Crowdfunding al via per Incendiary Games

Crowdfunding al via per Incendiary Games

crowdfunding death of dragonsE’ ancora tempo di crowdfunding per la realtà virtuale applicata al settore dei videogiochi, che pare uno dei primi e più interessanti settori in cui tale tecnologia potrebbe trovare un numero consistente di utilizzatori, insieme a quello degli sport indoor (vi ricordate di Widerun, la startup triestina di cui Mondivirtuali.it parlò qualche mese fa?). Per il momento però i venture capitalist e gli acceleratori di idee come l’italiano SeedUp, attualmente in fase di selezione dei primi progetti accelerabili, (in attesa del lancio di un’iniziativa di cui vi parleremo meglio nel 2016) hanno preferito puntare sugli sviluppatori di hardware e di software più che di contenuti sia pure video ludici.

Così molte startup provano a lanciare il proprio progetto attraverso piattaforme di crowdfunding: l’ultima in ordine di tempo è Incendiary Games, una startup di San Francisco che vuole iniziare a produrre videogiochi per realtà virtuale e che ha appena avviato la sua campagna su Kickstarter (la potete seguire a questo link) per finanziare lo sviluppo di Death of Dragons, un gioco di ruolo d’azione in terza persona che si ispira a titoli celebri come Path of Exile, Diablo e Zelda.

L’obiettivo della campagna di crowdfunding di Incendiary Games è raccogliere 50 mila dollari entro l’8 gennaio 2016 e al momento sono già state raccolte adesioni per 3.105 dollari da parte di 32 sostenitori. La trama del videogioco è in pieno stile fantasy: i draghi, un tempo creature temute e rispettate, sono tornati sulla Terra, si dice alla ricerca di un artefatto così potente che se cadesse nelle mani sbagliate potrebbe significare la fine di tutti i draghi esistenti. Se volete vedere a che livello di sviluppo siano arrivati i ragazzi di Incendiary Games e cosa significhi giocare ad un videogioco indossando un visore 3D per realtà virtuale, gustatevi il filmato qua sotto.

La realtà virtuale oltre ad aggiungere immersione consente di utilizzare il monitoraggio dei movimenti della testa del giocatore (“head tracking”) in modo innovativo: Death of Dragons utilizza il monitoraggio della testa per inquadrare i mostri o specifiche parti del corpo sui mostri boss. Ad esempio, è possibile inquadrare l’ala di un drago e spararle in cielo. Ma Incendiary Games sta anche sviluppando un nuovo sistema per distribuire le ricompense tra giocatori che sarà molto “VR friendly” e in generale ulteriori utilizzi innovativi della tecnologia VR applicata ai videogiochi.

crowdfunding death of dragonsMentre vi suggeriamo di andare a leggere la descrizione completa di Death of Dragons sulla pagina della campagna di crowdfunding di Incentiary Games su Kickstarter, non possiamo non ricordare come finora altri sviluppatori che hanno testato gli Oculus Rift e altri visori 3D abbiano scoperto che possono dare luogo a qualche problema di condivisione (banalmente: molte persone non amano dover indossare sul proprio volto qualcosa indossato da altri), il che rischia di limitare di molto l’applicazione della realtà virtuale condannando questa tecnologia ad un utilizzo esclusivamente personale che una volta esaurito “l’effetto wow” potrebbe portare i giocatori a riporre visori e VR in un angolo per tornare a usare le classiche, ma condivisibili, console per videogiochi e ai relativi controller.

Nell’era della condivisione è un limite da non sottovalutare. Se volete sapere come andrà a finire la campagna di crowdfunding di Incendiary Games per Death of Dragons e in generale restare informati sulle ultime novità su mondi virtuali, videogiochi, realtà virtuale e aumentata, continuate a seguire Mondivirtuali.it, anche tramite il nostro account su Twitter e la nostra fanpage su Facebook (ma ricordate: Mondivirtuali è anche su Flickr, su Pinterest, su Scoop.it e su Paper.li, oltre che su Youtube).

Related Articles