CaptainSparklez, youtuber col vizio di Minecraft

CaptainSparklez, youtuber col vizio di Minecraft

In un paese vecchio come l’Italia a parlare di “Youtuber” si rischia di essere presi per visionari, ma che il futuro della cinematografia (sia “dal vivo” sia d’animazione) passi sempre di più per il video social network che dal 2006 fa parte del gruppo Google è ormai palese. A interessarsi al lavoro dei migliori e più famosi youtuber sono aziende di ogni settore attratte da un pubblico di milioni di utenti che visualizzano i video caricati su Youtube principalmente attraverso dispositivi mobili.

CaptainSparklezGli Youtuber si occupano di tutto, dalle webzine all’animazione digitale e naturalmente anche di machinima. Il lavoro che sta dietro alle migliori produzioni non ha niente da invidiare alle produzioni cinematografiche indipendenti “classiche”. Guardate per esempio cosa è riuscito a fare Jordan Maron (aka CaptainSparklez), un ragazzo di neppure 23 anni (è nato  a Los Angeles il 10 febbraio 1992) che pur occupandosi di solito delle recensioni di videogiochi come Happy Wheels, Left 4 Dead 2, Portal, TF2 o Call of Duty è diventato famoso grazie ad alcune parodie musicali girate in stile Minecraft.

Si tratta a tutti gli effetti di filmati d’animazione digitale realizzati utilizzando i principali software di animazione ed editing grafico, da Maya a Vegas, da Blender a Photoshop, da After Effects a Pro Tools piuttosto che Ableton. Con questi programmi Maron e un team di colleghi youtuber realizzano dei modelli tridimensionali dei set e dei personaggi di Minecraft che intendono utilizzare per l’animazione, per poi farli interagire in sintonia con la parodia della canzone prescelta (TryHardNinja si occupa della parte vocale, Doc Exx dell’audio, Yves Lenaerts della parte strumentale, mentre oltre a Maron, responsabile anche dei testi delle parodie, a occuparsi dell’animazione è Bootstrap Buckaroo che collabora anche con altri noti Youtuber come SlamacowCreations).

Ma che dimensioni ha assunto il successo di queste parodie? Giudicate voi: la più famosa, Revenge (parodia di DJ Got Us Fallin’ in Love di Usher  featuring Pitbull) è finora stata visualizzata quasi 147 milioni di volte, ossia più dell’originale che supera di poco i 125,6 milioni di visualizzazioni al momento,  Tnt (che fa il verso a Dynamite di Taio Cruz) è prossima agli 89,5 milioni di visualizzazioni (contro i 135,4 milioni di visualizzazioni del brano di Taio Cruz), mentre Fallen Kingdom (che reinterpreta Viva la Vida dei Cold Play) è già oltre gli 83,3 milioni di visualizzazioni, pari a circa la metà dei 168,7 milioni di visualizzazioni della canzone a cui si ispira.

Fallen KingdomInfine Minecraft Style (che riprende Gangan Style di Psy) il cui re-upload ha da poco superato i 10,5 milioni dopo che l’originale upload (che secondo la stampa aveva già superato i 37,7 milioni di visualizzazioni a fine 2012 risultando la più vista parodia della canzone di Psy) era stato bloccato e rimosso da Youtube dopo una citazione per infrazione di copywright. Cosa che ha impedito al lavoro di Maron di diventare famoso quanto l’originale a cui si ispira, che con oltre 2,14 miliardi di visualizzazioni è il video più visto di sempre su Youtube.

Insomma, fare lo youtuber può essere un lavoro adatto ai ragazzi, ma non si tratta certo di un gioco da ragazzi, almeno a questi livelli: il canale di CaptainSparklez è stato il quinto in assoluto tra i canali “solo gaming” ad aver superato il miliardo di visualizzazioni e al momento con oltre 8,17 milioni di iscritti ha superato quota 1,72 miliardi di visualizzazioni e lo stesso Maron insieme ad altri tre colleghi Youtuber è stato messo sotto contratto da Polaris, divisione gaming del gruppo Maker Studios.

Se il nostro articolo sul mondo degli Youtuber e in particolare di quelli che amano riprodurre filmati ispirati a videogiochi e mondi virtuali vi è piaciuto continuate a seguire Mondivirtuali.it sul sito oltre che attraverso il nostro account su Twitter e la nostra fanpage su Facebook (ma ricordate: Mondivirtuali è anche su Flickr, su Pinterest, su Scoop.it e su Paper.li oltre naturalmente che su Youtube).

Related Articles

1 Comment

Comments are closed.