Tags Posts tagged with "videogiochi"

videogiochi

    by -
    Comicon2018 cover

    Il Comicon di Napoli ha compiuto 20 anni e li ha celebrati con un’edizione, Comicon2018, in grado di soddisfare non solo gli appassionati di fumetti e manga, ma anche di videogiochi, cosplay, wargames, giochi da tavolo, escape room, modellismo, scacchi e tanto altro ancora.

    Comicon2018 mattina

    Comicon2018: fumetti, cosplayer e altro

    Raccontare Comicon2018 non è facile, se non provando a ricordare che dal 28 aprile al 1 maggio presso la Mostra d’Oltremare a Napoli migliaia di ragazzi e ragazze, ma anche “over 40” e intere famiglie si sono ritrovati per sciamare per ore, ininterrottamente, tra le sale dove erano esposte le tavole originali dei più famosi autori di fumetto italiani e stranieri, gli stand dei principali editori e distributori, come Bonelli e Panini, la mostra mercato dove si potevano ritrovare in perfette condizioni i vecchi albi dalla Disney alla Editrice Corno.

    Comicon2018 videogiochi in realtà virtuale

    Comicon2018: videogiochi in realtà virtuale

    E poi ancora: c’erano postazioni di videogiochi in realtà virtuale per tutti i gusti, intere batterie di computer dove sfidare in torneo tanti altri videogiocatori, escape room dedicate a Harry Potter o a tema horror, un intero asian village per gli amanti di manga e cosplay dedicati alla cultura asiatica e un parco con rievocazioni storiche. Ma forse i veri protagonisti di Comicon2018 sono stati proprio i suoi visitatori, centinaia dei quali in costume da cosplayer ispirati dalle saghe manga come Onepiece o Naruto ai villain di Batman, dai temi steampunk alle serie tv come Doctor Who o il Trono di Spade.

    Comicon2018 cosplay

    Comicon2018: dai gumpla al tiro con l’arco

    Noi ci siamo stati l’ultimo giorno, ci siamo divertiti, abbiamo trascorso un’intera giornata senza mai fermarci un attimo, girando per gli stand, fotografando i cosplayer più originali, tutti molto disponibili, divertendoci a montare gunpla Bandai che abbiamo poi portato a casa (gentile omaggio ai visitatori da parte del gruppo Gunpla Builder Campania), tirare con l’arco medioevale, giocare a scacchi e… rammaricandoci che il tempo dentro all’universo di Comicon2018 scorre ad una velocità accelerata, entri di prima mattina ed è già sera.

    Comicon2018 sera

    Ci torneremo anche l’anno venturo, voi se volete restare sempre informati sulle ultime novità in fatto di videogiochi, cosplay e mondi virtuali e fantastici, continuate a seguire Mondivirtuali.it, anche tramite il nostro account su Twitter e la nostra fanpage su Facebook (ma ricordate: Mondivirtuali è anche su Flickr, su Scoop.it e su Paper.li, oltre che su Youtube) e magari iscrivetevi alla nostra newsletter!

      by -
      Bendy and the Ink Machine cover

      Bendy and the Ink Machine, arriva il quarto capitolo

      Bendy and the Ink Machine continua a far parlare di sé: in attesa del lancio del quarto capitolo, annunciato poco giorni fa da un trailer ufficiale (lo trovate a fine articolo), TheMeatly Games, casa produttrice che ha sviluppato l’ormai famoso videogioco puzzle action horror in prima persona (se siete appassionati è anche possibile acquistare numerosi gadget nello store ufficiale) ha presentato una serie di novità che riguardano anche i capitoli precedenti.

      Rimasterizzazione del primo capitolo

      Per il primo capitolo, scaricabile gratis da Steam (qui) ancora per qualche giorno, si preannuncia una “gigantesca rimasterizzazione”, che sarà disponibile in contemporanea col lancio del quarto capitolo.
      Bendy and the Ink Machine chapter 1

      Revisione del secondo capitolo

      Non contenta, TheMeatly Games ha annunciato anche una riedizione del secondo capitolo di Bendy and the Ink Machine, che dovrebbe rendere il capitolo “più ampio e migliore”. Come per il primo, l’originale secondo capitolo del videogioco è per ora scaricabile a costi ridotti da Steam (qui).
      Bendy and the Ink Machine chapter 2

      Anche il terzo capitolo sarà ampliato

      Poteva mancare una sorpresa per il terzo capitolo di Bendy and the Ink Machine? Certo che no, infatti TheMeatly Games ha annunciato anche delle estensioni che come per i primi due capitoli del videogioco saranno lanciate in contemporanea col nuovo quarto capitolo. Se volete scaricare a costi ridotti da Steam l’originale terzo capitolo, lo trovate ancora per qualche giorno (qui).

      Bendy and the Ink Machine chapter 3

      Bendy and the Ink Machine: il nuovo trailer

      Ricordandovi che da poco è arrivato anche un capitolo di Bendy and the Ink Machine pensato per essere giocato sui vostri smartphone e tablet (Bendy in Nightmare Run), vi suggeriamo di andare a scaricare i primi tre capitoli del videogioco su Stream prima che vengano rimossi con l’arrivo del nuovo materiale.

      Intanto eccovi il trailer del quarto capitolo di Bendy and the Ink Machine tutto per voi. Se poi volete sapere come finirà, continuate a seguire Mondivirtuali.it, anche tramite il nostro account su Twitter e la nostra fanpage su Facebook (ma ricordate: Mondivirtuali è anche su Flickr, su Scoop.it e su Paper.li, oltre che su Youtube) e magari iscrivetevi alla nostra newsletter!

        by -
        minecraft story mode complete adventure 2 cover

        Minecraft Story Mode: The Complete Adventure 2, novità in arrivo

        Se amate Minecraft Story Mode: The Complete Adventure e possedete un Nintendo Switch, fate attenzione. Sul sito dell’USK, ovvero l’ente tedesco che valuta i videogiochi in arrivo nel paese, ha fatto la sua comparsa una voce dedicata appunto a “Minecraft Story Mode: The Complete Adventure Season Two” pubblicato da Telltale Games.

        Nella nota si legge che il gioco è del genere “avventura classica”, che è consigliato a partire da 6 anni di età (il gioco è considerato PEGI 7, ossia con un livello minimo di violenza a livello fantasy/cartoonistico, al pari di altri giochi come Crash Bandicoot, Spyro the Dragon, Kirby, Ratchet e Clank, Mega Man e alcuni titoli di Sonic the Hedgehog e di The Legend of Zelda) e che il sistema su cui può essere giocato è proprio la Nintendo Swtich.

        minecraft story mode complete adventure 2

        Telltate Games tace sullo sbarco sul Nintendo Switch

        Se non fosse che Telltale Games non ha mai annunciato ufficialmente quando sarebbe arrivata anche la seconda stagione di Minecraft Story Mode: The Complete Adventure, dopo che la prima stagione era sbarcata sulla console portatile di Nintendo nell’agosto del 2017. Secondo il sito Pcgames.de, l’attesa non dovrebbe durare molto.

        Questo vuol dire che già la prossima estate potreste essere in grado di giocare le nuove avventure di Jessy e dei suoi compagni sul vostro Nintendo Switch. Nel frattempo, potete allenarvi con la prima stagione di Minecraft Story Mode: The Complete Adventure, disponibile al prezzo di 5,99 euro su tutte le piattaforme (o provare la seconda stagione, in vendita da 17,39 euro, su PC, PlayStation 4, Xbox One e Mobile).

        Se volete sapere come andrà a finire, continuate a seguire Mondivirtuali.it, anche tramite il nostro account su Twitter e la nostra fanpage su Facebook (ma ricordate: Mondivirtuali è anche su Flickr, su Scoop.it e su Paper.li, oltre che su Youtube) e magari iscrivetevi alla nostra newsletter!

          by -
          sword art online alternative gun gale online cover

          Sword Art Online, storia che racconta le vicende di Kirito, un appassionato di mondi virtuali che vive una serie di avventure in vari MMO, di cui Mondivirtuali.it vi ha già parlato, vive un momento particolarmente felice: nel 2017 la serie di romanzi illustrati (light novel) scritta da Reki Kawahara e illustrata da Abec è risultata la più venduta in Giappone.

          Sword Art Online, un successo che continua

          In tutto sono state infatti vendute oltre 1,17 milioni di copie ed il volume 19 della serie è risultato il terzo più venduto in assoluto in tutto il Giappone, con oltre 315 mila copie. Questo il passato prossimo, il futuro è che a breve arriverà il lancio di una nuova serie televisiva animata (anime).
          sword art online gun gale
          La versione televisiva di Sword Art Online ha avuto un buon riscontro di pubblico anche in Italia, dove la prima serie (del 2011) è stata trasmessa prima sul sito di Popcorn Tv con sottotitoli (nel 2013), poi su Rai4 (nel 2014), interamente doppiata.
          Lo scorso anno è anche arrivata la versione cinematografica (Sword Art Online – The Movie: Ordinal Scale), che in Giappone ha incassato oltre 1 miliardo di yen, venendo distribuito anche in Italia senza troppo clamore (in tutto il mondo il film dovrebbe avere incassato poco meno di 21 milioni di dollari).

          In arrivo Alternative Gun Gale Online

          La nuova serie televisiva, Sword Art Online: Alternative Gun Gale Online, è riferita all’arco narrativo “Phantom Bullet”, ossia ai volumi quinto e sesto della light novel giapponese, e sarà trasmessa in anteprima in Giappone nella notte tra il 7 e l’8 aprile prossimi, prima di essere trasmessa da una serie di emittenti televisive giapponesi.
          Sword Art Online 2018
          Considerato uno spin-off della serie principale, la serie descrive le vicissitudini di un gruppo di giocatori di un mondo virtuale (VR-MMO) di creazione americana, Gun Gale Online appunto, rappresentato come un mondo post-apocalittico popolato da sopravvissuti al rientro da un viaggio nello spazio.

          Chissà se, nel caso di un buon successo di pubblico anche dell’anime, Sword Art Online non potrà fare da traino per il rilancio del settore dei mondi virtuali anche fuori dal Giappone? Per ora una cosa è certa: anche nel mondo dei videogiochi Sword Art Online gode di buona salute, come dimostra l’interesse riscosso da Sword Art Online: Fatal Bullet, prodotto da Namco Bandai e a sua volta ambientato in Gun Gale Online.

          Se volete scoprire come andrà a finire, continuate a seguire Mondivirtuali.it, anche tramite il nostro account su Twitter e la nostra fanpage su Facebook (ma ricordate: Mondivirtuali è anche su Flickr, su Scoop.it e su Paper.li, oltre che su Youtube) e magari iscrivetevi alla nostra newsletter!

            by -
            minecraft record cover

            Minecraft continua a macinare numeri da record: secondo quanto dichiarato da Helen Chiang, direttore generale e responsabile del merchandising legato al mondo virtuale creato da Mojang (ormai parte del gruppo Microsoft) in una recente intervista, a dicembre 2017 le vendite totali del videogioco hanno superato quota 144 milioni.

            Minecraft: 74 milioni di utenti attivi a dicembre

            Non solo: sempre lo scorso mese sono stati superati i 74 milioni di utenti attivi, cifra che rappresenta un nuovo record storico per Minecraft, anche se la Chiang non ha precisato la ripartizione per piattaforma (ormai si può giocare a Minecraft su quasi ogni console vecchia o nuove oltre che su tablet e smartphone). top 10 videogames

            E’ il secondo videogioco più venduto di sempre

            Per un sandbox game sviluppato dal 2009 (i preordini furono accettati dal 13 giugno di quell’anno) e venduto dal 2011 con poche modifiche significative introdotte da allora, sono numeri decisamente importanti, che consentono a Minecraft di mantenere saldamente la seconda posizione nella classifica dei videogiochi più venduti di tutti i tempi.

            Solo Tetris ha superato Minecraft

            Una classifica che vede al primo posto il “mitico” Tetris (170 milioni di copie vendute), mentre al terzo posto la sfida resta aperta tra Gta 5, accreditato di 85 milioni di copie vendute, e Wii Sports (poco sotto gli 83 milioni). Staccati tutti gli altri, con Super Mario Bros, il più famoso titolo di Nintendo, che supera di poco i 40 milioni di copie vendute.

            Se vi è piaciuto questo articolo, condividetelo coi vostri amici e continuate a seguire Mondivirtuali.it, anche tramite il nostro account su Twitter e la nostra fanpage su Facebook (ma ricordate: Mondivirtuali è anche su Flickr, su Scoop.it e su Paper.li, oltre che su Youtube) e magari iscrivetevi alla nostra newsletter!

              by -
              minecraft story mode season 2 finale cover

              Minecrat Story Mode, un mix riuscito

              Vi ricordate di Minecraft Story Mode (MCSM), il gioco d’avventura pubblicato a puntate da Telltate Games in collaborazione con Mojang, ideatore di Minecraft, venduto a Microsoft (dopo quale dubbio) per 2,5 miliardi di dollari?

              Ne avevamo parlato in occasione del suo lancio sul mercato e poi di quello che sembrava l’ultimo titolo (il quinto della serie), notando come fosse un mix riuscito di gioco e narrazione lineare, un “ibrido” tra il modello televisivo e quello dei mondi virtuali.

              Dopo la prima stagione 3 add on

              In realtà, come hanno scoperto gli appassionati di video giochi, dopo la prima stagione (“Season Pass”) Jesse e i suoi amici hanno vissuto altre 3 avventure nel corso del 2016, distribuite come “add on” della prima stagione (l’episodio 6, intitolato “A Portal to Mistery”, l’episodio 7, “Access Denied” e l’episodio 8, “A Journeys’ End?”).

              Questi tre episodi, nel loro insieme noti come “Adventure Pass”, concludevano di fatto la prima stagione e sembrava potessero concludere anche la serie.

              Questa stagione sarà l’ultima?

              Invece no: nel corso di quest’anno sono stati distribuiti altri 4 episodi della seconda stagione (per ora nota semplicemente come “Season 2”), che cronologicamente si svolge circa 5-7 anni dopo le vicende narrate dalla prima: “Hero in Residence”, “Giant Consequences”, “Jainhouse Block” e “Below the Bedrock”, come sempre a partire dall’estate.

              Tra pochi giorni anche la seconda stagione terminerà col quinto episodio, “Above and Beyond”. Nell’attesa che arrivi nei negozi, eccovi il teaser del quinto episodio della seconda stagione di Minecraft Story Mode.

              Sarà davvero l’ultima avventura per Jessy e i suoi compagni? Se volete scoprirlo, continuate a seguire Mondivirtuali.it, anche tramite il nostro account su Twitter e la nostra fanpage su Facebook (ma ricordate: Mondivirtuali è anche su Flickr, su Scoop.it e su Paper.li, oltre che su Youtube) e magari iscrivetevi alla nostra newsletter!

                by -

                Può un videogioco con una grafica totalmente ispirata agli anni Trenta del secolo scorso, ricco di citazioni e riferimenti a personaggi dei cartoni e dei fumetti ma anche a icone del cinema e della musica americana degli inizi del ventesimo secolo, trasformarsi in un successo clamoroso ottant’anni dopo? Può ed è successo con Cuphead.

                Cuphead oltre il milione di copie vendute

                Cuphead è il primo videogioco sviluppato da MDHR Studio che il 13 ottobre scorso, dopo sole due settimane dal lancio ha annunciato di aver già venduto oltre 1 milione di copie del videogioco e dunque oltre 20 milioni di dollari di incassi: per uno sviluppatore indipendente è un ottimo inizio, tanto più dopo una lunga gestazione (il primo trailer del videogioco fu presentato già al E3 2014).

                Il videogioco viene descritto dai suoi creatori come “un classico gioco d’azione corri e spara, focalizzato sulle battaglie contro i boss”, la cui grafica è stata creata seguendo l’originale metodo di lavoro degli anni Trenta, ossia tramite “animazione tradizionale disegnata a mano su fogli di acetato trasparente, sfondi con colori ad acqua e temi musicali jazz originali”. Il risultato è a dire poco spettacolare, parola del nostro tester di fiducia, David Progamer. cuphead sketch

                Tantissime citazioni nel gioco

                Tra le citazioni esplicite del gioco, i ragazzi di MDHR Studio (sviluppatore indipendente di videogiochi fondato dai fratelli Chad e Jared Moldenhauer, all’esordio proprio con Cuphead, progetto per il cui sviluppo è stato impegnato un team di 19 persone) citano Gunstar Heroes (Seven Force!), Contra III, Contra Hard Corps, Super Mario World, le serie Thunderforce e Street Fighter III. Ma anche all’occhio meno esperto non passeranno inosservate le citazioni di personaggi quali Braccio di Ferro, Betty Boop e Topolino. cuphead screenshot

                Il boss Re Dado (King Dice) è un omaggio a Cab Calloway, il celebre cantante jazz autore di Minnie the Moocher, le Inkwell Isles sono un chiaro riferimento agli Inkwell Studios dei fratelli Fleischer (che realizzarono i cartoon di Betty Boop, Braccio di Ferro, Superman e Koko il Clown, a sua volta prima citazione di Cab Calloway). Se riuscite a scovare altre citazioni nascoste nella trama e tra i personaggi, segnalatecele e noi le aggiungeremo, naturalmente!

                Non perdete la pazienza troppo spesso

                Cuphead è dunque un gioco o, un progetto culturale? Entrambe le cose, per cui potrete godervelo a lungo, con una sola avvertenza: vincere le battaglie coi boss non è affatto facile come sembra soprattutto perché non si capisce molto bene dove poter colpire i boss e dove si trovano esattamente le hitbox di proiettili e nemici. Cosa che fa perdere tempo, concentrazione e… vite! cuphead screenshot

                Evitate di scagliare troppo spesso il vostro controller contro lo schermo e seguite il consiglio di David Progamer: quando proprio non riuscite a superare un livello, spegnete tutto e andate a fare quattro passi coi vostri amici, scambiandovi trucchi e soluzioni.

                Se questo articolo vi è piaciuto e ne volete leggere altri, fatecelo sapere e continuate a seguire Mondivirtuali.it, anche tramite il nostro account su Twitter e la nostra fanpage su Facebook (ma ricordate: Mondivirtuali è anche su Flickr, su Scoop.it e su Paper.li, oltre che su Youtube).

                by -
                realtà virtuale cover

                La realtà virtuale ha già i giorni contati? A giudicare dai segnali provenienti dal settore del gaming, ma non solo, sembrerebbe di sì. Così crescono i dubbi su quale possa essere realmente il futuro per mondi virtuali come Sansar o High Fidelity. Il problema potrebbe essere legato al valore negativo attribuito dalla maggioranza delle persone al concetto stesso di virtualità.

                Eve Online

                CCP Games (Eve Online) taglia costi e sviluppi

                L’ultimo annuncio che ha scosso, negativamente, il settore della realtà virtuale è arrivato da CCP Games, sviluppatore del famoso MMO Eve Online, ad esempio, che ha annunciato la chiusura di due dei suoi studi, quello di Newcastle da cui è nato Eve: Valkyrie, e quello di Atlanta che si occupava dello sviluppo di titoli per la realtà virtuale, e lo stop allo sviluppo di ulteriori progetti VR.

                Secondo l’azienda, in sostanza, la realtà virtuale non ha attratto abbastanza giocatori da ripagare gli elevati costi di sviluppo e lo stesso Eve: Valkyrie è di fatto un mondo virtuale deserto, nonostante l’uscita a settembre dell’espansione Eve: Valkyrie – Warzone dotato di nuove mappe e nuovi equipaggiamenti e giocabile, nella versione multiplayer, in modalità cross-platform e cross-dimension (ossia anche da giocatori senza visore VR).

                Sansar VR Cult

                Sansar e High Fidelity sono a rischio?

                Lo stesso destino potrebbe riguardare Sansar? In molti si chiedono se Linden Lab avrà le risorse finanziarie e in termini di competenze per sviluppare pienamente Sansar (avendo anche deciso di sviluppare un proprio motore grafico anziché affidarsi a Unreal o Unity) e riuscire a promuoverlo al punto da non farlo assomigliare a un deserto. Un discorso che vale a maggior ragione per High Fidelity, al momento ancora più indietro nello sviluppo.

                Ma non è solo il settore del gaming a lanciare segnali quanto meno poco rassicuranti: come ha sottolineato il blogger e noto “residente” di Second Life Wagner James Au, anche il settore del “pornoVR” non sembra registrare alcuna crescita significativa nel numero di utilizzatori, che restano una frazione infinitesima del traffico mondiale del settore.

                Nel caso del celebre sito Pornhub, ad esempio, si può stimare che non vi siano più di 50 mila utenti al giorno, a fronte di una media di 26 milioni di utilizzatori giornalieri, interessati ai contenuti VR.

                Spectacles Snapchat

                Google e Snapchat delusi dalla AR

                Così due dei supposti “driver” per la crescita dell’adozione della tecnologia VR sembrano avere più problemi del previsto. Il prezzo dei visori ha certamente avuto finora un impatto, ma oltre a questo la sensazione (confermata anche dal sostanziale fallimento di progetti legati a dispositivi di realtà aumentata come i Google Glass o gli Spectacles Snapchat) è che gli utenti non gradiscano dover indossare sul proprio volto dei dispositivi che alterano la realtà.

                Alla fine il problema di tutto quanto è “virtuale” non sarà proprio nel fatto che la maggior parte delle persone continua, a ragione o torto, a ritenere la virtualità un valore negativo, come emerso già alcuni anni fa da un sondaggio di Mondivirtuali?

                Se volete scoprirlo e scoprire come andrà a finire, continuate a seguire Mondivirtuali.it, anche tramite il nostro account su Twitter e la nostra fanpage su Facebook (ma ricordate: Mondivirtuali è anche su Flickr, su Scoop.it e su Paper.li, oltre che su Youtube).

                by -
                halloween 2017 cover

                Halloween sembra essere la festa più apprezzata da produttori e utenti di video giochi e mondi virtuali: ogni anno nelle settimane che precedono la festa, mentre nelle case, soprattutto in America, spuntano addobbi e zucche intagliate (se volete in questa gallery ne trovate di ogni tipo) su Second Life, Sansar e High Fidelity è una corsa a creare eventi, contest e località oscure e spaventose. Pianeta Segreto Halloween 2017

                Pianeta Segreto vi offre un castello

                Non sfugge alla regola neppure Pianeta Segreto (se non sapete come funziona Pianeta Segreto, ve lo spieghiamo noi), che ha in programma nella piazza principale, addobbata di zucche e teschi per l’occasione, una festa a tema con premi zaby, vestiti, 500 rays in palio e la presentazione dei nuovi oggetti a tema Halloween, che verranno aggiunti nel pannello, e del nuovo gioco “Scassa & Vinci”.

                Se tutto questo non fosse abbastanza, su Pianeta Segreto hanno lanciato due contest speciali (Mad Scientist Labor e Mad Scientist Outfit) per designer e stilisti: in palio un castello “del terrore” per il quale non dovrete paghere l’affitto.

                Film horror e balli su High Fidelity

                Su High Fidelity, che di recente ha migliorato la compressione di texture e mesh riducendo drasticamente il tempo di attesa per caricare le scene (in media da 21 a 7 secondi), prima si potrà guardare un film dell’orrore (dalle 4 alle 5:30 di pomeriggio PDT), poi danzare nella sala da ballo virtuale Spookytown (dalle 5:30 alle 8 di pomeriggio PDT). Halloween Town

                Contest e land a tema in Second Life

                Di Sansar, che in questi giorni ha deciso di estendere sino al 31 gennaio prossimo il periodo di prova gratuito degli abbonamenti per Creator, e delle numerose località a tema e contest per Halloween avete già letto su Mondivirtuali.

                Di Second Life occorrerebbe parlare a lungo, tante sono le feste e i contest a tema organizzati dagli stessi utenti e creativi che da anni animano il mondo virtuale di Linden Lab. Vi segnaliamo solo che anche quest’anno Halloween Town è più sfavillante che mai e che è possibile partecipare ad una gara di decorazioni a base di zucche con 4 mila linden dollar (circa 13 euro) di premi.

                Se amate l’horror, potete anche visitare Caderu e partecipare al mini-gioco a premi organizzato nella land o al contest fotografico. Sperando che queste “paurose” novità vi abbiano incuriosito, vi suggeriamo di visitare voi stessi le piattaforme descritte e prendere parte alle attività proposte.

                Se poi volete sapere come andrà a finire per mondi vituali e altre tecnologie geek, continuate a seguire Mondivirtuali.it, anche tramite il nostro account su Twitter e la nostra fanpage su Facebook (ma ricordate: Mondivirtuali è anche su Flickr, su , su Scoop.it e su Paper.li, oltre che su Youtube).

                by -
                videogiochi investimento cover

                I videogiochi rappresentano solo uno svago o possono essere anche un settore su cui investire, anche in ottica di investimenti socialmente responsabili  (SRI)? Se lo sono chiesti gli esperti di Degroof Petercam AM, sottolineando come esista una differenza significativa tra il gioco d’azzardo, in cui la società di gestione non investe, e i videogiochi, in cui investono eccome avendo un’opinione positiva sul settore videoludico.

                La rivoluzione digitale cambia la visione del settore

                Anzitutto, notano gli esperti, la visione secondo cui gli sviluppatori di videogiochi hanno modelli di business intrinsecamente imprevedibili, con profitti volatili, sta diventando obsoleta.

                Non solo il settore si è consolidato nel corso degli anni, ma è diventato meno dipendente da pochi titoli e molti di essi hanno un ciclo di utili molto più lungo di un tempo (se pensate ai principali mondi virtuali come Second Life, World of Warcraft o Minecraft, ma non solo, ciò è evidente, ndr).

                In secondo luogo, le vendite digitali aumentano notevolmente i margini per gli sviluppatori di videogiochi e questo è ancora più positivo per le società proprietarie di console (ossia Microsoft, Nintendo e Sony).

                videogiochi investimento vr

                Inoltre, un crescente volume di ricavi deriva dall’acquisto di articoli resi disponibili all’interno dell’esperienza di gioco, acquistabili grazie al passaggio a piattaforme digitali. Infine secondo gli esperti vi è una grande opportunità legata al cosiddetto “eSport” e alla pubblicità.

                La crescita travolgente del eSport

                Immaginate che ogni città del vostro paese, accanto al tradizionale team calcistico, abbia una vera e propria squadra che gioca un videogioco particolare”, spiegano gli esperti di Degroof Petercam AM. “Questi giocatori, così come le loro controparti calcistiche, sono stelle a sé stanti, guadagnano di più rispetto alla maggior parte delle persone comuni, e sono coinvolti in partite settimanali contro altre squadre seguite da migliaia di tifosi”.

                Non ci credete? Allora sappiate che la finale del campionato mondiale del videogioco online “League of Legends” ha visto la partecipazione di 43 milioni di spettatori, più che per le finali Nba e la maggior parte delle altre grandi finali sportive.

                Così non stupisce che la Bbc abbia appena annunciato che porterà a 4 le ore di copertura live di eSport ogni fine settimana per le prossime sei settimane, dopo che già la belga Sports Eleven ha deciso di trasmettere 6 ore di live eSport settimanalmente.

                Videogiochi sempre più importanti

                Certo, c’è una grande diversità nel settore dei videogiochi ed è difficile saltare a conclusioni sui singoli titoli, ci sono diversi generi di giochi, che possono essere giocati in modo cooperativo o competitivo, online e offline, con gli amici o da soli.

                videogiochi investimento trading

                Comunque la si pensi, il gioco è dunque destinato a diventare una parte sempre più importante della nostra vita, concludono gli esperti, ribadendo che è importante distinguere tra un settore controverso come il gioco d’azzardo e quello dei videogiochi, che ha invece saputo sviluppare una serie di approcci diversi, come il focus educativo o collaborativo.

                La ricerca è ancora agli albori, ma vi sono effetti positivi dei videogiochi che non vanno trascurati: “Riconosciamo i potenziali pericoli, pertanto sosteniamo gli sviluppatori di videogiochi affinché si impegnino attivamente in modo socialmente responsabile” concludono i gestori di Degroof Petercam AM.

                Se poi volete sapere come andrà a finire, continuate a seguire Mondivirtuali.it, anche tramite il nostro account su Twitter e la nostra fanpage su Facebook (ma ricordate: Mondivirtuali è anche su Flickr, su Pinterest, su Scoop.it e su Paper.li, oltre che su Youtube).

                I più letti ultima settimana / Most read last 7 days