World of Warcraft celebra il decennale

    by -
    WoW cover

    WoW 10 anniTempo di anniversari in casa Blizzard Entertainment, che lo scorso fine settimana ha celebrato i 10 anni di vita di World of Warcraft (WoW, la cui data di lancio è infatti il 23 novembre 2004, anche se la saga di Warcraft era iniziata esattamente 10 anni prima con Warcraft: Orcs & Humans). Il mondo fantasy di Azeroth porta piuttosto bene i suoi anni visto che ancora a fine ottobre 2014 dichiarava oltre 10 milioni di sottoscrittori, di cui 3,3 milioni ottenuti col lancio dell’ultima espansione (World of Warcraft: Warlords of Draenor) di cui sono state vendute 3,3 milioni di copie solo nelle prime 24 ore dal lancio, che si sono andati a sommare ai 6,8 milioni di sottoscrittori dichiarati a fine agosto.

    Rispetto ad un mondo virtuale come Second Life, WoW procede infatti con successive espansioni che tendono puntualmente a re-ampliare una base utenti che col tempo andrebbe invece a restringersi: la precedente espansione (Mist of Pandaria) aveva del resto riportato sopra i 10 milioni i sottoscrittori già nel 2012 (ma si partiva da 9,1 milioni preesistenti).

    World of WarcraftIl picco di popolarità restano comunque i 12 milioni toccati nel 2010. La cosa che ha colpito molti analisti in questi anni è stata proprio la capacità dimostrata dal team di sviluppatori di WoW di continuare a modificare anche piuttosto radicalmente il MMORPG senza tradirne lo spirito ed anzi suscitando l’interesse di nuovi giocatori pur mantenendo intatti i dati (e l’interesse per il gioco) dei milioni di “vecchi” giocatori.

    Il successo di Blizzard, che ha sviluppato il gioco in questi anni, si spiega anche con gli ottimi rapporti instaurati con la clientela, cui i successivi sviluppi sono sempre stati adeguatamente spiegati e motivati, dopo essere stati ampiamente testati per assicurarsi che potessero essere utili ed adottabili dalla maggioranza dei giocatori. In una parola: Blizzard ha investito tempo e soldi per migliorare costantemente l’esperienza dei propri utenti. Esattamente ciò che Linden Lab dichiara di voler fare da anni, se ci sia riuscita o meno lasciamo decidere ai “residenti” di Second Life.

    Se poi volete saperne di più su WoW e i principali MMORPG  e mondi virtuali a voi non resta che continuare a seguire Mondivirtuali.it sul sito oltre che attraverso il nostro account su Twitter e la nostra fanpage su Facebook (ma ricordate: Mondivirtuali è anche su Flickr, su Pinterest, su Scoop.it e su Paper.li, oltre che su Youtube).