Il WebVR rende fruibile la realtà virtuale a tutti

    by -
    0
    Webvr cover

    Mentre l’hype sulla realtà virtuale e aumentata sembra procedere in modo altalenante, col dibattito sui tempi e contenuti necessari a fare diventare la VR “mainstream” che prosegue da mesi, gli osservatori più attenti (tra cui il sito VRScout) hanno notato come in realtà a guadagnare sempre più spazio sia il WebVR.

    Il WebVR renderà la VR accessibile a tutti

    Il WebVR è uno standard aperto basato su una Javascript Api che rende possibile l’esperienza della realtà virtuale attraverso l’utilizzo di un browser, allo scopo di rendere più facilmente accessibile la VR indipendentemente dal dispositivo utilizzato. Naturalmente per poter godere dei contenuti del WebVR servono due elementi: un visore (a scelta tra Google Cardboard o Google Daydream, Samsung Gear VR, Oculus Rift, Htc Vive, ma anche Playstation VR o Windows Mixed Reality) e un browser compatibile.

    Standard nato da una intuizione di 23 anni fa

    In alcuni siti non è neppure necessario avere un visore VR per poter comunque visualizzare contenuti a 360 gradi, sperimentando così una sia pure parziale forma di “realtà virtuale“. Il WebVR è nato 23 anni fa con lo sviluppo del Virtual Markup Reality Language (VRML), che non decollò mai ma spianò la strada per lo sviluppo della VR per come la conosciamo oggi.

    Abbassando fortemente le barriere per lo sviluppo di contenuti VR fruibili anche alla massa di utenti del web, il WebVR potrebbe essere il cavallo di Troia che porterà gradualmente all’adozione di massa della tecnologia VR, che in fondo (nota VRScout) non sempre richiede un’esperienza “alta” come quella offerta dai visori VR e dalle piattaforme immersive stile Sansar.

    Nessuno stress mediatico

    In più, non avendo sperimentato alcun tipo di hype mediatico, gli sviluppatori del WebVR e dei suoi contenuti hanno potuto concentrarsi sulla loro attività senza eccessivi stress dall’esterno sfruttando uno strumento molto efficiente dal punto di vista dei costi. In più il WebVR è un sistema “tecnologicamente agnostico“, ossia un sistema aperto e in grado di lavorare coi diversi formati standard del settore, così che se qualche startup dovesse scomparire nel bel mezzo dello sviluppo di un progetto, i suoi collaboratori e clienti non resterebbero a mani vuote.

    Webvr bis

    I colossi dell’high-tech vigilano

    Grandi nomi del settore high-tech come Mozilla, Google, Samsung, Facebook, Intel, Microsoft e, di recente, Apple fanno parte del WebVR Community Group che decide gli standard adottati dal WebVR. Mozilla, con A-Frame, ha iniziato già dal 2015 a inserire uno strumento di sviluppo di contenuti VR, insieme ad una serie di risorse pubblicate sul sito MozVR, altri come React VR, Argon.js, PlayCanvas, JanusVR e Primrose hanno creato ulteriori strumenti per facilitare lo sviluppo di contenuti VR.

    Uno strumento per sperimentare

    Inoltre Google, Oculus e Samsung hanno pubblicato i propri contenuti WebVR e reso disponibili risorse open source per gli sviluppatori, mentre sul lato browser sono già compatibili con WebVR Chrome per Android, Firefox Nightly, Samsung Internet, Microsoft Edge, Chromium, Servo e Oculus Carmel.

    I settori più interessanti per lo sviluppo di contenuti WebVR sembrano al momento quello educativo e quello turistico, ma i campi di sperimentazione sono molti di più e non è escluso che presto sentiremo parlare di nuovi svilluppi.

    Se volete sapere come andrà a finire, continuate a seguire Mondivirtuali.it, anche tramite il nostro account su Twitter e la nostra fanpage su Facebook (ma ricordate: Mondivirtuali è anche su Flickr, su Pinterest, su Scoop.it e su Paper.li, oltre che su Youtube).

    NO COMMENTS

    Leave a Reply

    Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.