Htc presenta il nuovo Vive Standalone, pensato per la Cina

    by -
    190
    Vive Standalone cover

    Dopo molte voci e indiscrezioni, Htc ha ufficialmente annunciato a ChinaJoy 2017 il suo primo visore VR per il mercato cinese, il Vive Standalone, che a differenza del Htc Vive VR che siamo abituati a conoscere non è collegato tramite cavi a un computer ed utilizzerà Viveport come piattaforma ufficiale per i contenuti.

    VivePort

    Un visore VR per il mercato cinese

    Il nuovo visore non ha bisogno né di un pc né di uno smartphone per funzionare e utilizzerà i processori Qualcomm Snapdragon 835 per piattaforme mobili di realtà virtuali annunciati a inizio anno al Ces 2017 e sviluppati specificamente per supportare visori VR/AR oltre che telecamere IP, tablet, smartphone, Pc portatili ed altri dispositivi mobili basati su differenti sistemi operativi come Android e Windows 10.

    Non è il visore annunciato lo scorso anno

    Da notare che questo nuovo visore non è quello che Htc aveva annunciato nel maggio dello scorso anno alla conference annuale degli sviluppatori di Google, quindi dobbiamo attenderci nei prossimi mesi ulteriori annunci. La famiglia Htc sembra dunque destinata ad ampliarsi rapidamente e questo potrebbe consentire un significativo incremento dei volumi di vendita, che a sua volta renderebbe possibile un abbassamento dei prezzi di vendita del dispositivo, al momento il più costoso sul mercato (attorno a 877 euro).

    Vive Standalone

    I prezzi scenderanno per favorire le vendite

    Proprio i prezzi elevati hanno finora frenato la diffusione dei visori VR, anche se l’interesse resta tangibile; nel primo trimestre dell’anno, ad esempio, il più venduto è stato il visore Sony Playstation VR con 375 mila unità, seguito a distanza da Htc Vive (95 mila unità) e Oculus Rift (64 mila unità). Per cercare di ravvivare le vendite di quest’ultimo Facebook pochi mesi fa ha annunciato un ribasso dei prezzi sia del visore sia dei controller (il kit con entrambi costa ora 708 euro).

    Se volete sapere come andrà a finire, continuate a seguire Mondivirtuali.it, anche tramite il nostro account su Twitter e la nostra fanpage su Facebook (ma ricordate: Mondivirtuali è anche su Flickr, su Pinterest, su Scoop.it e su Paper.li, oltre che su Youtube).

    NO COMMENTS

    Leave a Reply