Gundam combatte ancora

    by -
    Gundam cover

    Gundam RX-78Anno 79 dell’era spaziale: Side 3, l’isola spaziale più lontana dalla Terra, si è autonominata Principato di Zion. Ha dichiarato la propria indipendenza e tentato con la forza di sottomettere tutte le altre isole spaziali. Una guerra spaventosa è così scoppiata tra la Confederazione delle isole spaziali ed il Principato di Zion. I combattimenti, nel solo primo mese di guerra, hanno causato la morte di oltre dieci milioni di uomini e sono già otto mesi che la guerra si trascina senza né vinti né vincitori”. Se nel 1980 eravate dei ragazzi come il sottoscritto l’avete già riconosciuta: era l’apertura di ogni episodio della serie animata giapponese Gundam, nel corso degli anni diventata uno dei franchisee più fortunati al mondo, non senza qualche affanno iniziale.

    Gundam CloverIn Giappone infatti la serie creata da Yoshiyuki Tomino, considerata rivoluzionaria per il suo “realismo“, non ebbe inizialmente successo, tanto che lo sponsor originale, la società produttrice di giocattoli Clover (fallita nel 1983) ne chiese la cancellazione dopo i primi 39 episodi (anche se la produzione riuscì comunque a finire altri 4 episodi per un totale di 43 cartoni animati, al posto dei 52 inizialmente previsti).

    Per avere successo bisognava aspettare che un nuovo produttore, Bandai, realizzasse non solo giocattoli ma anche veri e propri modelli in plastica super dettagliati di Gundam e di tutti gli altri protagonisti della serie della Sunrise (che per anni non consentì l’ulteriore commercializzazione della serie, sotto qualunque forma, in Italia, non avendo all’epoca VID – Video International Distributors pagato le relative licenze).

    Gundam catalogo 2013Il “pianeta Gundam” è tra i più redditizi per Bandai, con un catalogo sconfinato e un giro d’affari dei “Gunpa” (Gundam plastic models) che sfiora il 20% del totale per la casa giapponese, con un trend che negli ultimi anni è tornato a crescere: 60,3 miliardi di yen (44,7 miliardi solo per i modelli in plastica, il resto grazie ai giocattoli) nell’esercizio 2011-2012, 81,7 (65,2) miliardi nel 2012-2013, 94,6 (80,2) miliardi nel 2013-2014, 72,8 (54,9) nei primi nove mesi dell’esercizio che si concluderà a fine marzo, con stime che parlano di 93 (70,5) miliardi entro tale data). Se preferite, in euro significa che Bandai ha fatturato in questi ultimi 4 anni rispettivamente 460,58 milioni, 624,05 milioni, 722,58 milioni e 556 milioni (con stime a fine marzo di 710,35 milioni) per un totale di oltre 2,5 miliardi di euro e scusate se è poco.

    Ma basta coi numeri e spazio alle foto di alcuni tra i più spettacolari modelli dei Gundam in circolazione, non prima di avervi segnalato che ne sono state costruite anche statue a grandezza “reale” in alcuni parchi di divertimento giapponesi e cinesi e che i giocattoli Clover sono tra i più ricercati dai collezionisti di tutto il mondo. Se poi volete essere sempre informati sulle novità relative a Gundam e altri protagonisti di mondi fantastici moderni, continuate a seguire Mondivirtuali.it anche tramite il nostro account su Twitter e la nostra fanpage su Facebook (ma ricordate: Mondivirtuali è anche su Flickr, su Pinterest, su Scoop.it e su Paper.li, oltre che su Youtube).

    Gundam TokyoGundam giant modelGundam Zeta redGundam dioramaGundam diorama baseZaku