Viacom Media Networks, finora nota per le sue produzioni per bambini e ragazzi come SpongeBob o Le Tartarughe Ninja.

Meet the Voxel, innovativa sitcom animata in VR

La sitcom animata, che verrà sviluppata utilizzando un motore grafico per videogiochi, segna un debutto assoluto per Nickelodeon nell’utilizzo di tecnologie all’avanguardia del cinema virtuale, tra cui l’acquisizione in tempo reale del volto e di tutto il corpo e proporrà un approccio innovativo alla narrazione immersiva.

L’episodio pilota di Meet the Voxels sarà scritto da Jana Petrosini e Sean Gill, già co-produttori di serie tv come Henry Danger, Kid Danger e Game Shakers.

Siete pronti a incontrare i Voxels?

Meet the Voxels porterà i ragazzi dietro le scene di un mondo da video giochi e seguirà le vicende di una famiglia di personaggi da video giochi, i Voxel appunto, che dovrebbe essere composta da Hunter, star tredicenne di un video gioco con tag laser, Maude, ragazzina di 16 anni che lotta per far scoppiare più bolle che può, il loro fratellino Cody, che ancora non ha trovato il suo video gioco, Mamma, una combattente di strada molto popolare nel suo video gioco e Papà, personaggio di un videogioco da console anni Novanta che si è ritirato anni fa.

Nickelodeon chris young

Lavoro di animazione di nuova generazione

L’intenzione di Chris Young è di prendere la tecnologia in tempo reale sperimentata nei Lab e sposarla ad un concetto creativo in grado di connettersi coi bambini e la loro passione per i videogiochi.

Si tratterà dunque di un lavoro di animazione di nuova generazione con tanti personaggi che potranno esistere su più piattaforme sin dal primo giorno.

Nuovi intrattenimenti per ragazzi

Negli ultimi anni Young ha già sviluppato una serie di nuove forme di intrattenimento per ragazzi tra cui SlimeZone, esperienza social VR multi-giocatore che permette a ragazzi e famiglie di interagire con un mondo virtuale disegnato da Nickelodeon, The Loud House 360, video a 360 gradi che porta gli spettatori a esplorare la casa dei Loud e The Rise of the Teenage Mutant Ninja Turtles VR Interview Experience (che ha debuttato quest’anno al San Diego Comic Con), esperienza in realtà virtuale che immerge gli utenti nella iconica New York delle tartarughe ninja mutanti, dando la possibilità di parlare con Michelangelo e Donatello (la cui voce è fornita dagli attori del film originale).

Se volete sapere come andrà a finire, continuate a seguire Mondivirtuali.it, anche tramite il nostro account su Twitter e la nostra fanpage su Facebook (ma ricordate: Mondivirtuali è anche su Flickr, su Pinterest, su Scoop.it e su Paper.li, oltre che su Youtube) e magari iscrivetevi alla nostra newsletter!

by -
Fnaf novità Cawthon 2018 cover

Se amate la serie di Five Nights at Freddy’s (Fnaf) state attenti, sono in arrivo novità interessanti sia per quanto riguarda il videogioco, sia per la serie di libri di Scott Cawthon e per il film a lungo atteso.

Fnaf, Custom Night in arrivo a fine mese

Per quanto riguarda il videogioco, il 29 giugno dovrebbe essere disponibile la Custom Night per Fnaf 6, annunciato, ritirato ma poi lanciato da Cawthon a fine 2017 (come Freddy Fazbear’s Pizzeria Simulator), anche nota come Ultimate Custom Night o Ultimate Fnaf Mashup. Grazie a essa ogni giocatore potrà selezionare ben 50 animatronici che coprono tutti i giochi della serie, oltre a poter selezionare un’impostazione di difficoltà personalizzata per ognuno di essi.

Se riuscirete a completare la Custom Night potrete sbloccare le skin per l’ufficio delle guardie notturne e persino filmati musicali basati su scene tagliate. Visto che potrebbe essere l’ultimo Five Nights at Freddy’s sviluppato da Scott Cawthon da solo, potrebbero esservi delle storie segrete nascoste nella trama di questo finale non-canonico di una serie che ha ridefinito il genere horror-game.

Fnaf ultimate custom night

Cawthon completa la trilogia letteraria

Ma Cawthon ha anche da poco terminato il suo quinto libro, dopo la guida ufficiale di Fnaf (Fnaf survival longbook) i Freddy Files e i due primi capitoli della sua trilogia, The Silver Eyes e The Twisted Ones. L’ultimo capitolo si intitola The Fourth Closet, è già in vendita su Amazon sia in versione cartacea sia per Kindle e spiega cosa è realmente accaduto a Charlie.

Ultima ma non meno importante novità, il film su Fnaf, che sin dal 2015 avrebbe dovuto essere realizzato da Warner Bros, con Gil Kenan come regista ma che lo scorso anno era, come rivelò lo stesso Cawthon, tornato al “punto di partenza”, sarà prodotto invece da Blumhouse Productions (che oltre ad aver prodotto film horror a basso budget come The Purge, Get Out e Split ha anche prodotto il blockbuster Whiplash).

Fnaf movie Christopher Columbus

Blumhouse subentra a Warner per il film

La stessa Blumhouse su Twitter lo scorso febbraio ha dato il benvenuto, come regista, a Chris Columbus, noto per aver diretto i primi due film del franchisee di Harry Potter piuttosto che Mrs. Doubtfire, Mamma ho perso l’aereo, L’uomo bicenternario e Pixels, ma anche per essere stato lo sceneggiatore di Gremlins e il co-sceneggiatore de I Goonies e Piramide di Paura. Quello che non è invece ancora stato annunciato è la data in cui il film potrà finalmente uscire nelle sale cinematografiche.

Il 2018 sarà l’anno buono per vedere Fnaf ai cinema o si dovrà attendere ancora? Se volete scoprirlo, continuate a seguire Mondivirtuali.it, anche tramite il nostro account su Twitter e la nostra fanpage su Facebook (ma ricordate: Mondivirtuali è anche su Flickr, su Scoop.it e su Paper.li, oltre che su Youtube) e magari iscrivetevi alla nostra newsletter!

    by -
    Fortnite cover

    Fortnite, lanciato da Epic Games il 25 luglio 2017, si sta rivelando un videogioco di straordinario successo. Buona parte della sua fortuna risiede in due punti di forza.

    Anzitutto, aver saputo miscelare sapientemente elementi di giochi survival, sandbox e shooter per creare un’esperienza nuova, inoltre aver introdotto una modalità “stand alone” scaricabile gratuitamente la Battle Royale, che ha consentito di raggiungere picchi insperati di popolarità, con oltre 45 milioni di giocatori on-line.

    Fortnite dice grazie a Battle Royale

    Battle Royale, del resto, è una modalità davvero semplice: dopo aver scelto se giocare da soli, in coppia o in una squadra composta da quattro giocatori, si viene catapultati su di un’isola in cui 100 giocatori lottano per la sopravvivenza.

    Si parte dal “bus di battaglia”, si sceglie quando paracadutarsi sull’isola, si corre a prendere le armi e si inizia a combattere, stando attenti alla tempesta che gradualmente si concentra in un’area casuale causando danni a coloro che restno intrappolati al suo interno.

    A fare la differenza con altri titoli è l’elevata velocità del matchmaking, che consente di inanellare partite una dopo l’altra, senza pause né tempi d’attesa.

    Fortnite Battle Royale

    Mix di elementi survival, sandbox e shooter

    Fortnite, come detto, mescola elementi di giochi survival, sandbox e shooter per creare un’esperienza di gioco nuova e particolare, in cui il giocatore crea rifugi, realizza armi e uccidere mostri, secondo una formula azzeccata.

    Il gioco si suddivide in missioni, che partono sempre da una fase iniziale di esplorazione della mappa per trovare risorse e si concludono con una fase finale dove è necessario difendere un obiettivo dall’assalto dei nemici.

    In fondo in Fortnite non c’è forse nulla di realmente originale, la storyline è piatta e pur affrontando decine di quest differenti dopo poche ore ci si trova a ripetere un po’ troppo spesso lo stesso meccanismo.

    Fortnite iOS

    Fortnite, un ibrido di successo

    Eppure si tratta di un ibrido di successo di elementi tratti di altri titoli che ben si incastrano tra di loro, così gli appassionati di videogiochi hanno apprezzato, decretando il successo mondiale per il titolo di Epic Games.

    Se questo articolo vi è piaciuto e volete leggerne altri, continuate a seguire Mondivirtuali.it, anche tramite il nostro account su Twitter e la nostra fanpage su Facebook (ma ricordate: Mondivirtuali è anche su Flickr, su Scoop.it e su Paper.li, oltre che su Youtube) e magari iscrivetevi alla nostra newsletter!

    by -
    Comicon2018 cover

    Il Comicon di Napoli ha compiuto 20 anni e li ha celebrati con un’edizione, Comicon2018, in grado di soddisfare non solo gli appassionati di fumetti e manga, ma anche di videogiochi, cosplay, wargames, giochi da tavolo, escape room, modellismo, scacchi e tanto altro ancora.

    Comicon2018 mattina

    Comicon2018: fumetti, cosplayer e altro

    Raccontare Comicon2018 non è facile, se non provando a ricordare che dal 28 aprile al 1 maggio presso la Mostra d’Oltremare a Napoli migliaia di ragazzi e ragazze, ma anche “over 40” e intere famiglie si sono ritrovati per sciamare per ore, ininterrottamente, tra le sale dove erano esposte le tavole originali dei più famosi autori di fumetto italiani e stranieri, gli stand dei principali editori e distributori, come Bonelli e Panini, la mostra mercato dove si potevano ritrovare in perfette condizioni i vecchi albi dalla Disney alla Editrice Corno.

    Comicon2018 videogiochi in realtà virtuale

    Comicon2018: videogiochi in realtà virtuale

    E poi ancora: c’erano postazioni di videogiochi in realtà virtuale per tutti i gusti, intere batterie di computer dove sfidare in torneo tanti altri videogiocatori, escape room dedicate a Harry Potter o a tema horror, un intero asian village per gli amanti di manga e cosplay dedicati alla cultura asiatica e un parco con rievocazioni storiche. Ma forse i veri protagonisti di Comicon2018 sono stati proprio i suoi visitatori, centinaia dei quali in costume da cosplayer ispirati dalle saghe manga come Onepiece o Naruto ai villain di Batman, dai temi steampunk alle serie tv come Doctor Who o il Trono di Spade.

    Comicon2018 cosplay

    Comicon2018: dai gumpla al tiro con l’arco

    Noi ci siamo stati l’ultimo giorno, ci siamo divertiti, abbiamo trascorso un’intera giornata senza mai fermarci un attimo, girando per gli stand, fotografando i cosplayer più originali, tutti molto disponibili, divertendoci a montare gunpla Bandai che abbiamo poi portato a casa (gentile omaggio ai visitatori da parte del gruppo Gunpla Builder Campania), tirare con l’arco medioevale, giocare a scacchi e… rammaricandoci che il tempo dentro all’universo di Comicon2018 scorre ad una velocità accelerata, entri di prima mattina ed è già sera.

    Comicon2018 sera

    Ci torneremo anche l’anno venturo, voi se volete restare sempre informati sulle ultime novità in fatto di videogiochi, cosplay e mondi virtuali e fantastici, continuate a seguire Mondivirtuali.it, anche tramite il nostro account su Twitter e la nostra fanpage su Facebook (ma ricordate: Mondivirtuali è anche su Flickr, su Scoop.it e su Paper.li, oltre che su Youtube) e magari iscrivetevi alla nostra newsletter!

      by -
      Bendy and the Ink Machine cover

      Bendy and the Ink Machine, arriva il quarto capitolo

      Bendy and the Ink Machine continua a far parlare di sé: in attesa del lancio del quarto capitolo, annunciato poco giorni fa da un trailer ufficiale (lo trovate a fine articolo), TheMeatly Games, casa produttrice che ha sviluppato l’ormai famoso videogioco puzzle action horror in prima persona (se siete appassionati è anche possibile acquistare numerosi gadget nello store ufficiale) ha presentato una serie di novità che riguardano anche i capitoli precedenti.

      Rimasterizzazione del primo capitolo

      Per il primo capitolo, scaricabile gratis da Steam (qui) ancora per qualche giorno, si preannuncia una “gigantesca rimasterizzazione”, che sarà disponibile in contemporanea col lancio del quarto capitolo.
      Bendy and the Ink Machine chapter 1

      Revisione del secondo capitolo

      Non contenta, TheMeatly Games ha annunciato anche una riedizione del secondo capitolo di Bendy and the Ink Machine, che dovrebbe rendere il capitolo “più ampio e migliore”. Come per il primo, l’originale secondo capitolo del videogioco è per ora scaricabile a costi ridotti da Steam (qui).
      Bendy and the Ink Machine chapter 2

      Anche il terzo capitolo sarà ampliato

      Poteva mancare una sorpresa per il terzo capitolo di Bendy and the Ink Machine? Certo che no, infatti TheMeatly Games ha annunciato anche delle estensioni che come per i primi due capitoli del videogioco saranno lanciate in contemporanea col nuovo quarto capitolo. Se volete scaricare a costi ridotti da Steam l’originale terzo capitolo, lo trovate ancora per qualche giorno (qui).

      Bendy and the Ink Machine chapter 3

      Bendy and the Ink Machine: il nuovo trailer

      Ricordandovi che da poco è arrivato anche un capitolo di Bendy and the Ink Machine pensato per essere giocato sui vostri smartphone e tablet (Bendy in Nightmare Run), vi suggeriamo di andare a scaricare i primi tre capitoli del videogioco su Stream prima che vengano rimossi con l’arrivo del nuovo materiale.

      Intanto eccovi il trailer del quarto capitolo di Bendy and the Ink Machine tutto per voi. Se poi volete sapere come finirà, continuate a seguire Mondivirtuali.it, anche tramite il nostro account su Twitter e la nostra fanpage su Facebook (ma ricordate: Mondivirtuali è anche su Flickr, su Scoop.it e su Paper.li, oltre che su Youtube) e magari iscrivetevi alla nostra newsletter!

        by -
        minecraft story mode complete adventure 2 cover

        Minecraft Story Mode: The Complete Adventure 2, le novità

        Se amate Minecraft Story Mode: The Complete Adventure e possedete un Nintendo Switch, fate attenzione. Sul sito dell’USK, ovvero l’ente tedesco che valuta i videogiochi in arrivo nel paese, ha fatto la sua comparsa una voce dedicata appunto a “Minecraft Story Mode: The Complete Adventure Season Two” pubblicato da Telltale Games.

        Nella nota si legge che il gioco è del genere “avventura classica”, che è consigliato a partire da 6 anni di età (il gioco è considerato PEGI 7, ossia con un livello minimo di violenza a livello fantasy/cartoonistico, al pari di altri giochi come Crash Bandicoot, Spyro the Dragon, Kirby, Ratchet e Clank, Mega Man e alcuni titoli di Sonic the Hedgehog e di The Legend of Zelda) e che il sistema su cui può essere giocato è proprio la Nintendo Swtich.

        minecraft story mode complete adventure 2

        Telltate Games tace su sbarco su Nintendo Switch

        Se non fosse che Telltale Games non ha mai annunciato ufficialmente quando sarebbe arrivata anche la seconda stagione di Minecraft Story Mode: The Complete Adventure, dopo che la prima stagione era sbarcata sulla console portatile di Nintendo nell’agosto del 2017. Secondo il sito Pcgames.de, l’attesa non dovrebbe durare molto.

        Questo vuol dire che già la prossima estate potreste essere in grado di giocare le nuove avventure di Jessy e dei suoi compagni sul vostro Nintendo Switch. Nel frattempo, potete allenarvi con la prima stagione di Minecraft Story Mode: The Complete Adventure, disponibile al prezzo di 5,99 euro su tutte le piattaforme (o provare la seconda stagione, in vendita da 17,39 euro, su PC, PlayStation 4, Xbox One e Mobile).

        Se volete sapere come andrà a finire, continuate a seguire Mondivirtuali.it, anche tramite il nostro account su Twitter e la nostra fanpage su Facebook (ma ricordate: Mondivirtuali è anche su Flickr, su Scoop.it e su Paper.li, oltre che su Youtube) e magari iscrivetevi alla nostra newsletter!

          by -
          sword art online alternative gun gale online cover

          Sword Art Online, storia che racconta le vicende di Kirito, un appassionato di mondi virtuali che vive una serie di avventure in vari MMO, di cui Mondivirtuali.it vi ha già parlato, vive un momento particolarmente felice: nel 2017 la serie di romanzi illustrati (light novel) scritta da Reki Kawahara e illustrata da Abec è risultata la più venduta in Giappone.

          Sword Art Online, un successo che continua

          In tutto sono state infatti vendute oltre 1,17 milioni di copie ed il volume 19 della serie è risultato il terzo più venduto in assoluto in tutto il Giappone, con oltre 315 mila copie. Questo il passato prossimo, il futuro è che a breve arriverà il lancio di una nuova serie televisiva animata (anime).
          sword art online gun gale
          La versione televisiva di Sword Art Online ha avuto un buon riscontro di pubblico anche in Italia, dove la prima serie (del 2011) è stata trasmessa prima sul sito di Popcorn Tv con sottotitoli (nel 2013), poi su Rai4 (nel 2014), interamente doppiata.

          Lo scorso anno è anche arrivata la versione cinematografica (Sword Art Online – The Movie: Ordinal Scale), che in Giappone ha incassato oltre 1 miliardo di yen, venendo distribuito anche in Italia senza troppo clamore (in tutto il mondo il film dovrebbe avere incassato poco meno di 21 milioni di dollari).

          In arrivo Alternative Gun Gale Online

          La nuova serie televisiva, Sword Art Online: Alternative Gun Gale Online, è riferita all’arco narrativo “Phantom Bullet”, ossia ai volumi quinto e sesto della light novel giapponese, è stata trasmessa in anteprima in Giappone nella notte tra il 7 e l’8 aprile prossimi, prima di essere trasmessa da una serie di emittenti televisive giapponesi.
          Sword Art Online 2018
          Considerato uno spin-off della serie principale, la serie descrive le vicissitudini di un gruppo di giocatori di un mondo virtuale (VR-MMO) di creazione americana, Gun Gale Online appunto, rappresentato come un mondo post-apocalittico popolato da sopravvissuti al rientro da un viaggio nello spazio.

          Chissà se, nel caso di un buon successo di pubblico anche dell’anime, Sword Art Online non potrà fare da traino per il rilancio del settore dei mondi virtuali anche fuori dal Giappone?

          Per ora una cosa è certa: anche nel mondo dei videogiochi Sword Art Online gode di buona salute, come dimostra l’interesse riscosso da Sword Art Online: Fatal Bullet, prodotto da Namco Bandai e a sua volta ambientato in Gun Gale Online.

          Se volete scoprire come andrà a finire, continuate a seguire Mondivirtuali.it, anche tramite il nostro account su Twitter e la nostra fanpage su Facebook (ma ricordate: Mondivirtuali è anche su Flickr, su Scoop.it e su Paper.li, oltre che su Youtube) e magari iscrivetevi alla nostra newsletter!

            by -
            minecraft record cover

            Minecraft continua a macinare numeri da record: secondo quanto dichiarato da Helen Chiang, direttore generale e responsabile del merchandising legato al mondo virtuale creato da Mojang (ormai parte del gruppo Microsoft) in una recente intervista, a dicembre 2017 le vendite totali del videogioco hanno superato quota 144 milioni.

            Minecraft: 74 milioni di utenti attivi a dicembre

            Non solo: sempre lo scorso mese sono stati superati i 74 milioni di utenti attivi, cifra che rappresenta un nuovo record storico per Minecraft, anche se la Chiang non ha precisato la ripartizione per piattaforma (ormai si può giocare a Minecraft su quasi ogni console vecchia o nuove oltre che su tablet e smartphone). top 10 videogames

            E’ il secondo videogioco più venduto di sempre

            Per un sandbox game sviluppato dal 2009 (i preordini furono accettati dal 13 giugno di quell’anno) e venduto dal 2011 con poche modifiche significative introdotte da allora, sono numeri decisamente importanti, che consentono a Minecraft di mantenere saldamente la seconda posizione nella classifica dei videogiochi più venduti di tutti i tempi.

            Solo Tetris ha superato Minecraft

            Una classifica che vede al primo posto il “mitico” Tetris (170 milioni di copie vendute), mentre al terzo posto la sfida resta aperta tra Gta 5, accreditato di 85 milioni di copie vendute, e Wii Sports (poco sotto gli 83 milioni). Staccati tutti gli altri, con Super Mario Bros, il più famoso titolo di Nintendo, che supera di poco i 40 milioni di copie vendute.

            Se vi è piaciuto questo articolo, condividetelo coi vostri amici e continuate a seguire Mondivirtuali.it, anche tramite il nostro account su Twitter e la nostra fanpage su Facebook (ma ricordate: Mondivirtuali è anche su Flickr, su Scoop.it e su Paper.li, oltre che su Youtube) e magari iscrivetevi alla nostra newsletter!

              by -
              minecraft story mode season 2 finale cover

              Minecrat Story Mode, un mix riuscito

              Vi ricordate di Minecraft Story Mode (MCSM), il gioco d’avventura pubblicato a puntate da Telltate Games in collaborazione con Mojang, ideatore di Minecraft, venduto a Microsoft (dopo quale dubbio) per 2,5 miliardi di dollari?

              Ne avevamo parlato in occasione del suo lancio sul mercato e poi di quello che sembrava l’ultimo titolo (il quinto della serie), notando come fosse un mix riuscito di gioco e narrazione lineare, un “ibrido” tra il modello televisivo e quello dei mondi virtuali.

              Dopo la prima stagione 3 add on

              In realtà, come hanno scoperto gli appassionati di video giochi, dopo la prima stagione (“Season Pass”) Jesse e i suoi amici hanno vissuto altre 3 avventure nel corso del 2016, distribuite come “add on” della prima stagione (l’episodio 6, intitolato “A Portal to Mistery”, l’episodio 7, “Access Denied” e l’episodio 8, “A Journeys’ End?”).

              Questi tre episodi, nel loro insieme noti come “Adventure Pass”, concludevano di fatto la prima stagione e sembrava potessero concludere anche la serie.

              Questa stagione sarà l’ultima?

              Invece no: nel corso di quest’anno sono stati distribuiti altri 4 episodi della seconda stagione (per ora nota semplicemente come “Season 2”), che cronologicamente si svolge circa 5-7 anni dopo le vicende narrate dalla prima: “Hero in Residence”, “Giant Consequences”, “Jainhouse Block” e “Below the Bedrock”, come sempre a partire dall’estate.

              Tra pochi giorni anche la seconda stagione terminerà col quinto episodio, “Above and Beyond”. Nell’attesa che arrivi nei negozi, eccovi il teaser del quinto episodio della seconda stagione di Minecraft Story Mode.

              Sarà davvero l’ultima avventura per Jessy e i suoi compagni? Se volete scoprirlo, continuate a seguire Mondivirtuali.it, anche tramite il nostro account su Twitter e la nostra fanpage su Facebook (ma ricordate: Mondivirtuali è anche su Flickr, su Scoop.it e su Paper.li, oltre che su Youtube) e magari iscrivetevi alla nostra newsletter!

              by -

              Può un videogioco con una grafica totalmente ispirata agli anni Trenta del secolo scorso, ricco di citazioni e riferimenti a personaggi dei cartoni e dei fumetti ma anche a icone del cinema e della musica americana degli inizi del ventesimo secolo, trasformarsi in un successo clamoroso ottant’anni dopo? Può ed è successo con Cuphead.

              Cuphead oltre il milione di copie vendute

              Cuphead è il primo videogioco sviluppato da MDHR Studio che il 13 ottobre scorso, dopo sole due settimane dal lancio ha annunciato di aver già venduto oltre 1 milione di copie del videogioco e dunque oltre 20 milioni di dollari di incassi: per uno sviluppatore indipendente è un ottimo inizio, tanto più dopo una lunga gestazione (il primo trailer del videogioco fu presentato già al E3 2014).

              Il videogioco viene descritto dai suoi creatori come “un classico gioco d’azione corri e spara, focalizzato sulle battaglie contro i boss”, la cui grafica è stata creata seguendo l’originale metodo di lavoro degli anni Trenta, ossia tramite “animazione tradizionale disegnata a mano su fogli di acetato trasparente, sfondi con colori ad acqua e temi musicali jazz originali”. Il risultato è a dire poco spettacolare, parola del nostro tester di fiducia, David Progamer. cuphead sketch

              Tantissime citazioni nel gioco

              Tra le citazioni esplicite del gioco, i ragazzi di MDHR Studio (sviluppatore indipendente di videogiochi fondato dai fratelli Chad e Jared Moldenhauer, all’esordio proprio con Cuphead, progetto per il cui sviluppo è stato impegnato un team di 19 persone) citano Gunstar Heroes (Seven Force!), Contra III, Contra Hard Corps, Super Mario World, le serie Thunderforce e Street Fighter III. Ma anche all’occhio meno esperto non passeranno inosservate le citazioni di personaggi quali Braccio di Ferro, Betty Boop e Topolino. cuphead screenshot

              Il boss Re Dado (King Dice) è un omaggio a Cab Calloway, il celebre cantante jazz autore di Minnie the Moocher, le Inkwell Isles sono un chiaro riferimento agli Inkwell Studios dei fratelli Fleischer (che realizzarono i cartoon di Betty Boop, Braccio di Ferro, Superman e Koko il Clown, a sua volta prima citazione di Cab Calloway). Se riuscite a scovare altre citazioni nascoste nella trama e tra i personaggi, segnalatecele e noi le aggiungeremo, naturalmente!

              Non perdete la pazienza troppo spesso

              Cuphead è dunque un gioco o, un progetto culturale? Entrambe le cose, per cui potrete godervelo a lungo, con una sola avvertenza: vincere le battaglie coi boss non è affatto facile come sembra soprattutto perché non si capisce molto bene dove poter colpire i boss e dove si trovano esattamente le hitbox di proiettili e nemici. Cosa che fa perdere tempo, concentrazione e… vite! cuphead screenshot

              Evitate di scagliare troppo spesso il vostro controller contro lo schermo e seguite il consiglio di David Progamer: quando proprio non riuscite a superare un livello, spegnete tutto e andate a fare quattro passi coi vostri amici, scambiandovi trucchi e soluzioni.

              Se questo articolo vi è piaciuto e ne volete leggere altri, fatecelo sapere e continuate a seguire Mondivirtuali.it, anche tramite il nostro account su Twitter e la nostra fanpage su Facebook (ma ricordate: Mondivirtuali è anche su Flickr, su Scoop.it e su Paper.li, oltre che su Youtube).

              I più letti ultima settimana / Most read last 7 days

              goldman sachs ar vr cover

              Goldman Sachs ha analizzato le possibile evoluzione della realtà virtuale e della realtà aumentata elaborando tre possibili scenari e le loro conseguenze