Blood and Truth, adrenalina e stupore in VR

Blood and Truth, adrenalina e stupore in VR

I produttori di contenuti per realtà virtuale hanno una necessità: trovare il modo di generare sufficiente adrenalina da far dimenticare al giocatore che sta indossando un ancora scomodo visore.

Per questo dopo aver lanciato titoli per adulti come VR Kanajo, ora sempre più case di produzione si rivolgono agli horror games o a “sparatutto” dalle trame simili a film d’azione.

Blood and Truht, adrenalina a pacchi

Uno dei titoli di successo più recenti è Blood and Truth, sviluppato da London Studio per la Playstation VR ed erede ideale di London Heist. Blood and Truth è un thriller-noir esclusivo per il visore per realtà virtuale di Sony, che proprio grazie all’immersività tridimensionale si rivela in grado di regalrci adrenalina e stupore a pacchi.

blood and truth gameplay

La trama: siamo Ryan Marks, un soldato delle forze speciali britanniche (SAS) e stiamo attraversando Londra in macchina. Dopo una breve introduzione, veniamo subito coinvolti nella trama noir.

Una faida che sta scoppiando tra famiglie criminali di ricettatori e altre attività illegali. Una di queste famiglie è la nostra, messa in crisi dalla improvvisa morte di nostro padre.

Battaglie senza quartiere tra famiglie criminali

Ogni segmento di gioco si rivela essere in realtà un flashback, rivissuto e raccontato dal protagonista mentre viene interrogato da un agente. Ci ritroveremo coinvolti in una battaglia senza quartiere con Tony, altro boss della mala londinese, ma ben presto il conflitto coinvolgerà fazioni e intereressi ancora più oscuri.

Per giocare a Blood and Truth dobbiamo impugnare due controller Playstation Move, che diventano nel gioco le nostre mani. Possiamo usarle per impugnare armi, per appenderci e sollevarci, per trascinarci e così via.

Blood and Truth grazie alla sua qualità indiscussa testimonia la volontà di Sony di continuare a promuovere la sua realtà virtuale, ma non manca di qualche pecca.

Pregi e difetti di Blood and Truth

Ad esempio, forse per ridurre la “motion sickness”, il ritmo dei movimenti appare talvolta eccessivamente compassato. Questo finisce col renderlo innaturale, specie quando siamo sotto tiro di armi da fuoco.

Stesso discorso per le traiettorie seguite dall’inquadratura, prive di alcuna incertezza o oscillazione. Per contro, gli sviluppatori di Blood and Truth hanno sviluppato tutta una serie di azioni (trovare oggetti, scassinare porte, completare minigiochi etc) che arricchiscono il gioco.

blood and truth screen

Molto belle e credibili sono poi le location grazie a texture, shading, illuminazione, riflessi ambientali, modellazione poligonale e animazioni impeccabili. Ugualmente valido il comparto sonoro, anche se alcuni giocatori hanno criticato la selezione dei brani per la colonna sonora.

Un titolo VR da rigiocare più volte

Tutto considerato, un gioco molto interessante, in grado di regalare fino a 6-8 ore di divertimento puro. Ma anche di più considerando che la presenza di collezionabili in molte ambientazioni la cui scoperta consente di sbloccare nuove modalità di gioco, rende Blood and Truth facilmente rigiocabile.

Se volete sapere come andrà a finire, continuate a seguire Mondivirtuali.it, anche tramite il nostro account su Twitter e la nostra fanpage su Facebook. Ma ricordate: Mondivirtuali è anche su Flickr, su Scoop.it e su Paper.li, oltre che su Youtube. E magari iscrivetevi alla nostra newsletter!

Related Articles