Rosedale: neppure Facebook può gestire 50 milioni di server

    by -
    0
    VR 1 billion people cover

    Un miliardo di persone collegate tramite realtà virtuale: è l’obiettivo dichiarato la scorsa settimana a Oculus Connect 4 da Mark Zuckerberg, ma dopo qualche ora un veterano della realtà virtuale come Philip Rosedale, già fondatore di Second Life e attualmente impegnato a sviluppare High Fidelity, replicava su Twitter: (portare) “un miliardo di persone insieme in VR richiederà 50 milioni di server. E neppure Facebook è in grado di gestire 50 milioni di server”.

    Qual’è il vero limite tecnologico?

    Eppure Facebook gestisce senza grossi problemi 2 miliardi di utenti al mese sulla propria piattaforma di social networking, che per molti utenti più giovani rischia di diventare il web “tout court”. Come è possibile?

    Il problema è legato alla differente tecnologia utilizzata dal web “classico” e dalla realtà virtuale anche attraverso il web (a esempio tramite il protocollo WebVR) e dalla differente capacità di gestione delle connessioni che le stesse richiedono.

    Mark Zuckerberg 1 billion people VR

     

    Un server può ospitare oltre 350 mila siti

    Per essere chiari: il sito di Mondivirtuali.it è ospitato su un server assieme ad oltre 358 mila altri domini e sebbene qualsiasi host prevede delle limitazioni agli accessi contemporanei a un singolo sito ospitato sui suoi server per non saturare l’intera banda, è chiaro che col web “classico” non ci sono particolari problemi a collegare fino a qualche milione di utenti in contemporanea.

    High Fidelity guarda a reti di server condivise

    L’architettura di High Fidelity, per contro, come ha spiegato Wagner James Au su New World Notes prevede che un singolo dominio (ossia una singola sim o “esperienza” che dir si voglia) venga distribuito attraverso un rete di server, ciascuno dei quali gestisce differenti aspetti dell’ambiente del dominio e le funzioni necessarie a creare un senso di presenza per gli utenti.

    I costi e i limiti sono differenti

    Ma la cosa ha ancora dei limiti sia in termini di utenti collegati in contemporanea (un centinaio, come in Second Life), sia di costi (un evento da 100 persone costa 10,7 dollari l’ora più 6,4 dollari al mese di commissioni di immagazzinamento, contro le poche decine/qualche centinaia di dollari l’anno di commissioni di host per un sito web classico).

    Philip Rosedale High Fidelity

    Il cloud potrà dare una mano

    Impossibile, dunque, pensare che Facebook possa con la tecnologia e i costi attuali riuscire a raggiungere l’obiettivo da poco annunciato, senza sposare un approccio simile a quello di High Fidelity, basato su reti condivise di software di aziende e utenti privati.

    Tuttavia la tecnologia corre e l’idea stessa della condivisione di risorse portata dal cloud computing sta prendendo piede al punto che la stessa Linden Lab ha annunciato lo scorso agosto di voler far migrare la struttura di Second Life sul cloud.

    Ma esisterà un miliardo di potenziali utenti VR?

    Insomma: se allo stato probabilmente Philip Rosedale ha ragione, non è detto che Mark Zuckerberg non riesca comunque nel suo intento in un futuro neppure troppo lontano. Sempre che esista un miliardo di utenti interessati a collegarsi in realtà virtuale da ogni angolo del globo, naturalmente.

    Se volete sapere come andrà a finire, continuate a seguire Mondivirtuali.it, anche tramite il nostro account su Twitter e la nostra fanpage su Facebook (ma ricordate: Mondivirtuali è anche su Flickr, su , su Scoop.it e su Paper.li, oltre che su Youtube.

    NO COMMENTS

    Leave a Reply

    Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.