Fortnite è morto, viva Fortnite!

Fortnite è morto, viva Fortnite!

Un finale decisamente epico per un gioco che ha fatto la storia recente del settore: Fortnite. La decima stagione si è infatti conclusa in modo a dir poco spettacolare. L’intera isola dove era ambientato il gioco, con tutti i giocatori che si trovavano ancora su di essa, è stata inghiottita in un buco nero.

Ad assistere al grandioso quanto terrificante evento si sono radunati online, tra Youtube e Twitch, ben 6 milioni di giocatori. Se ora provate a caricare Fortnite, ottenete solo una schermata nera. Che qualcosa stesse per accadere, del resto, lo si sarebbe dovuto capire dal titolo dato da Epic Game alla stagione numero 10: “The End”.

Terminato Fortnite, parte Fortnite 2

State tranquilli: Fortnite non è finito per sempre, questo è stata solo la conclusione spettacolare del primo capitolo, che dal lancio della prima “Battle Royal” nel settembre 2017 a oggi è stato giocato da oltre 250 milioni di giocatori in tutto il mondo.

Un numero che la dice lunga sulla capacità di Epic Game di rivoluzionare le tecniche di storytelling. Fortnite è del resto considerto da molti l’esperimento più innovativo e riuscito di tecniche di comunicazione dell’ultimo decennio.

Fortnite the end

Uno storytelling rivoluzionario

In effetti è stato qualcosa di molto diverso da ciò a cui eravamo abituati a pensare, per certi versi simile al precedente rappresentato da Second Life. Fortnite è stato un gioco in cui non c’era una trama predefinita, a differenza dei videogiochi classici. In questi ultimi, infatti, i personaggi spiegano chi sono, che abilità hanno e in che mondo è ambientata la trama. In Fortnite ciò non avviene.

Con una nuova stagione lanciata ogni tre mesi, i giocatori a partire dalla terza stagione hanno iniziato a notare emergere una trama: apparve un asteroide in rotta di collisione con l’isola, colpita poi nella quarta stagione con la distruzione di gran parte della regione di Dusty Depot (ritornata poi nella decima stagione).

I giocatori di Fortnite hanno elaborato teorie

Da quel momento ogni stagione ha presentato una nuova “anomalia” che è intervenuta a cambiare lo scenario di Fortnite: sono comparsi cubi alieni, vulcani, fratture dello spazio tempo e così via. Ai giocatori non è però mai stato detto cosa sarebbe successo in conseguenza di questi eventi, sempre più sinistri (come improvvisi conteggi alla rovescia su grandi schermi dentro il gioco, o l’apparizione di bunker all’interno della foresta dell’isola).

I giocatori stessi hanno iniziato a scambiarsi opinioni su Reddit elaborando teorie sull’evoluzione di Fortnite e il più famoso tra essi, lo youtuber Ninja (di cui vi abbiamo già parlato) ha realizzato una serie di video per mostrare le ultime novità e cercare spiegazioni alle varie anomalie. Nemmeno lui poteva tuttavia prevedere la fine drammatica della stagione numero 10 di Fortnite.

Fortnite the end team

Indizi sulla fine imminente

Negli ultimi mesi, i giocatori hanno infine potuto trovare tracce audio nascoste intorno alla mappa in cui “The Visitoraveva registrato i suoi tentativi di sistemare un loop temporale e prevenire una anomalia, una trama degna di X-File o del delirio di un teorico della cospirazione.

Infine, la sera di domenica 13 ottobre, si è verificata una gigantesca esplosione che ha risucchiato l’intera isol in un vortice nero, lasciando i giocatori storditi e confusi. Epic ha quindi eliminato l’esplosione dal gioco, in modo che anche le pagine dei menu e l’interfaccia utente finissero nel buco nero. Dopo pochi giorni, però, Fortnite è “rinato” col suo secondo capitolo.

Fortnite 2, così simile così diverso

La stagione undici mostra un’isola mai vista prima eppure familiare, dove un gruppo di personaggi sconosciuti è già intento in una qualche attività. All’improvviso il Battle Bus ricompare portando sull’isola (di una realtà alternativa) tutti i giocatori e personaggi scomparsi nell’implosione dell’isola di Battle Royal.

Ora c’è una nuova mappa ad attenderli, con alcune zone ed elementi in comune con la vecchia isola ma anche nuove zone create ad hoc. Scomparsi, per ora, quasi tutti i mezzi di trasporto: per esplorare la nuova mappa dovrete camminare, nuotare o procurarvi un motoscafo.

Fortnite 2 mappa

Se volete sapere come andrà a finire, continuate a seguire Mondivirtuali.it, anche tramite il nostro account su Twitter e la nostra fanpage su Facebook. Ma ricordate: Mondivirtuali è anche su Flickr, su Scoop.it e su Paper.li, oltre che su Youtube. E magari iscrivetevi alla nostra newsletter.

Related Articles