Vivi è troppo sexy, iQiyi la ritira

    by -
    Vivi vr cover

    La ricerca di contenuti “sexy” per la realtà virtuale può generare qualche problema, se l’avatar di una “ragazza virtuale” molto maliziosa sembra rafforzare gli stereotipi che vedono le donne come oggetti sessuali.

    Lo ha scoperto a sue spese una società cinese, la iQiyi (gruppo Baidu), che pochi giorni fa aveva lanciato un assistente virtuale, Vivi, descritta come una “segretaria civettuola”.

    iQiyi chiede scusa per Vivi

    Contattata dal Wall Street Journal che voleva sapere se l’avvenente avatar non avrebbe potuto rafforzare stereotipi sessuali ai danni delle donne, iQiyi ha preferito dopo poche ore rimuovere Vivi e precisare in una nota che “la prima versione del prodotto è una versione pensata per un beta-testing, così da raccogliere i feedback degli utenti”.

    Resasi conto dei timori evidenziati dai media, iQiyi ha subito rimosso il prodotto “per ulteriori modifiche” e si è scusata “per le preoccupazioni che può aver causato”.

    Quella di Vivi è stata una storia abbastanza tortuosa: annunciata già a marzo come una “fidanzata dotata di intelligenza artificiale”, a ottobre è stata ridisegnata come una “seducente segretaria d’ufficio”. Vivi vr

    Da fidanzata a segretaria sexy virtuale

    Un’evoluzione che al mercato era piaciuta, visto che Vivi aveva ricevuto recensioni quasi unanimamente positive dopo il lancio. Alcuni utenti avevano ad esempio apprezzato che potesse “effettuare danze sexy, con una figura incantevole, soltanto per voi”.

    Vivi in realtà avrebbe dovuto semplicemente guidare gli utenti a visionare i contenuti della società grazie a un video che essi avevano visto in precedenza.

    In più a richiesta Vivi, vestita in abiti succinti, era in grado di flirtare con l’utente che indossava un visore di realtà virtuale, eseguire danze sensuali, fornire informazioni sul meteo e sull’orario di trasmissioni televisive o completare le parti mancanti di una poesia. Vivi vr

    Povera Vivi, vittima del suo successo

    Tutte cose molto apprezzate dai primi che l’hanno sperimentata, ma che sono sembrate rafforzare stereotipi maschilisti e hanno finito col generare troppe polemiche perché Vivi potesse continuare nel suo beta-testing.

    Se volete sapere come andrà a finire per Vivi, vittima del suo stesso successo, continuate a seguire Mondivirtuali.it, anche tramite il nostro account su Twitter e la nostra fanpage su Facebook (ma ricordate: Mondivirtuali è anche su Flickr, su Scoop.it e su Paper.li, oltre che su Youtube) e magari iscrivetevi alla nostra newsletter!