Linden Lab mette in vendita Sansar, torna a puntare su Second Life

Linden Lab mette in vendita Sansar, torna a puntare su Second Life

Che Sansar non se la passasse bene era apparso evidente dopo la riduzione dello staff deciso da Linden Lab nel novembre 2019, di cui Mondivirtuali.it vi ha puntualmente informato.

Ora è stato lo stesso Ceo del gruppo californiano, Ebbe Altberg, a confermarlo, spiegando che si cercheranno nuovi soggetti interessati a garantirne lo sviluppo, cosa impossibile per Linden Lab.

Linden Lab rinuncia a Sansar, punta su Second Life e Tilia

I (finora pochi) utenti di Sansar, ha avvertito Altberg, dovranno aver pazienza, perché nonostante i colloqui siano già in corso con diverse potenziali parti interessate, ad oggi un accordo ancora non c’è per la piattaforma che richiede pc discretamente potenti (almeno 8GB di Ram e Cpu almeno 4 core) e nel frattempo Linden Lab ricorrerà al “piano B”.

Questo implicherà concentrarsi sullo sviluppo di Second Life e di Tilia, la controllata di Linden Lab che offre alcuni servizi finanziari alla comunità di Second Life assicurando al tempo stesso il rispetto delle leggi e delle normative statunitensi.

Sansar official 2020

150 mila nuovi utenti al mese, ma la community non cresce più

La piattaforma, che il 19 giugno prossimo aprirà le celebrazioni di SLB17, ossia il diciassettesimo anniversario dall’apertura al pubblico, registra tuttora circa 5 mila nuove registrazioni al giorno, per un totale di 150 mila nuovi utenti al mese.

Ciò nonostante gli utenti unici attivi mensili non si schiodano, ormai da anni, da 500-600 mila, a riprova che in epoca di social media “easy” come Instagram i mondi virtuali immersivi, e ancor più piattaforme di VR come Sansar, sono destinati a rimanere ancora a lungo un mercato di nicchia (se escludiamo le piattaforme unicamente ludiche come Minecraft o World of Warcraft).

Tre pesi massimi tornano in Linden Lab (ma non Rosedale)

Ultima ma non meno interessante notizia, in Linden Lab sono tornati tre “pesi massimi”, anche se per ora non si sa chi siano. Altberg ha solo precisato che non si tratta di Philip Rosedale (che pure sembra essere rimasto affezionato a Second Life) e che i nomi verranno fatti se e quando loro stessi lo vorranno.

Non abbiamo alcuna indicazione in merito, ma saremmo felici se si trattasse di un “dream team” composto da Alina Lyvette, Cory Ondrejka e Joel Foner.

Sansar by Greg Reichmann

Il dream team secondo Mondivirtuali

La prima è la developer russa che ha creato Lyumiya, popolare app per utilizzare Second Life su dispositivi mobili Android.

Il secondo è l’ex co-fondatore di Second Life, Cto di Linden Lab dal 2000 al 2007 (ruolo che lo portò anche a tenere i contatti con partner tecnici come Nvidia, ATI, Havok e Apple), poi in Emi e in Facebook prima di diventare tech advisor al Ceo di Google. Ruolo che potrebbe essere il motivo della riservatezza mostrata da Altberg.

Foner, infine, in Linden Lab come program manager dal 2007 al 2008 col nome di Sidewinder Linden, si occupò con successo di rinnovare il motore fisico della piattaforma, Havock 4.

E voi, quale “dream team” vedreste bene per un rinnovamento di Second Life che possa contribuire a superarne i limiti attuali e renderla più popolare e interessante?

Se volete suggerircelo, commentare o anche solo sapere come andrà a finire, continuate a seguire Mondivirtuali.it, anche anche tramite il nostro account su Twitter e la nostra fanpage su Facebook. Ma ricordate: Mondivirtuali è anche su Flickr, su Scoop.it, su Paper.li e su Youtube. E magari iscrivetevi alla nostra newsletter.

Related Articles