Second Life: l’opinione di Skills Hak

Second Life: l’opinione di Skills Hak

Skills Hak InsilicoLa vicenda che ha coinvolto Insilico, una delle più famose sim di Second Life, ha portato molti a chiedersi perché Skills Hak, la sua creatrice, sia stata più volte bannata dalla Linden Lab e quali problemi possa aver causato al mondo virtuale.

Skills Hak: sono un gatto curioso

Mentre sulle cause specifiche non vi sono mai state (e probabilmente mai vi saranno) versioni ufficiali, la stessa Skills Hak ha ammesso di essere “un gatto curioso” e di aver sempre gradito “rompere e migliorare le cose” realizzando “centinaia di utili caratteristiche che semplicemente Linden Lab non vi darà perché potreste abusarne”.

Alcune delle sue realizzazioni come il CDS (Client Detection System), messo in vendita tramite Gemini Cybernetics, sono state create per “sensibilizzare e convincere le persone ignoranti a non fare uso di cattivi viewer” (che consentivano la possibilità di utilizzare copybot per rubare contenuti creati da altri) e a quanto pare hanno funzionato, visto che il numero di vicende legate all’utilizzo fraudolento di copybot è drasticamente calato rispetto a pochi anni or sono.

Ciò nonostante proprio la prima versione del CDS è stata utilizzata da zFire Xue (aka Michael Prime) e altri per sviluppare Redzone, un sistema di protezione che violava i diritti di privacy degli utenti di Second Life e che è costato allo stesso Prime quattro mesi di prigione e la proibizione per i due anni successivi a lavorare in attività legate alla programmazione o all’utilizzo di computer, tanto meno a partecipare a Second Life o altre comunità virtuali o social network.

Una seconda vita in bilico

Skills Hak space discoQuindi come ammette la stessa Skills Hak in un suo post, non è sempre stata del tutto “innocente”, è stata in bilico tra ciò che era consentito e ciò che poteva non esserlo per anni e molte delle cose in cui è rimasta coinvolta hanno generato forti controverse nel mondo virtuale, mentre Linden Lab ha continuato a chiudere un occhio. “In effetti alcune delle cose che ho fatto era fatte dannatamente male, così onestamente Linden Lab è nel suo pieno diritto di rimuovermi dal gioco”.

Ma se Skills Hak sembra tuttora ritenere Second Life “una cosa incredibile”, pensa anche che “sia nelle mani della società sbagliata”. Second Life, nota Skills Hak, “sta morendo e questo da un po’, è una città fantasma, teletrasportatevi sulla mappa e noterete come la maggior parte dei gruppi di punti sono bot per fare traffico, a meno che non ci sia un evento commerciale. La maggior parte delle sim sembrano vuote, grandi costruzioni sono state sparite perché il numero di visitatori è calato quasi a zero, mentre Linden Lab ancora carica felicemente 300 dollari al mese per mantenere un simulatore online (che probabilmente non costa loro più di 50 dollari)”.

Skills non spera in Projec Sansar

Non solo: “Non ho speranze per Sansar, è fatto da una società che non capisce la propria base di utenti” conclude Skills Hak, “sarà solo un nuovo modello, le chiacchiere sulla VR (realtà virtuale, ndr) non saranno sufficienti a dare molta più trazione e il mio principale cruccio è che esso sarà closed source. Anche i Linden hanno commentato con me che sono piuttosto delusi”.

Skills Hak lastPersonalmente non ho mai incontrato Skills Hak, né posso giudicare le sue competenze tecniche, ma mi pare che le sue osservazioni siano più che ragionevoli e che il rischio che Project Sansar si riveli un flop una volta che l’hype mediatico attorno alla VR si sarà affievolito (cosa che avverrà a breve probabilmente, visto che la VR stessa non sarà di massa ancora per anni, dati i prezzi dei primi dispositivi) sia concreto.

Sperando di sbagliarmi, e che Linden Lab dimostri di aver fatto tesoro di quasi 13 anni di gestione di una comunità di utenti creativi e semplici giocatori più di quanto non appaia finora, vi invito se volete sapere come andrà a finire a seguire Mondivirtuali.it, anche tramite il nostro account su Twitter e la nostra fanpage su Facebook (ma ricordate: Mondivirtuali è anche su Flickr, su Pinterest, su Scoop.it e su Paper.li, oltre che su Youtube). N.B.: le foto che vedete nell’articolo sono tutte tratte dall’album di Skills Hak su Flickr.

Related Articles