I supereroi di Martin Beck

    by -
    Martin Back supereroi - Ironman

    A chi non piacerebbe essere un supereroe, almeno una volta? Alcuni ricorrono a mondi virtuali come Second Life in cui è possibile creare il proprio avatar come meglio ci pare, assumendo le sembianze di qualsiasi personaggio reale o fantastico si voglia o più banalmente ricreandoci in base al nostro “io interiore”, magari di 20 anni più giovani e con un fisico da modello.

    Martin Beck supereroi - FlashAd altri basta un costume e un poco di fantasia per poter rivivere anche solo a una festa o a carnevale il ruolo di quell’eroe che da bambino ci ha profondamente impressionato.

    Martin Back supereroi - BatgirlSupereroi e persone comuni

    Su Mondivirtuali abbiamo già mostrato i supereroi in costume rinascimentale di Sacha Goldberg oltre che i cosplayer ritratti come supereroi e personaggi del cinema fantastico di Antti Karppinen, ma questa volta vogliamo mostrarvi qualcosa di davvero diverso.

    Persone comuni, che vivono in mezzo a noi, ritratte da Martin Beck nei panni di supereroi più o meno improbabili ma non per questo meno autentici (anzi).

    L’idea del fotografo scozzese/sudafricano, attualmente risiedente a Dubai, da anni famoso ritrattista ma attratto anche dal mondo della musica rock e del cinema, è che tutti noi possiamo essere eroi.

    Martin Back supereroi - SpidermanRitratti poetici

    Certo, magari il suo Flash non sarà proprio un fulmine ad aggiustare le macchine, la sua Batgirl sarà un poco sovrappeso e il suo Spiderman sembrerà più reduce da una lite domestica che da una lotta all’ultimo ko con qualche supercriminale.

    Ma la sua coppia di anziani Superman e signora è estremamente poetica, al pari del suo Ironman che tutto appare meno che un playboy miliardario, mentre “missCapitan America non sembra certo la personificazione del sogno americano come il personaggio Marvel a cui si ispira.

    Martin Back supereroi - SupermanTutti noi possiamo essere supereroi

    Le immagini di Martin Beck compongono una collezione di 20 ritratti, messe in mostra e vendute al Middle East Film & Comic Con 2015 tra il 9 e l’11 aprile 2015.

    Con questo progetto il fotografo ha voluto umanizzare i supereroi, perché “nonostante i nostri difetti e fallimenti, ognuno di noi, a suo modo, può essere un supereroe per la nostra famiglia, i nostri amici, i nostri colleghi e abbiamo tutti il potenziale per aiutare gli altri. I miei eroi sono gente normale senza distinzione di razza, religione o credo. Vivono tra noi, ci circondano, sono ovunque. Ciascuno è un supereroe”.

    Martin Back supereroi - Capitan AmericaSe i supereroi di Martin Beck vi sono piaciuti, quanto quelli di Antti Karppinen o Sacha Goldberg, e volete vederne altri, continuate a seguire Mondivirtuali.it anche tramite il nostro account su Twitter e la nostra fanpage su Facebook (ma ricordate: Mondivirtuali è anche su Flickr, su Pinterest, su Scoop.it e su Paper.li, oltre che su Youtube).