UP: la casa esiste ed è in vendita

UP: la casa esiste ed è in vendita

UP - la casaIl film di animazione UP, scritto e diretto da Pete Docter e Bob Peterson nel 2009 e vincitore di due premi Oscar nel 2010 (miglior film d’animazione e migliore colonna sonora), è tra le pellicole più riuscite della Disney-Pixar, una storia romantica amata dagli spettatori di mezzo mondo che oltre alla bellezza della grafica 3D realizzata sono rimasti colpiti dalla fantasia dimostrata dai protagonisti. Pochi però sanno che la storia del burbero anziano signore, Carl Fredricksen, non è totalmente inventata ma si ispira alle vicende reali che videro protagonista un’anziana signora di Seattle: Edith Macefield.

A parte il cambio di sesso del protagonista, proprio come Carl anche Edith si rifiutò di abbandonare la propria casa, nel 2006, nonostante un’offerta di un milione di dollari fattale quando la zona in cui abitava venne comprata per realizzare un grande centro commerciale.

Up casa veraA differenza di Carl, che in UP grazie a migliaia di palloncini multicolori riesce nel film a trasferirsi con tutta la sua casa vicino alle Cascate Paradiso, in Venezuela, Edith continuò a vivere fino al giorno della sua morte nella propria abitazione centenaria, attorno alla quale venne effettivamente costruito un centro commerciale.

All’apertura del testamento, l’anziana signora Macefield riservò un’ultima sorpresa: aveva infatti indicato come erede della propria amata abitazione Barry Martin, ossia il direttore dei lavori che avevano portato alla costruzione del gigante che ormai circondava la piccola casetta e lo fece, come lasciò scritto nel testamento, per dare a Martin un segno tangibile della gratitudine che provava per lui, che aveva dimostrato di aver capito il legame affettivo di Edith con quella casa e non le aveva mai forzato la mano costringendola a vendere.

Up casa veraAlcuni anni dopo Barry Martin rivendette la casa, che dopo la pellicola della Pixar era diventata alquanto famosa, ad un agente immobiliare, Greg Pinneo che vi insediò la sua attività. Purtroppo per Greg gli affari non andarono bene e le tasse legate sull’immobile non furono pagate, così ora la casa che ha ispirato Up torna sul mercato con la formula dell’asta, come ha segnalato il sito Immobiliare.it, alla cui cortesia dobbiamo le due immagini della vera casa appartenuta alla signora Macefield.

Se la storia della vera casa che ha ispirato UP vi è piaciuta e volete scoprire altre curiosità sui mondi virtuali e sulla realtà a cui a volte si ispirano, non vi resta che continuare a seguire seguire Mondivirtuali.it anche tramite il nostro account su Twitter e la nostra fanpage su Facebook (ma ricordate: Mondivirtuali è anche su Flickr, su Pinterest, su Scoop.it e su Paper.li, oltre che su Youtube).

Related Articles