Vero Modero, la moda turca sbanca SL

Vero Modero, la moda turca sbanca SL

Vero ModeroCi sono poche cose che mi incuriosiscono più della moda virtuale che gli utenti di Second Life sono stati in grado di realizzare in questi anni, una moda che inizialmente tendeva a copiare la moda reale, poi col tempo è divenuta più fantasiosa ed a volte fonte di ispirazione per alcune giovani stilisti emergenti “RL”. Così anche se rispetto a qualche anno fa non ho più il tempo (o forse la pazienza) per assistere a tutte le decine di eventi di moda “in world”, dalle sfilate ai concorsi di bellezza ai corsi di selezione delle varie agenzie, ancora mi incuriosisco guardando i migliori scatti su Flickr o Koinup.

Di recente ad esempio ho visto (sulla gallery di Elisabeth Draesia, che è anche una brava fashion blogger) alcuni outfit realizzati da Bouquet Babii per il suo marchio Vero Modero, che trovate regolarmente in vendita anche su Marketplace. Vero Modero è un marchio per uomo e per donna (per la gioia dei miei amici che in SL dicono di trovare poco o nulla, al contrario delle mie amiche) e come un altro celebre fashion brand di Second Life, Gizza, è di nazionalità turca.

La scelta tra i capi è molto vasta (solo su Marketplace ne trovate al momento 177), il prezzo relativamente contenuto (costano quasi tutti tra i 200 e i 400 linden, vale a dire poco meno o poco più di un euro a capo, anche se sono proposti outfit più ricchi il cui prezzo oscilla dai 500 ai mille linden, un paio di euro insomma), lo stile molto “realistico” e però anche molto portabile e adatto a ogni occasione, formale o informale che sia.

Vero Modero Miss MutyaSe non bastasse Vero Modero (questa la sua gallery su Flickr) propone anche shape e skin foto realistiche per personalizzare il vostro avatar. Come molte “aziende” della moda virtuale internazionale, Bouquet Babii (che del marchio è proprietaria oltre che Ceo e capo designer) non è una “one woman show”, anzi si è creata uno staff notevole che vede in Fuzz Lennie il Chief operation manager, Audrey Cresci quale Executive assistant, Azull Ash, Cuba Avedon e Colefield11 Resident quali Creative designers e ancora Perla Rae quale Responsabile marketing, Maia McKeenan nel ruolo di Hunt coordinator e Rebelgirl Blinker in quello di Customer service coordinator (il Customer service è poi composto da Billyjo Riller, Raquel Antonelli, Humble Sugarplum e Zepher Zerbino).

Vero ModeroTra gli eventi che Vera Modero sponsorizza in SL oltre a una serie di sfilate vi sono regolari cacce all’omaggio e una selezione annuale di modelle e modelli che rappresentino i testimonial del brand (quella per il 2013 è tuttora in corso, trovate tutte le informazioni qui).

Insomma: grazie a Flickr (e alle galleries di Betty Draesia e Bouquet Babii, da cui sono tratte le immagini di questo articolo) ho potuto ancora una volta ammirare cosa la creatività degli utenti dei mondi virtuali immersivi in 3D come Second Life è in grado di creare. E come anche un “gioco” come la moda virtuale veda sempre più spesso affacciarsi nuovi protagonisti “emergenti” in modo del tutto simile a quanto accade nella realtà, in grado di raccogliere attorno al proprio progetto le energie e l’entusiasmo di staff importanti. Una capacità che ancora troppe poche volte ho notato nelle mie amiche designer italiane (ma confido sempre in nuove e piacevoli sorprese). Inutile dirvi che vi consiglio di dare un’occhiata ai modelli (alcuni realizzati in mesh, altri nei “classici” prim) di Bouquet Babii e della sua squadra, resterete a dir poco ammirate dalla qualità del  lavoro di questi giovani designer.

Related Articles

1 Comment

  • […] ammetto: sono poco attenta alla moda virtuale in Second Life. Però quando ho letto l’articolo di Luciana Pinazzo dedicato a Vero Modero, marchio della stilista Bouquet Babii, mi sono […]

Comments are closed.