Zuckerberg investe miliardi sulla realtà virtuale e aumentata

Zuckerberg investe miliardi sulla realtà virtuale e aumentata

Nonostante alcuni fallimenti e difficoltà incontrate lungo la strada, come nel caso di Sansar (di cui abbiamo parlato recentemente) e di High Fidelity (metà dello staff è stato licenziato come ha riferito Gamasutra), la realtà virtuale e la realtà aumentata continuano a sembrare una tecnologia molto promettente.

AR e VR non solo per applicazioni di nicchia?

Questo non solo per applicazioni di nicchia come nel campo della salute, di cui ha parlato anche Beppe Grillo sul suo blog), ma anche per quanto riguarda un futuro mercato di massa. Secondo Theinformation, ad esempio, Facebook starebbe investendo miliardi di dollari nello sviluppo hardware.

Mark Zuckerberg starebbe realizzando un nuovo campus a Burlingame (a pochi chilometri dal quartier generale di Facebook nella Silicon Valley) dove potranno lavorare fino a 4 mila dipendenti. L’intera struttura sarà dedicata allo sviluppo di nuovi chip, assistenti vocali dotati di intelligenza artificiale, visori e controller. Nuovi occhiali AR dovrebbero essere lanciati entro il 2023.

Webvr bis

Facebook e Apple si sfidano sull’hardware

Questa mossa potrebbe aumentare la concorrenza nel settore, visto che anche Apple sta effettuando investimenti a lungo termine per sviluppare hardware di elevata qualità che garantiscano un alto margine di profitto. Al contrario Facebook sembra tentata dal vendere i futuri visori Oculus a poco più del costo di produzione, per provare a guadagnare fette di mercato.

La società di Zuckerberg sembrerebbe inoltre intenzionata a sviluppare un proprio sistema operativo anziché cercare di adattare Android come ha fatto per l’Oculus Quest. A capo di questo progetto vi sarebbe Mark Lucovsky, ex ingegnere di Microsoft che ha co-sviluppato Windows NT. Per la produzione degli occhiali veri e propri Facebook si affiderebbe a Luxottica.

Zuckerberg tentato da applicazioni business per Oculus

Pare anche che Facebook voglia sviluppare un software per gestire conferenze in VR, anzi i primi test su un prototipo del programma sarebbero già iniziati. Non è però chiaro se verrà lanciato sul mercato una versione “business” di Oculus o meno.

Comunque vada, la realtà virtuale e la realtà aumentata sembrano dunque essere tecnologie destinate a svilupparsi negli anni a venire. Se volete restare sempre informati, continuate a seguire Mondivirtuali.it anche tramite il nostro account su Twitter e la nostra fanpage su Facebook. Ma ricordate: Mondivirtuali è anche su Flickr, su Scoop.it e su Paper.li, oltre che su Youtube. E magari iscrivetevi alla nostra newsletter!

Related Articles