Le poesie dipinte di Margye Ryba

Le poesie dipinte di Margye Ryba

Margye Riba Carmen Auletta Second LifeMargye Ryba (aka Carmen Auletta) è una avatar di Second Life la cui creatrice è divenuta popolare in RL proprio grazie alle sue attività culturali virtuali. Margye Ryba è natain Second Life alla fine del 2007 principalmente per curiosità ma non appena entrata, Carmen/ Margye si rese conto delle numerose opportunità e potenzialità del “gioco”. Facciamo un passo indietro a quando  Carmen scoprì il virtuale e decise di  far volare  nel web le sue poesie, o meglio le sue “poesie dipinte” dato che ad ogni poesia segue un dipinto, dando vita al blog  “tatuaggi dell’anima“ (http://blog.libero.it/Carmelandia). Dopo poco Carmen  entrò in Second Life con Margye iniziando a girare tra le varie sim e a mettere in esposizione le sue creazioni ed imbattendosi per puro caso nella  mostra Rinascimento Virtuale, un evento “RL” curato nell’autunno del 2008 da Carlo Gerosa di cui Mondivirtuali.it/SLnn.it oltre a numerosi giornali e telegiornali italiani (tra cui il TG1) parlarono.

Poco dopo fu notata ed intervistata dal direttore di Report European News, Domenico Di Conza, che le dedicò un articolo (in italiano e inglese) sulla sua rivista. Margye iniziava ad esser nota e venne contattata, in SL, per una mostra organizzata dai Comuni di Roma dove un suo dipinto si classificò tra i finalisti. Visto il notevole successo, iniziò a nascere il progetto “Margye Dreams”, in  collaborazione con il  gruppo Pyramid Café in Second Life. Il progetto (descritto qui e al quale sono dedicati vari video su Youtube tra cui http://www.youtube.com/watch?v=gzvDILQLbM8&feature=related e http://www.youtube.com/watch?v=tm_lsEpiXhY) fu  presentato per la prima volta ad Ars in Ara – arte e comunicazione nell’era di Second Life, svoltosi nel giugno del 2009 presso l’Auditorium dell’Ara Pacis a Roma ed ebbe un’ampia risonanza presso la stampa italiana (ne parlò anche Il Mattino). Margye Dreams costituisce un’opera che la stessa Margye definisce “una mostra sulla comunicabilità degli invalidi”. Sì, perché Carmen/Margye stessa è invalida ed aveva capito da subito la possibilità che SL era in grado di offrire ai disabili, e a tutte quelle persone che per motivi vari si trovavano nella impossibilità di “uscire fuori”, visto che, per usare le sue parole, “un computer, oltre a concretizzare potenzialità, può anche regalare a spirito e pensiero la libertà di volare altissimo, dove non avrebbe mai nemmeno osato sperare”.

Istituto Pegaso OnlusIl progetto è  poi arrivato a Bruxelles per essere presentato alla Comunità Europea.  Dopo qualche tempo  all’assemblea delle Nazioni Unite a New York venne letta la sua poesia “‘Ncopp’ ‘O Scoglio” (sopra lo scoglio), tradotta prima in italiano e poi in inglese, ma se non fosse per un video in cui Di Conza faceva una breve intervista a Ban Kii Moon, Segretario Generale delle Nazioni Unite, lei stessa non ci avrebbe creduto. In seguito a Margye venne chiesto di realizzare un dipinto che rappresentasse il progetto Pegaso Onlus, presentato sempre all’Onu.

Ma Margye non si è fermata qui: il 9 maggio sarà la festa dell’Europa e la Commissione Ue insieme alle Nazioni Unite e col vice presidente della Commissione presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri terrà una celebrazione nel corso della quale verranno presentate tre sue  poesie dipinte, mentre un’altra poesia dipinta sarà in esposizione permanente al Maschio Angioino, a Napoli. E ancora: il 17 marzo sono iniziati i festeggiamenti peri 150 anni dell’Unità d’Italia e l’istituto Europeo Pegaso Onlus ha vinto un progetto con la Marina Militare che prevede l’utilizzo della nave scuola Amerigo Vespucci per portare in giro varie associazioni di disabili da aprile a ottobre di quest’anno. Alcune poesie dipinte di Margye viaggeranno insieme a loro, da La Spezia a Trieste, appese alle pareti del salone della nave. Le prime poesie dipinte verranno presentate il 28 giugno, quando sarà la volta di Pegaso di salire a bordo (mentre la presentazione ufficiale di tutto il progetto è fissata peril 2 luglio presso il porto di Manfredonia). Che dire: brava Margye e brava Carmen!

Related Articles