Giovanna Silvestri, da umanista virtuale ad artista reale

Giovanna Silvestri, da umanista virtuale ad artista reale

Sono passati cinque anni da quando su Mondivirtuali.it vi parlammo di Gioelececed, aka Gioanna Silvestri. Un’artista e “umanista non solo virtuale” che aveva da poco iniziato, come molti appassionati di Second Life e di arte digitale, il suo percorso artistico.

Un percorso che ha portato Giovanna/Gioelececed a fare molta strada, per cui abbiamo pensato di intervistarla nuovamente per sapere tutte le novità di questi anni. Eccovi la nostra breve intervista, buona lettura.

Gioanna Silvestri: impegno e tenacia per affinare la tecnica

Lukemary Slade: Ciao Giovanna “Gioelececed”, non ci sentiamo da 5 anni, che hai fatto in questo periodo?

Giovanna Silvestri: Ciao Luke. In questi anni ho continuato a lavorare con impegno, per affinare la tecnica. Mi metto ancora alla prova e sperimento, per quel che mi è possibile, nell’uso di Photoshop. Dal 2013 faccio stampare in HD su supporti vari (forex, tela, plexiglass, dibond), in diverse dimensioni, le mie “photo-paintings” (foto-dipinti), come sono state definite, con soddisfazione sempre crescente.

Giovanna Silvestri aka Gioelececed RL exhibition bis

Tornare alla realtà senza rinnegare origini “virtuali”

L.S.: Come è stato passare da “umanista (non solo) virtuale” ad artista “reale”?

G.S.: Forte è stata l’esigenza di tornare alla realtà, pur senza rinnegare le mie origini “virtuali”, come artista. Ho avuto la fortuna di essere notata da storici dell’arte, da galleristi e da critici che mi hanno incoraggiata ad esporre i miei lavor. Che mi hanno invitata a farli conoscere su pubblicazioni prestigiose di vario genere, italiane e americane.

G.S.: L’impegno di lavoro è raddoppiato, dovendo organizzare non solo la stampa in esemplari unici o molto limitati delle mie opere più significative, ma anche il loro trasporto. Come pure la spedizione nei luoghi delle mostre e degli eventi cui, il più spesso possibile, sono stata presente anch’io. Perché ritengo che non solo gli addetti ai lavori ma anche il grande pubblico debba conoscere gli artisti personalmente.

giovanna silvestri aka gioelececed bis

L.S.: Dicci tre aggettivi per descrivere la tua arte.

G.S.: A mio parere, la mia arte digitale si può definire figurativa, sensuale e metaforica.

Sono tanti i nomi da ricordare

L.S.: Concordo! Ciò detto, chi tra coloro che hai incontrato lungo il tuo cammino senti di dover ringraziare per l’aiuto che ti hanno offerto?

G.S.: Prima di tutti, sento di dovere ringraziare te e Luciana Pinazzo (sempre al lavoro per la redazione di Mondivirtuali.it ma anche di Fanwave.it e che salutiamo, ndr) che mi avete “scoperta” come artista fin dal 2014. Quindi i tanti artisti e galleristi che in Second Life hanno dato fiducia, fin dai miei esordi: Belinda Baroque, Laura La Baroque Diotti e Federico Lookatmyback Salvatori, Paola Bianchi Mills, Susy

Halcali e Reddline, Elaine Sierra e Lily Taylor. Poi la storica dell’arte Stella Neri che mi ha indicato il sito per gli artisti emergenti (premioceleste.it) in cui sono stati notati alcuni miei lavori dopo di che ho cominciato a ricevere proposte per mostrarli in RL (da Berlino a Milano, da Firenze alla Versilia, dal Trentino a Parigi, da Forlì a Cervia, da Spoleto a Roma).

giovanna silvestri aka gioelececed

G.S.: Quindi, devo moltissimo alla critica d’arte e artista ella stessa Arpinè Sevagian, che ha scelto le mie immagini per tre sue pubblicazioni recensite sulla rivista Arte, quotandole. Ma anche all’architetto Antonietta Campilongo, che mi ha dato ottime opportunità, invitandomi a partecipare più volte ad eventi come il Festival delle Arti visive Virtus/Nuvola Creativa, presso il museo Macro di Roma e a Milano.

G.S.: E anche agli artisti ed esperti della Canova Arte che mi hanno selezionata per partecipare alla Biennale RomArt 2017. Agli storici dell’arte fiorentini di ArtExpertise con cui ho collaborato per due anni, alla storica dell’arte dell’Accademia di Brera, Francesca Callipari, che mi ha invitata a Milano, all’art curator dottoressa Maria Grazia Londrino, che mi ha accolto alla Tornatora Art Gallery di Roma, alla pittrice Angiolina Marchese che mi ha presentato allo staff di Spoleto Arte 2019.

Anche Sgarbi ha apprezzato Gioelececed

G.S.: E, naturalmente, al professor Vittorio Sgarbi, che ha scelto personalmente due lavori miei, uno per la prima edizione dei suoi Mille di Sgarbi ed uno per Spoleto Arte 2019. Non posso dimenticare le sorelle Zurlo, che mi hanno proposto un contratto annuale nella loro bella galleria in via Margutta, Spazio Area Contesa Arte. Presto, grazie a loro e grazie a Patrizia Stefani di Spoleto Arte, avrò la gioia di proporre le mie prime personali in RL.

Giovanna Silvestri aka Gioelececed RL exhibition

L.S.: Complimenti davvero. Per concludere, dai un solo consiglio, che ritieni il più importante da offrire, per chi avesse aspirazioni artistiche in ambito digitale oggi.

G.S.: Consiglio, come già facevo nel 2014, un impegno di lavoro il più possibile continuo e appassionato che dia piena libertà alla propria fantasia, tenacia, pazienza e molta umiltà, spirito di iniziativa, di collaborazione e duttilità. Per concludere, posso dire che l’avere conosciuto Second Life veramente mi ha aperto un mondo nuovo, mi ha permesso una vita nuova, nella creatività e con tali e tante prospettive che, fino al 2007, mai avrei immaginato!

Related Articles