Visori 3D: sfida tra Oculus, Sony, Microsoft e Valve

    by -
    visori 3D cover

    Sono passati poco più di 12 mesi da quando Facebook ha comprato Oculus VR (la società che sviluppa i visori 3D Oculus Rift) per 2 miliardi di dollari promettendo una diffusione sempre maggiore di contenuti legati alla realtà virtuale, ma per vedere nei negozi la prima versione “retail” del visore sviluppato da Palmer Luckey e Brendan Iribe (che sarà basata sul terzo prototipo, finora noto come Crescent Bay) sarà necessario attendere almeno altri 12 mesi, dato che la stessa Oculus VR in un’anteprima ha annunciato che le consegne avverranno a partire dal primo trimestre 2016.

    Oculus Rift 2016L’attesa è giustificata, secondo Oculus VR, dalla necessità di fornire ai potenziali consumatori oltre al visore 3D anche “contenuti interessanti, un ecosistema completo e una pila di tecnologia hardware e software completamente integrato progettato specificamente per la realtà virtuale”. Il problema è che da qui a 12 mesi i potenziali acquirenti potrebbero essere tentati da altre offerte concorrenti, non solo e non tanto quella di Sony, che pure col Progetto Morpheus ha già allo studio un proprio prototipo di visore 3D compatibile con la Playstation 4, abbinabile al controller DualShock 4 e alla PS Camera, o di Microsoft con le sue HoloLens, quanto quella di Verge.

    Sony project morpheusLa celebre casa sviluppatrice di giochi e mondi virtuali come Dota, Dota2 e Halflife, con la quale in passato ha collaborato anche l’attuale ministro delle finanze greco, Yanis Varoufakis, è a sua volta impegnata nello sviluppo di un visore 3D, l’HTC Vive, che secondo gli ultimi annunci dovrebbe essere nei negozi in tempo per la stagione natalizia 2015, con un “market timing” più rapido di almeno 3 mesi rispetto a quello di Oculus VR e soprattutto in grado di sfruttare la spinta legata alle vendite natalizie di videogame.

    Htc ValveIl vero scontro secondo molti sarà ancora una volta proprio questo, già visto per molti versi in Second Life e altri mondi virtuali: prevarranno i fan dei videogiochi per pc, fissi o portatili che siano, o saranno gli appassionati di realtà aumentata e realtà virtuale gli acquirenti tipici di questo genere di dispositivi?

    Microsoft HololensNel primo caso Valve potrebbe avere l’opportunità di “rubare la base” a Oculus e a Facebook, nel secondo caso sia Valve sia Sony, come pure la stessa Microsoft, rischiano un flop superiore a quello dei Google Glass (che nonostante l’intensa attività di marketing non sono mai andati oltre la dimensione della micro nicchia di mercato), dando tempo a Palmer Luckey e a Mark Zuckerberg di valutare meglio le proprie mosse a partire dal tipo di contenuti (ludici o di altro genere?) e dalla loro fonte (generati dagli utenti o da studi professionali?).

    Se vi interessa sapere come andrà a finire la battaglia per conquistare il nascente mercato dei visori 3D e degli altri dispositivi di realtà virtuale e realtà aumentata, non vi resta che seguire Mondivirtuali.it, anche tramite il nostro account su Twitter e la nostra fanpage su Facebook (ma ricordate: Mondivirtuali è anche su Flickr, su Pinterest, su Scoop.it e su Paper.li, oltre che su Youtube).