Virtual Second Night torna in edicola

Virtual Second Night torna in edicola

Vsn gennaio 2015Gennaio 2015 è già alle spalle e col primo mese dell’anno anche il ritorno online e nelle edicole di Second Life di Virtual Second Night rivista edita da Edwardi Moseli (Edmose Group) e Carmy Sonata, che si avvale della collaborazione di dodici tra reporter, fotografi e collaboratori a partire dall’art director Nimoe Constantine (“ci tengo a dirlo, perché non riuscirei a realizzare questo progetto tutto da solo” sottolinea Edwardi Moseli). Virtual Second Night è in realtà “figlia” di due illustri genitori: Moseli aveva iniziato a pubblicare a fine 2011 la rivista (italiana) My Life, presto diventata My Virtual Life, poi circa un anno e mezzo fa ha rilevato da Simone Peterman la testata (inglese) Second Nighters Magazine (anche noto come Second Nights). Dall’unione delle due riviste è nata l’attuale Virtual Second Night, testi in inglese ma penne anche italiane tra cui il sottoscritto.

La rivista è come detto distribuita sia “in world” sia nel web, attraverso Issuu (potete scaricare il numero di gennaio da qui), con un seguito costante di lettori che scaricano ogni numero circa 700-750 copie dal web e più del doppio (1.700-1.800) direttamente all’interno della piattaforma di Linden Lab. Presente anche su Facebook, Twitter e Flickr, Edmose Group e Virtual Second Nights hanno visto passare tra i propri collaboratori alcune tra le migliori “penne” digitali oltre ad essersi avvalsi dell’opera grafica di fotografi tra i più apprezzati.

Vsn gennaio 2015 nimoeNon volendovi svelare nulla della rivista (voi scaricatela in world o visualizzatela tramite Issuu, ne vale la pena che vi interessino le ultime novità in fatto di “cacce” all’omaggio, la moda, l’arte e la cultura, la tecnologia o le attività sportive virtuali, per non parlare di una ricca selezione di località da visitare in Second Life), vorrei però segnalarvi come il livello grafico della rivista sia elevato come ci deve aspettare da una rivista incentrata su un mondo virtuale 3D che per anni ha fatto della grafica uno dei suoi punti di forza (anche se alcuni dei migliori giochi usciti nel 2014 hanno raggiunto ormai livelli cinematografici, essendo peraltro in quel caso la grafica pre caricata in un dvd e non dovendo interagire in rete attraverso un’architettura client-server con contenuti creati dagli utenti stessi).

Da ricordare che oltre a Virtual Second Night (e in precedenza a My Virtual Life), Edmose Group è stato coinvolto nei mesi scorsi nel progetto di una università neozelandese, la Victoria University of Wellington, che ha portato alla creazione di un magazine creato con gli studenti australiani che attraverso un proprio avatar si sono mossi all’interno di SL intervistando quattro diversi professionisti italiani operanti nel mondo virtuale di Linden Lab. Tutto questo è raccontato in “Progetto Second Life per l’Italiano L2.0” che potete scaricare anche da Issuu.

Se l’articolo vi ha incuriosito non vi resta che leggere l’ultimo numero di Virtual Second Night, se poi volete rimanere sempre aggiornati sulle ultime novità di Edmose Group, continuate a seguire Mondivirtuali.it, anche tramite il nostro account su Twitter e la nostra fanpage su Facebook (ma ricordate: Mondivirtuali è anche su Flickr, su Pinterest, su Scoop.it e su Paper.li, oltre che su Youtube).

Related Articles