Offerte per Bryn Oh

    by -
    Bryn Oh crowdfunding cover

    Bryn OhIn tempi di crisi il crowdfunding può essere un’alternativa concreta per finanziare un progetto credibile in campi come l’arte, il gioco, la musica, il cinema o il web? Sembrerebbe di sì e sembrerebbe che possa esserlo anche per alcuni singoli progetti di quella nicchia del web chiamata mondi virtuali. Una nicchia che gode di un interesse stabile da parte di artisti, grafici, filmaker e creativi in genere, anche se per ora non è riuscita a diventare quell’ambiente “di massa” che aveva inizialmente sperato di poter essere, sia per i limiti tecnici delle piattaforme finora sviluppate sia per alcuni evidenti errori strategici e di marketing da parte delle società maggiormente coinvolte come Linden Lab o Avatar Reality.

    Eppure l’idea di fondo resta evidentemente valida, quella di creare ambianti in cui i contenuti siano generati dagli utenti stessi, a basso costo, con una buona resa grafica tridimensionale che facilita la “suspension of disbelief”, meccanismo ottimo per creare giochi di ruolo o narrazioni interattive in cui i narratori siano al tempo stesso spettatori e viceversa. Una riprova è arrivata in questi giorni dalla vicenda accaduta all’artista canadese (in RL una pittrice di Toronto) nota in Second Life come Bryn Oh: la sua più celebre land, Immersiva, era stata apparentemente cancellata prima di Natale, per poi tornare online alcuni giorni fa contemporaneamente al lancio da parte di Bryn di una raccolta di fondi a supporto dell’artista sul sito di crowdfunding IndieGoGo.

    Bryn OhBryn Oh, che ancora di recente ha anche esposto al MiC, si è data 60 giorni di tempo per raccogliere 5.400 dollari Usa, garantendo in caso di successo di mantenere la sim online per un altro anno (le sole fee costano 300 dollari al mese, cifra che Bryn ha spiegato di non poter più a lungo dedicare a questo progetto). La cosa sorprendente è che dopo appena 5 giorni sono già stati donati oltre 6.200 dollari Usa, a dimostrazione che esiste una sia pure piccola (ma ricca) nicchia di utenti disposta a pagare pur di fruire (per di più non in maniera esclusiva) di contenuti artistici online.

    Da notare che Bryn ha utilizzato la piattaforma di IndieGoGo proponendo vari modi con cui contribuire al suo progetto, ad esempio acquistando copie su carta (autografate) del libro di Anna’s Many Murder con copertina rigida, o copie della sua scultura virtuale Rabbicorn (o altro se preferito), piuttosto che una illustrazione inchiostro su carta di un personaggio delle sue storie o un dipinto olio su tela sempre ispirato a uno dei suoi personaggi.