Intel Vaunt: a chi serve uno smart glass?

    by -
    0
    Intel Vaunt cover

    Anche Intel fa la sua mossa nel settore della realtà aumentata (AR), con la realizzazione di Intel Vaunt, un modello di smart glass “minimalista”, che si propone di fare una cosa molto semplice: fornirvi le informazioni del vostro smartphone direttamente in un angolo del vostro spazio visuale.

    Ridotto al minimo Intel Vaunt è tutto qui: certo, non si tratta di poco, perché gli occhiali AR di Intel sono un passo in avanti rispetto ai vecchi Google Glass, mai realmente divenuti un gadget di successo. Intel Vaunt

    Nessuna parentela con Hololens o Spectacles

    Ma certo restano lontani da prodotti come le Hololens di Microsoft o gli Spectacles di Snap, che a differenza degli Intel Vaunt hanno riproposto il concetto di ripresa dell’ambiente circostante tramite l’utilizzo di una telecamera integrata.

    Un modo di dire molto diffuso in ambito business ricorda di “keep it simple, stupid”, ossia che se si vuole realizzare un prodotto o servizio di successo, occorre mantenerlo il più semplice possibile, quindi non è detto che gli smart glass di Intel non riescano ad avere una buona diffusione, anche perché si collegheranno, tramite bluetooth, ad uno smartphone.

    C’è davvero bisogno di Intel Vaunt?

    Ma, volendo essere critici, chi realmente ha bisogno di indossare un paio di occhiali per leggere le informazioni che arrivano sul suo smartphone, perché magari lo ha in tasca? Non basta usare le mani, prendere il cellulare e leggere il messaggio? O in alternativa usare un vivavoce, o un comando vocale e avere ugualmente acceso alle informazioni?

    E ancora: Intel Vaunt proietta le immagini direttamente sulla retina di chi li indossa grazie a un proiettore laser da 400 x 150 pixel a bassissima potenza, integrato nella montatura e pertanto invisibile dall’esterno. Quanto scommettiamo che persone che credono che i vaccini facciano male inizieranno a gridare alla pericolosità di un gadget che “potrebbe causare danni alla vista”? Intel Vaunt

    Sviluppo di applicazioni e servizi resta cruciale

    Insomma, auguri a Intel e speriamo che anche questi gadget trovino presto sviluppatori in grado di realizzare app davvero utili e interessanti, perché la chiave del successo nell’adozione di una tecnologia spesso non sta nel prodotto in sé, ma nelle funzionalità e nei servizi a cui consente di accedere.

    Se volete scoprire come andrà a finire, continuate a seguire Mondivirtuali.it, anche tramite il nostro account su Twitter e la nostra fanpage su Facebook (ma ricordate: Mondivirtuali è anche su Flickr, su Scoop.it e su Paper.li, oltre che su Youtube) e magari iscrivetevi alla nostra newsletter!