Oculus Go debutta sul mercato senza clamore

    by -
    Oculus Go sales cover

    Lo scorso primo maggio ha visto il debutto sul mercato dell’atteso Oculus Go, il visore per realtà virtuale “standalone” (ossia che non richiede l’uso di cavi di collegamento a un Pc o di uno smartphone per essere utilizzato) della società appartenente al gruppo Facebook.

    Prezzi abbordabili per Oculus Go

    Visto che il dispositivo ha un costo più che abbordabile (in Italia 219 euro per la versione da 32 GB di memoria, 269 euro per quella da 64 GB, negli Usa si parte da 199,99 dollari), utilizzando una Cpu Qualcomm Snapdragon 821 e un display Lcd da 5,5 pollici con risoluzione WQHD (2.560×1.440 pixel), in molti si sono chiesti se questo dispositivo potesse rappresentare un punto di svolta per la realtà virtuale.

    Oculus Go sales

    Ebbene, nonostante le speranze in tal senso e le stime piuttosto confortanti formulate da società di analisti come Superdata (che parlava di1,8 milioni di unità vendute entro fine anno), per ora le vendite non sembrano così spumeggianti, anche se non si può certo dire che Oculus Go sia un fallimento.

    Oculus Go centrerà le stime di vendita?

    In base all’andamento dei download della app di Oculus Go per Android (tuttora nella classe “oltre 50 mila download”), anche ipotizzando un analogo andamento dei download della app di Oculus Go per iPhone il numero di Oculus Go venduti dovrebbe risultare al massimo tra 100 e 200 mila unità nel primo mese di vendita.

    Oculus Go sales bis

    Ipotizzando che il numero corretto sia attorno a 150 mila unità e che questa cifra resti costante sino alla stagione natalizia, questo significa che a fine novembre ne saranno stati venduti circa 1-1,1 milioni in tutti e che dunque o sotto Natale se ne venderanno oltre mezzo milione (circa tre volte tanto le vendite di questi giorni) o l’obiettivo di 1,8 milioni venduti entro fine anno sarà ampiamente mancato.

    Realtà virtuale non è ancora di massa

    Si tratterebbe dell’ennesima conferma che per il momento la tecnologia della realtà virtuale è ancora troppo acerba per avere un’attrattiva “di massa”, nonostante gli sforzi, anche pubblicitari, di grandi gruppi industriali e di colossi del web come Facebook, dopo che già altri come Google hanno dovuto riporre nel cassetto sogni analoghi per la realtà aumentata.

    Se volete scoprire come andrà a finire, continuate a seguire Mondivirtuali.it, anche tramite il nostro account su Twitter e la nostra fanpage su Facebook (ma ricordate: Mondivirtuali è anche su Flickr, su Scoop.it e su Paper.li, oltre che su Youtube) e magari iscrivetevi alla nostra newsletter!