Tags Posts tagged with "edizioni volando"

edizioni volando

    by -
    1350
    amore in gola cover

    Vincitrice per la categoria “narrativa” del Premio Edizioni Volando 2015, Costantine Ametza è l’autrice di “Amore in gola”. Proseguendo nella nostra rassegna, dopoAvatardi Wizardoz Chrome e “Profili” di Ashianthy Shephered, vi proponiamo dunque l’incipit di “Amore in gola”, certi di offrirvi una lettura divertente e tale da indurvi a scoprire come andrà a finire, acquistando (al costo simbolico di soli 100 linden, vale a dire circa 25 centesimi di euro) il racconto in Second Life presso la sede di Edizioni Volando. Buona lettura.

    Amore in golaStava seduto su una sedia stile rococò con i gomiti appoggiati sui braccioli e l’aria placida e sorridente. Ogni tanto qualcuno si avvicinava per chiedere un autografo e per cinguettare i soliti complimenti. Il fatto che avesse pubblicato un libro di ricette il cui titolo richiamava quello di un famoso romanzo di successo a sfondo erotico, aveva attirato l’attenzione dei media, della critica e anche la mia. Sapevo, grazie alla soffiata di un’amica di un’amica che lo conosceva dai tempi del liceo, che quella sera avrebbe cenato in questo ristorante col suo editore.

    Lo osservavo golosa da dietro una colonna, incantata dalla lucidità con cui riusciva a districarsi tra una poesia e un piatto di escargot a la giulienne. Le sue forme rotonde testimoniavano le disfatte desiderate combattendo battaglie di amori libidinosi con ingredienti afrodisiaci e sensuali. E più si abbandonava ai sapori del piatto appena servito, più distinguevo nel suo sguardo quel fuoco che arde quando i sensi inebriati dal sapore inumidiscono la bocca e la necessità di bagnarsi le dita e di stringerle tra le labbra vince su ogni regola del buon gusto.

    Io vedevo brillare i suoi occhi e mano a mano che il vino lo scaldava potevo intravedere qualche centimetro di pelle in più. Vibravo alla vista di quello spettacolo e sentivo la brama crescere dentro. Questi pensieri aumentavano la mia salivazione e mentre lui cominciava il suo pasto, io mi preparavo al mio. Con una piccola mancia al cameriere ottenni di ricevere le stesse portate ordinate dal tavolo che osservavo con tanto desiderio, e con gli stessi tempi.

    Bene, se l’incipit di “Amore in gola” vi è piaciuto e siete curiosi di conoscere altri racconti presentati al Premio Edizioni Volando 2015 non vi resta che continuare a seguire Mondivirtuali.it, anche tramite il nostro account su Twitter e la nostra fanpage su Facebook (ma ricordate: Mondivirtuali è anche su Flickr, su Pinterest, su Scoop.it e su Paper.li, oltre che su Youtube).

      by -
      882
      profili cover

      Premiata per la sezione saggistica al Premio Edizioni Volando 2015, Ashianthy Shephered con “Profili” ha provato a tratteggiare alcuni “tipi da seconda vita” che popolano il mondo virtuale creato da Linden Lab ed abitato tuttora da centinaia di migliaia di utenti, tra cui alcune decine di migliaia di italiani.

      profiliCome già abbiamo fatto con “Avatar” di Wizardoz Chrome, vi proponiamo un breve estratto dall’opera, che potete acquistare per la somma poco più che simbolica di 100 linden dollar presso la sede di Edizioni Volando o nei chioschi di Edizioni Volando disseminati per Second Life. Buona lettura.

      Profili essellinani:

      1- L’essenziale – Foto dell’avatar risalente al Mesozoico, sezione web e interessi rigorosamente vuote. Pics una o due, con il default della land cui si riferiscono. Sezione RL con tutto quello che devi sapere: maschio, italiano, etero.

      2- L’erudito/erudita – Il suo profilo è tutto una citazione di frasi celebri, brani celebri, tutto celebre… Se ha studi classici alle spalle te lo fa pesare citando nel suo profilo il poeta polacco sconosciuto al resto del mondo tranne che a lui/lei, morto suicida e con il tormento nell’anima. Tu sei ignorante, lui/lei no. Tienilo ben presente in caso di Istant Message (IM).

      3- Il falso erudito/erudita – Ha letto il profilo sopra descritto, ha pensato “boia se ne sa…” e ha deciso di emularne lo stile. Ovviamente, mancandogli/mancandole le basi, solitamente finisce per riproporre l’ennesima frasetta di Paolo Coleho (se è una femminuccia) o di Jim Morrison (se è un maschietto).

      Vi ha incuriosito questo breve brano introduttivo di “Profili”? Continuata a seguire Mondivirtuali.it anche tramite il nostro account su Twitter e la nostra fanpage su Facebook (ma ricordate: Mondivirtuali è anche su Flickr, su Pinterest, su Scoop.it e su Paper.li, oltre che su Youtube), perché vi proporremo altri incipit di opere che hanno partecipato al Premio Edizioni Volando 2015.

        by -
        1510
        Wizardoz Chrome Avatar cover

        Come preannunciato, iniziamo a presentarvi le opere che hanno partecipato all’edizione 2015 del Premio Edizioni Volando. Per la sezione “varianti” è stata premiata Wizardoz Chrome, una ragazza di Milano autrice della raccolta fotografica “Avatar”. Wizardoz è un’artista nota in Second Life per i suoi machinima quanto per le sue fotografie virtuali, che siamo certi non mancheranno di affascinarvi. Di seguito alcuni degli scatti che trovate in Avatar: se volete acquistare l’intero volume vi basterà recarvi a Volando Island, in Second Life, e acquistarlo presso la sede di Edizioni Volando al prezzo simbolico di 100 linden (ai cambi attuali pari a poco meno di 4 centesimi di euro).

        Wizardoz Chrome Avatar - Another Day
        Wizardoz Chrome Avatar – Another Day
        Wizardoz Chrome Avatar - Copper
        Wizardoz Chrome Avatar – Copper
        Wizardoz Chrome Avatar - Sirena
        Wizardoz Chrome Avatar – Sirena

        Se vi sono piaciute le immagini di Wiz potete anche seguire la sua fanpage su Facebook, mentre per continuare a scoprire le opere presentate all’ultima edizione del Premio Edizioni Volando non vi resta invece che continuare a seguire Mondivirtuali.it, anche tramite il nostro account su Twitter e la nostra fanpage su Facebook (ma ricordate: Mondivirtuali è anche su Flickr, su Pinterest, su Scoop.it e su Paper.li, oltre che su Youtube).

          by -
          1642

          Concorso Edizioni Volando 2015Sì è tenuta venerdì 9 gennaio 2015 la serata conclusiva, con relativa premiazione, del Concorso letterario Edizioni Volando 2015, a cui ho avuto il piacere di partecipare in qualità di presidente di giuria. Dirò subito che non è stato così difficile giudicare i lavori presentati, tutti di buona qualità ma comunque con un bilancio di pregi e difetti che è stato giudicato abbastanza omogeneamente dalla giuria che ho presieduto.  Hanno preso parte al concorso Margherita Hax con “Il grande acquario virtuale”, Contessa 1962 con “Una storia mai raccontata”, Cordediseta Rose con “Ti sfioro ma non tocco nulla”, Ashianthy Shephered con “Profili”, Prieste Spiritor con “Un giorno tra mille solitudini”, Costantine Ametza con “Amore in gola”, Frabellic Sparta con “Guardatelo, il frocetto sta piangendo” e Wizardoz Chrome con “Avatar”.

          Giuria Concorso Edizioni Volando 2015Fuori concorso erano presentate anche le opere di Cordediseta Rose “Il veliero di Alhambra” e Aquiladellanotte KondorIn principio era la terra”: nel primo caso un racconto molto interessante ma di dimensioni superiori a quelle previste dalle regole del concorso, nel secondo caso per espressa volontà dell’autore che ha preferito declinare la possibilità di partecipare al concorso pur presentando l’opera che è così tra le nuove proposte che trovate nel catalogo di Volando Amat (e che è stato giudicato meritevole di una menzione speciale da parte della giuria per la qualità dell’opera stessa). Dopo una piacevole serata in cui Marjorie Fargis ha presentato un brano di ciascuna opera, intervistando gli autori presenti, è stata la volta della proclamazione dei vincitori: Prieste Prior per la categoria “poesia”, Costantine Ametza per la categoria “narrativa”, Ashianthy Shephered per la categoria “saggistica”, Wizardoz Chrome per la categoria “varianti” (“Avatar” è una interessante raccolta di scatti “in world” di Wiz, autrice anche di tutte le immagini che vedete in questo articolo).

          Concorso Edizioni Volando 2015 LukemaryA completare una serata che ha visto una cospicua partecipazione di pubblico, un concerto dal vivo al pianoforte di Horus Cedrus durato fino alle due del mattino, che ha incollato ai monitor tanti utenti italiani di Second Life e relativi avatar. Con Volando Amat abbiamo deciso di iniziare ora a presentarvi anche su Mondivirtuali.it  l’incipit di ogni nuova proposta presentata al Concorso Edizioni Volando 2015, quindi continuate a seguire Mondivirtuali anche tramite il nostro account su Twitter e la nostra fanpage su Facebook (ma ricordate: Mondivirtuali è anche su Flickr, su Pinterest, su Scoop.it e su Paper.li, oltre che su Youtube).

            by -
            1679
            Edizioni Volando sede

            Elena NoVi piace scrivere ma non avete mai avuto modo di mettervi alla prova? Sognate di mondi fantastici in cui ambientare le vostre storie? Conoscete cosa siano i mondi virtuali e gli avatar? Se avete risposto sì a tutte e tre le domande affrettatevi, perché è stata appena lanciata la nuova edizione del concorso per testi “avatariani” di Edizioni Volando, ossia un concorso letterario cui possono partecipare tutti coloro che posseggono un avatar in Second Life.

            Lo ha annunciato Elena No (già nota in Second Life come Volando Amat, ovvero 3Elana di cui abbiamo già avuto modo di parlarvi) sul gruppo su Facebook di Edizioni Volando , precisando che anche in questo caso come nelle edizioni precedenti del concorso non saranno accettati testi ambientati esclusivamente nella realtà e senza alcun riferimento alla vita virtuale. Chi volesse partecipare “in avatar e penna”, potrà inviare sia un racconto breve sia una poesia.

            Edizioni Volando sedeNel primo caso il testo di narrativa dovrà avere una lunghezza compresa tra le 3 e le 10 cartelle (una cartella equivale a 1.500 battute), nel secondo ogni testo poetico dovrà contenere un massimo di 10 componimenti. In ogni caso non si tratta di termini rigorosi ma di linee guida: Elena stessa ricorda che, come sempre, si accetteranno anche testi scritti su note card e senza contare le battute, purché si tenga presente che trattandosi di opere da stampare e diffondere poi all’interno della piattaforma di Second Life non potranno avere le dimensioni di un libro reale (è possibile ed anzi consigliato fare una visita alla sede di Edizioni Volando, dove si potrà prendere prendere visione degli altri libri già stampati dalla casa editrice virtuale).

            Una volta che il vostro racconto o la vostra raccolta di versi poetici siano pronti, potete inviare il tutto a indra (at) dadoweb.it oppure passarlo attraverso una note card direttamente a 3Elena “in world” (ossia all’interno di Second Life). Termine ultimo per l’invio del materiale è il 30 novembre prossimo, con premiazione finale che dovrebbe seguire presumibilmente prima di Natale.  Buona fortuna a tutti e se volete restare aggiornati sulle novità relative allo scrivere e ai mondi virtuali continuate a seguirci oltre che sul sito anche tramite il nostro account su Twitter e la fanpage su Facebook (ma ricordate: Mondivirtuali è anche su Flickr, su Scoop.it e su Paper.li).

            by -
            1020
            Edizioni Volando Premio 2014

            Davvero una piacevole e interessante serata Edizioni Volando premiazione 2014quella che si è tenuta lo scorso 20 febbraio presso la sim di Italian Mood in Second Life e che ha visto la premiazione del primo Premio Edizioni Volando edizione 2014, concorso letterario, dedicato a testi creati in ambiente virtuale, ossia a testi di “avatar che si interessano della vita vissuta nel mondo virtuale”, come ricorda 3Elena No, alias Volando Amat, owner di Edizioni Volando e creatrice del premio, che già lo scorso anno vide il sottoscritto premiato per il racconto “Con gli occhi di un avatar” (pubblicato in Second Life dalla stessa Edizioni Volando), pensato per promuovere lo sviluppo di quel “pensiero avatariano” che Elena da tempo persegue.

            Una serata interessante non solo perché io sia arrivato secondo (troppo onore) con un racconto breve, “Rigenerazione”, che spero vorrete leggere e che trovate come sempre insieme agli altri racconti e poesie che hanno partecipato al premio (potrete scaricarlo dai vendor presso la sede di Edizioni Volando in Second Life), né per il fatto che il primo premio, meritatamente, è stato vinto da William Nessuno con “Experimenting Minimal Death”, cosa che mi ha fatto piacere ritenendo Edizioni Volando premiazione 2014 William NessunoWilliam un validissimo autore sin dai tempi dell’esperimento di “La Torre di Asean” (romanzo collettivo nato nel 2010 da un’idea di Lorenza Colicigno su un progetto di installation art in Second Life di Fabio Fornasari).

            No, l’evento si è rivelato estremamente interessante perché è stato piacevole, in una serata altrimenti destinata alla noia da “non fan” del festival di Sanremo (e “non fan” del calcio televisivo), ritrovarsi con una trentina di altre persone a sentire quello che i numerosi autori partecipanti (doverosa citazione per Juliette Ghoty e Stefano Leonara, terzi pari merito con “Sogno nel Sogno” e “Wish You Were Here”, nonché per Cordiseta Roses, autrice della poesia “Ballo in Fa Diesis Minore” e premio speciale della giuria) hanno raccontato dei loro racconti e delle loro poesie, ma anche sentire le domande del pubblico, gli applausi sia pure virtuali, l’interesse che si percepiva reale e, ultimo ma non meno importante, ascoltare la musica blues di Bono Fouroux, in diretta streaming.

            Edizioni Volando premiazione 2014 Bono FourouxUn grazie a Marjorie Fargis e Francesco Bonetto, che hanno presentato e condotto la serata, ovviamente alla giuria e al pubblico tutto e la promessa fin d’ora che parteciperò volentieri ad eventuali ulteriori serate in cui poter entrare in Second Life, incontrarsi per raccontare (la prossima volta uso “voice” e microfono se riesco) cosa mi passa per la mente quando mi calo nei panni di Lukemary Slade e “vivo” i miei racconti, piuttosto che per confrontarmi con altri autori o semplici appassionati di avatar, mondi virtuali, personaggi e narrazione. Per il momento non mi resta che ricordarvi che se volete leggere anche “fuori SL” William Nessuno potete farlo con Turris Asian (romanzo di fantascienza presentato nel maggio 2012 anche in SL grazie agli amici di Italian Mood e Imparafacile ed edito da Avanguardia21) e suggerirvi di continuare a seguire questo sito, oltre che la nostra fanpage su Facebook e il nostro account su Twitter per essere sempre informati su quanto di interessante accade nell’ambito dei mondi virtuali e fantastici. Buon fine settimana, che siate umani o avatar.

              by -
              600
              con gli occhi di un avatar

              Edizioni Volando Premio 2012Non capita tutti i giorni di essere premiati per una “opera prima” in Second Life: a me è capitato qualche tempo fa, grazie alla partecipazione ad un concorso letterario indetto dalle Edizioni Volando per componimenti brevi in stile “avatariano” che non superassero le 10 mila battute per i racconti e le 3 mila per le poesie. Un contest che oltre ad un buon montepremi in denaro (5 mila linden dollar al vincitore, 3 mila al secondo classificato, 2 mila al terzo e mille al premio speciale della giuria) prevedeva la pubblicazione e distribuzione “in world”dei testi selezionati per la finale, svoltasi la sera del 3 luglio scorso presso la nuova sede di Edizioni Volando a Plusia Ars Island.

              A sorpresa, mia prima che di tutti i presenti, il mio racconto “Con gli occhi di un avatar” è stato giudicato il migliore tra i sette proposti in finale, precedendo il racconto “Nel rifugio degli homeless”, di Mo Werefox e la  favola “Come bolle di sapone”, di Aruna Gelles. Il premio della giuria è invece andato alla poesia “E mi travolse”, di Marco Rejkus. Non starò a dirvi della serata, davvero piacevole e ricca di presenze, domande e chiacchiere tra gli autori, l’editrice, Volando Amat, la presentatrice dell’evento, Giovanna Delphin, la platea intervenuta e gli ospitali owner di Plusia Ars Island (che vi suggerisco di andare a visitare).

              Non ve ne parlo non tanto perché l’evento è passato quanto perché, come altri a cui ho avuto modo di partecipare, come la serata speciale (ospitata sempre a Plusia Ars Island il 5 luglio scorso) di Scienza on the road (progetto portato avanti da più di due anni da Talete Flanagan) dedicata alla scoperta del bosone di Higgs, un evento in Secondlife ha senso non tanto per la cronaca che può descriverlo su altri media “off the world”, quanto perché vi avete preso parte, condividendolo con i suoi promotori e il pubblico presente.

              Una conferma l’ho avuta anche lo scorso 11 luglio (mentre in contemporanea al MIC – Imagin@rium si inaugurava una nuova esposizione delle riproduzioni delle macchine di Leonardo da Vinci fatte dalla nostra amica Snieper Siemens, per la serie “meno male che SL sarebbe morta”), quando sono andato a Italian Mood ad assistere alla presentazione del nuovo lavoro di una vecchia conoscenza di Mondivirtuali, MinDBlind Setsuzko, il machinima “MinDBlind around the worlds” (che potete vedere qui o nella nostra sezione video), finendo poi col chiacchierare (in voice, come nelle altre due occasioni) con MinDBlind e la “presentatrice” della serata, Marjorie Fargis (e a Stregavento Nguya e Jos Bookmite alias il signor “Wolf”) di una serie di argomenti che dallo stretto ambito dei mondi virtuali si sono allargati sino alla situazione attuale del cinema italiano e in particolare del cinema d’animazione.

              con gli occhi di un avatarAnche se non ve ne parlo, ovviamente, la serata ad Edizioni Volando è stata come le altre molto piacevole, anche perché ripeto non mi attendevo un simile successo che mi sprona a pensare a nuovi sviluppi. Del resto “Con gli occhi di un avatar”, che potete se volete acquistare per soli 100 linden presso Plus Ars Island o presso gli altri punti vendita di Marietta-Edizioni Volando, Solaris Island Pyramid Cafe e Little Dreams, è costruito come una serie di ricordi che il mio avatar ricollega in prima persona e che ruotano attorno ad incontri realmente avvenuti in Second Life durante la mia/sua giovinezza con persone a cui per diversi motivi tanto il mio personaggio quanto il suo manovratore dietro lo schermo si sono affezionati.

              Sto quindi pensando da un lato di completare la carrellata di personaggi che in questi anni ho avuto modo di incontrare nel metaverso, dall’altro di approfondire maggiormente ciascuno di essi e rivelare qualcosa in più dei rapporti e delle avventure intercorse in SL tra Lukemary Slade e ciascuno di essi. Sembra che anche Lukemary, in fondo, abbia deciso di seguire le orme del suo creatore che ormai da anni scrive per professione cercando tuttavia di trovare sempre un motivo di interesse per sé e per i suoi lettori in ogni suo testo, articolo di giornale o analisi finanziaria che sia. Per adesso non mi resta che sperare che le mie prime fatiche vi piacciano e convincano il mio editore a scommettere nuovamente su di me quindi… comprate, leggete e recensite, magari sul gruppo di Mondivirtuali su Facebook, “Con gli occhi di un avatar”. Ma soprattutto se potete cercate di partecipare agli eventi “live” in Secondlife, mi raccomando!

              by -
              598
              Volando Amat Marjorie Fargis

              Edizioni VolandoCi eravamo lasciati con Volando Amat con la promessa di terminare la nostra chiacchierata e scoprire come fosse nata Volando Edizione, quali traguardi avesse raggiunto e quali ancora si prefiggesse. Ecco dunque la parte conclusiva della nostra piacevole e speriamo per voi interessante conversazione.

              Nel 2008, spiega Volando Amat, “ho fondato la Antica Stamperia Il Faro. Avevo già l’intenzione di parlare di Second Life con scrittori di SL che non menzionassero RL, ma non ero riuscita nell’intento cosi dovetti accettare i temi che gli autori volevano trattare”. Nel caso dell’Antica Stamperia il Faro “lo staff eravamo solo io e il mio socio Rockerduck Bodganovich, che si occupava di stampare i libri, della parte grafica e dei vendor. Avevo deciso di mettere un prezzo, perché era un segnale per gli autori che il loro libro era stato venduto, anche se una percentuale rimaneva a noi: non bastava a coprire le spesse del passaggio da notecard o e-mail a texture, fotografie e costo della carta per la macchina, ma simbolicamente aveva un significato”. Purtroppo poi Volando ha dovuto lasciare la sua sim di Porto Cervo SLche avevo tenuto per quattro anni: ho sofferto troppo e tutto é andato in malora. Perso la sim e il socio, ho dovuto cedere a lui la Stamperia a causa della mia assoluta ignoranza tecnica in questo universo di tecnologia, in cui sono entrata  e mi sono soltanto interessata all’umanità qui e non di altro. E’ stato tutto molto doloroso e mi sono ritirata in una homestead, ad allevare cavalli per diversi mesi, cercando di guarire da uno stato di desolazione infinito”.

              Edizioni Volando staffSoltanto alla fine dell’estate 2011, “con l’aiuto generoso di una sorella che decise di imparare a stampare libri in SL ed oggi é il mio staff (che al momento vede Volando Amat come editore, Lalei Bonetto come tipografo e Rocca Rossini come responsabile degli script e della vendita, LmS) ho aperto la Edizioni Volando, con la precisa intenzione questa volta di attenermi al mio iniziale sogno: un mondo di pixel, una vita della mente, insomma un avatar”.

              Durante tutto questo tempo “alcuni leggendo qualche articolo mio scritto da qualche parte, o qualche mio interventi in certi luoghi di cultura, mi hanno offerto aiuto, che é peraltro stato sempre impossibile attuare perché la tassativa regola di non avere alcun rapporto con RL, nè altro scopo che trattare e comunicare con gli abitanti del metaverso, deludeva le loro aspettative, che sono sempre rivolte al passaggio da qui in qualche modo alla vita reale”. Ultimamente, le cose stanno però cambiando “e anche negando pubblicamente il sentirsi un poco avatar, il tema comincia a essere recepito. E con questa ultima iniziativa editoriale, la mia terza, con il nome di Edizioni Volando, il successo é stato bellissimo!

              by -
              901
              Volando Amat Edizioni Volando

              Tra le tante attività a cui i “residenti” di Second Life, il mondo virtuale creato e gestito dall’americana Linden Lab, hanno dato vita in questi anni, accanto a moda, giochi di ruolo, creazioni di opere d’arte digitali e incontri tematici spiccano alcune produzioni editoriali che abbracciano vari campi, dalla letteratura alla poesia, dalla saggistica ai temi d’attualità. Mondivirtuali ha chiesto a Volando Amat di parlarci di cosa abbia significato per lei dare vita a Edizioni Volando e di quali siano i suoi traguardi e il suo modello di business. Secondo Volando (in RL Sofia, una ragazza di origini spagnole con una grande passione per i libri) in SL “si parla molto di progetti cross mediali, di inviti alla lettura attraverso internet, di biblioteche e mondi virtuali. Se hai letto un libro che ti piace, questo è il posto giusto per parlarne, se hai delle frustrazioni nella tua vita RL, qui le puoi trasformare in gratificazioni. Edizioni Volando cerca da tempo di individuare e creare e (perché no?) persino inventare un’evoluzione verso qualcosa d’altro ancora non esplorato in RL”.

              Volando AmatNel virtuale, nota Volando, “siamo molto avanti nell’arte: scultura e pittura hanno raggiunto una qualità e uno spessore che non ha nulla da invidiare all’arte in RL, dato che disponiamo di mezzi per realizzare l’irrealizzabile”. Piuttosto “dove non riusciamo a decollare é nella cultura del pensiero, in filosofia, in letteratura… potrei anzi affermare che siamo al più basso livello. Per questo sono contraria all’importazione online, che continua a ostacolare la possibilità di una nascita di pensiero virtuale e rende impossibile una vera comunicazione tra noi, a meno che non si parli banalmente di quanto in RL già possediamo o abbiamo raggiunto”.

              L’obiettivo è ambizioso: arrivare a definire “una filosofia di pensiero nuovo, “avatariano”. Scoprire un nuovo Aristotele, un Platone, un Pitagora, o un Kant, un Popper, un Pascal… Ringrazio gli autori che hanno accettato di scrivere in SL di SL, e cosi passo dopo passo gettare le basi di un’autentica, forse impossibile (ma perché non sognarla?), seconda opportunità”. Un “gioco”, quello dell’avatar, “molto serio, un gioco veramente appassionante e diverso”: quanto orgogliosamente si sente dire spesso “sono sempre stato me stesso”. A Volando “viene da dire: fermati! Dimmi con parole chiare e rotonde chi é te stesso? Avete dato sempre risposte confuse e imprecise, nessuno mi ha detto chi é se stesso. Invece io posso dirvi chi voglio essere: un avatar. Che con la mia mente riesca ad usare questa tecnologia che mi permetta di non avere paura di reinventarmi e poter dire finalmente: son qualcosa di meglio di me stesso, oltre me stesso e in divenire. Perché l’avatar non nasce da un grembo materno, é frutto di una volontà di nascita, per libera scelta”.

              Che spazio ha avuto Volando Edizioni in tutto questo? “Mi sono battuta sin da subito per riuscire a crescere, ho avuto delle esperienze travolgenti, più o meno forti: qualcuna mi ha fatto traballare, qualche altra solo rallentare, ma tutto quanto è servito per convincermi a divenire nel divenire. Forse non ce la farò e uscirò di scena, forse una semplice cellula di questo avatar chiamato Volando Amat lascerà cellule vive che sono in grado di moltiplicarsi, si chiameranno con altri nomi, avranno altri compiti, nuova vitalità e ancora nuove moltiplicazioni. Chissà”.

              Edizioni Volando staffSono arrivata che la gente parlava solo di camping, di disco e di virtualescorts e sporadicamente di altre cose. Sono entrata in punta di piedi, amata e odiata per interessi e conflitti di interessi, per ciò che dicevo, derisa, per quello ho avuto il coraggio di denunciare e di sforzarmi a cambiare, ogni giorno. Sapendo, come ho potuto capire “abitando” veramente qui dentro, che una grande parte della società degli avatar, per diverse ragioni, cerca di “vivere veramente e interamente” una vita da avatar”. Ora sono convinta che dopo un certo tempo che abito in questo mondo, Volando si sia pressa delle libertà e si sia qualche volta spinta al di là di quello che erano le mie intenzioni. Le prime volte, mentre la vedevo camminare, scegliere, discutere e arrabbiarsi, non mi riconoscevo molto.

              Sicuramente ci sono stati dei cambiamenti di comportamento ma anche di idee, di conoscenze, un confronto con gli altri che in RL non mi aveva mai portata a certi livelli, alti o bassi che fossero, sia perché in RL non mi ero mai trovata in certe situazioni, sia perché il contesto in cui mi muovevo era diverso e mi dava più o meno possibilità di agire fino in fondo. Sono perfettamente consapevole (altrimenti sarei matta) che Volando e Sofia sono una, ma mi auguro che con l’una e con l’altra riesca a conoscere meglio di che pasta sono fatta e di come sono fatti gli altri. Penso che si possa e sia interessante cercare di “giocare” a credersi un avatar, in SL, e muoversi e reagire e difendersi e realizzarsi o fallire come avatar. Così come vado in cerca delle basi su cui partire per far nascere una cultura avatariana, un pensiero, una prima parola”.

              Lo spazio è tiranno, il tempo pure ed è già ora di chiudere l’articolo. Volando non ci ha spiegato la storia di Edizioni Volando, ma lo fa farà nella prossima puntata in cui vi diremo come si è conclusa questa nostra chiacchierata a distanza, non temete. E nel frattempo continuate a seguirci anche sulla nostra fanpage su Facebook per essere sempre informati delle ultime novità dai mondi virtuali anche solo con un “like”.

              P.S.: Il nostro articolo ha generato un seguito sul blog della rivista Virtual Worlds Magazine che ci pare molto interessante e vi consigliamo di leggere seguendo questo link. L’autrice,  Serena Dominici, muove alcune critiche interessanti ai concetti espressi da Volando Amat. La discussione che speriamo possa nascere non potrà che fare bene ad una maggiore comprensione di strumenti come i mondi virtuali il cui utilizzo è ancora in gran parte tutto da scoprire e valorizzare opportunamente. Buona lettura.

              I più letti ultima settimana / Most read last 7 days

              realtà virtuale investimenti cover

              0
              La realtà virtuale e aumentata ha visto finora vendite deludenti e molti si chiedono se abbia senso investire ancora o sia meglio lasciare. Per Adam Draper, fondatore di Boost VC...
              cosplay sexy cover