Con HTC Vive VR le giurie entreranno nella scena del crimine

Con HTC Vive VR le giurie entreranno nella scena del crimine

Come ha riferito la Bbc un progetto della Staffordshire University ha sperimentato come trasportare i giurati in una scena del crimine virtuale utilizzando schermi verdi, visori per realtà virtuale come HTC Vive VR e tecnologia derivante dal gaming, dall’engineering e dal computing.

Con HTC Vive dentro la scena del crimine

HTC Vive VR minority report Caroline Sturdy CallsIl progetto, guidato dal professore associato di indagine scientifica Caroline Sturdy Colls, è il primo del suo genere in Europa ed ha ottenuto un finanziamento per la ricerca di circa 140 mila sterline dalla Commissione Ue. Utilizzando il visore HTC Vive VR è possibile camminare all’interno della scena del crimine che sembra incredibilmente reale anche se sapete che è solo virtuale.

Se un avvocato potesse fare così, lui o lei potrebbe facilmente guidare la giuria sulla scena del crimine evitando ogni confusione grazie all’elevato livello di dettaglio della scena. Lo scopo del progetto era di creare la “soluzione migliore” per aiutare il sistema giudiziario criminale a aiutare i giurati ad ottenere un’elevata comprensione del crimine.

Costi abbordabili, ma quanto tempo richiederà?

HTC Vive minority report Simon TweatsInoltre, secondo Simon Tweats, responsabile dei servizi giudiziari della Polizia di Staffordshire, le 689 sterline necessarie per comprare un HTC Vive VR nel Regno Unito sono davvero una spesa sostenibile per le loro risorse, visto che ciò potrebbe fare una differenza significativa relativamente a come le prove vengono presentate e “animano” scene del crimine complesse.

Comunque, persino in Gran Bretagna le ruote della giustizia sono lente e non è chiaro quanto ci vorrà prima che si possa vedere questo tipo di strumenti venire adottati dai tribunali. Inoltre prima che possa essere adottata la tecnologia VR, occorrerà valutare quanto tempo extra richiederebbe questa procedura per quanto riguarda l’attività di ricostruzione di ogni scena del crimine ad un livello di accuratezza tale da poter essere considerata affidabile e in grado di apportare informazioni all’interno di un processo.

Ciò detto, la possibilità di immergere i giurati nel caso che stanno studiando sarebbe inestimabile e ci porterebbe più vicini al futuro descritto dal film Minority Report. Se volete sapere come andrà a finire, continuate a seguire Mondivirtuali.it, anche tramite il nostro account su Twitter e la nostra fanpage su Facebook (ma ricordate: Mondivirtuali è anche su Flickr, su Pinterest, su Scoop.it e su Paper.li, oltre che su Youtube).

Related Articles