Cloud gaming: sorpresa, Sony si allea con Microsoft

Cloud gaming: sorpresa, Sony si allea con Microsoft

Per anni sono state avversarie, ora Sony e Microsoft si alleano per sviluppare insieme la tecnologia per i giochi in streaming che ha sorpreso l’industria del cloud gaming. Non solo: Microsoft ospiterà sulla sua piattaforma cloud, Azure, alcuni dei servizi online per Playstation.

Sony: poche soddisfazioni dal cloud sinora

Erano sette anni, hanno subito sottolineato gli analisti, che Sony stava provando a sviluppare una propria offerta di giochi in cloud. Finora però aveva raccolto ottenuto scarso successo. I negoziati con Microsoft sarebbero iniziati circa un anno fa, dopo il definitivo fallimento di quelli con Amazon, ai cui servizi Sony si affida per mantenere online il suo Playstation Network.

L’alleanza tra il produttore della Playstation e quello della Xbox è per molti versi clamorosa, ma dà la misura di come sia sempre più difficile anche per i colossi elettronici mondiali tenere il passo con lo sviluppo del web. La disponibilità a breve di connessioni sempre più rapidi e potenti consentirà di offrire servizi di gioco online che non richiedono l’acquisto di costosi pc o console dedicate.

Il prossimo anno arriveranno le nuove console

E visto che la Playstation (che comunque vedrà l’arrivo della sua quinta generazione entro la fine del prossimo anno) genera un terzo dei ricavi del gruppo giapponese, ha scelto di allearsi con Microsoft (ugualmente impegnata a sviluppare una nuova console).

Il gruppo americano correva rischi simili, ma dispone della seconda maggiore rete per servizi cloud al mondo. Anche Google e Amazon, che non a caso dispongono di piattaforme streaming, stanno investendo miliardi di dollari per sviluppare le proprie.

Miliardi di investimenti per restare leader

Continuare a cercare di sviluppare il proprio servizio cloud, Playstation Now (lanciato nel 2015 dopo l’acquisto, nel 2012, della startup Gaikai per 380 milioni di dollari), avrebbe richiesto l’investimento di altri miliardi di dollari.

Il capo di Sony, Kenichiro Yoshida, ha così preferito la strada della collaborazione, portando i 700 mila abbonati del suo servizio cloud in dote a Microsoft pur di unire le forze e dividere i costi futuri.

La decisione non è stata semplice né indolore, come testimoniano alcuni movimenti ai piani alti di Sony. John Kodera, dallo scorso anno presidente di Sony Interactive Entertainment, è stato sostituito dal primo aprile dal suo vice Jim Ryan, divenendone il vice. Altri top manager di Playstation Now sono stati spostati ad altre divisioni.

Giochi in cloud sono il futuro del settore

I giochi in cloud finora rappresentano una frazione minima rispetto ad un mercato, quello delle console, che vale oltre 83 miliardi di dollari l’anno. Nel 2023 non dovrebbero rappresentare più del 2% del fatturato complessivo. Questo spiega perché sia Sony sia Microsoft intendono sviluppare console di nuova generazione e lanciarle l’anno prossimo, insieme a sempre nuovi giochi.

Ma visto i nomi che stanno scendendo nell’arena (Google e Amazon prima di tutti), il boss di Sony non ha voluto correre rischi. In Microsoft sono stati più che felici di trovare un accordo, visto che avere il “re delle console” dalla propria parte aumenta le probabilità che Azure diventi la piattaforma di riferimento dei giochi in cloud.

Sviluppare nuovi contenuti resta vitale

Quello su cui gli analisti sono concordi è che, al di là degli accordi industriali, la battaglia per il dominio del mercato dei giochi resterà incentrata sulla capacità di lanciare nuovi titoli di qualità. I contenuti sono e resteranno il vero segreto del successo, insomma.

Se volete restare sempre informati sulle ultime novità in fatto di videogiochi e tecnologie geek in genere, continuate a seguire Mondivirtuali.it anche tramite il nostro account su Twitter e la nostra fanpage su Facebook. Ma ricordate: Mondivirtuali è anche su Flickr, su Scoop.it e su Paper.li, oltre che su Youtube. E magari iscrivetevi alla nostra newsletter!

Related Articles