Luca Parmitano si addestra con la realtà virtuale per tornare nello spazio

Luca Parmitano si addestra con la realtà virtuale per tornare nello spazio

Luca Parmitano, astronauta italiano dell’Agenzia Spaziale Europea (Esa), si prepara a tornare nello spazio, dopo esserci già stato nel 2013 nel corso della Expedition 37/38 sulla Stazione spaziale internazionale (Iss).

Parmitano aveva già fatto parte dell’equipaggio di riserva della Expedition 58 (Parmitano fece anche parte dell’equipaggio di riserva per la Expedition 34).

L’astronauta prenderà parte, come comandante (è la prima volta che capita un italiano, la terza ad un astronauta europeo), alla Expedition 60/61, denominata “Beyond”. La missione dovrebbe partire nel luglio 2019 con destinazione la Iss.

parmitano addestramento realtà virtuale

Parmitano si prepara virtualmente per lo spazio

Per prepararsi al meglio l’astronauta si sta addestrando nel Virtual Reality Laboratory del Johnson Space Center e presso lo Space Vehicle Mock-up Facility della Nasa.

Qui la realtà virtuale serve a preparare gli astronauti ad affrontare percorsi e attività all’esterno della Iss, per essere pronti a decidere e agire rapidamente.

Due capacità che Luca Parmitano ha già dimostrato di avere il 16 luglio 2013: durante la sua seconda passeggiata spaziale (la prima era avvenuta il 9 luglio ed era stata la prima in assoluto per un astronauta italiano) il casco della sua tuta iniziò a riempirsi di acqua.

Ciò causò all’astronauta difficoltà di visione e di respirazione e lo costrinse a rientrare nella Iss prima di quanto programmato. A fine passeggiata si stima che nel casco si fosse accumulato 1 litro e mezzo di acqua.

Dopo l’incidente di Parmitano la Nasa ha dotato di boccaglio i caschi delle sue tute, per consentire agli astronauti di respirare anche col casco allagato.

Parmitano visore VR

Oltre 50 esperimenti per andare oltre

Luca Parmitano, insieme all’astronauta Andrew Morgan della Nasa e al cosmonauta Alexander Skvortsov della Roscosmos, nel corso della missione Beyond condurrà oltre 50 esperimenti. Saranno esperimenti che sfrutteranno gli ultimi ritrovati di tecnologie come la robotica per cercare di raggiungere un nuovo livello dell’esplorazione spaziale.

Parmitano e i suoi colleghi andranno dunque oltre (“beyond”) quanto già conosciuto, a partire dalle tecniche di addestramento, per le quali la Nasa sembra puntare sempre di più sul contributo che può dare la tecnologia della realtà virtuale e aumentata, come Mondivirtuali.it ha già raccontato.

Se l’articolo vi è interessato condividetelo coi vostri contatti e continuate a seguire Mondivirtuali.it, anche tramite il nostro account su Twitter e la nostra fanpage su Facebook (ma ricordate: Mondivirtuali è anche su Flickr, su Pinterest, su Scoop.it e su Paper.li, oltre che su Youtube) e magari iscrivetevi alla nostra newsletter!

Related Articles