IMVU è la nuova SL?

IMVU è la nuova SL?

Rod HumbleSecond Life ha una concreta alternativa? La domanda resta valida anche all’inizio del 2011, quasi 4 anni dopo l’esplosione (e il rapido sboom) dell’hype mediatico relativo al mondo virtuale sviluppato dall’azienda californiana Linden Lab, dove dallo scorso 13 gennaio è arrivato l’ennesimo nuovo Ceo, Rod Humble (ex Executive Vice President di Electronic Arts, vedete qui), in sostituzione di Philip Rosendale (aka Philip Linden) “richiamato in servizio” la scorsa estate in occasione della ristrutturazione dell’azienda che ha visto licenziate alcune centinaia di dipendenti e l’uscita di scena di Mark Kingdom (aka M Linden). Lasciamo da parte i gusti e le speranze e facciamo parlare qualche numero per capire come al momento non sembrino esservi alternative dietro l’angolo, almeno in termini “mass market” (si fa per dire essendo i mondi virtuali nel loro complesso una piccola nicchia del web per di più caratterizzata da una crescita molto più lenta di quanto immaginato a suo tempo).

Gli iscritti di Second Life risultano al momento pari a 21,9 milioni ma di questi solo 1,397 milioni hanno effettuato almeno un log in negli ultimi 60 giorni, mentre il concorrente più diretto, Blue Mars, in attesa di riuscire a sbarcare su iPhone e iPad è stato di fatto congelato da Avatar Reality, che ancora lo scorso marzo aveva raccolto altri 4,2 milioni di dollari portando ad oltre 13 milioni di dollari i finanziamenti ricevuti a fronte di 100 mila utenti registrati dichiarati (ma non è mai stato detto quanti di questi fossero realmente attivi) e che ora licenzia gran parte dei dipendenti, con lo stesso Ceo, Jim Sink, che ha lasciato la società.

Habbo HotelIl progetto Opensim, nato nel 2007 da un’idea di Darren Guard (aka MW), dichiara ad oggi quasi 70 grid pubbliche accessibili con vari viewer di Second Life, con oltre 11.800 regioni, 107 mila iscritti e 17.400 utenti che hanno effettuato un log in negli ultimi 30 giorni, con OSGrid di gran lunga la più frequentata con oltre 52.300 iscritti e 5.351 utenti attivi negli ultimi 30 giorni. Se si vogliono vedere numeri diversi occorre guardare a fenomeni che ricordano maggiormente i social game o le comunità virtuali come Habbo Hotel, di Sulake, che il 14 giugno 2010 ha festeggiato i 10 anni di vita potendo vantare 172 milioni di avatar registrati e 15 milioni di visitatori unici mensili, oppure come Stardoll, che dichiara 19,5 milioni di utenti unici mensili come somma degli utenti di Stardoll.com, Piczo.com e PaperDollHeaven.com, precisando di avere un’utenza composta in larga prevalenza da ragazze di 15-20 anni.

IMVU on FBVolete una riprova delle scarse alternative a Second Life per quel che riguarda i mondi virtuali in 3D per utenti “over 18”? Se andate su Facebook la fanpage di Stardoll piace a circa 130 mila persone, Second Life raccoglie oltre 105 mila “fans”, Habbo Hotel (che ha un target più giovane di Facebook) registra con varie fanpage circa 14.000 iscritti, Blue Mars non raggiunge i 300 iscritti, Opensim raccoglie meno di 400 persone pur avendo più di una fanpage presente. A sorpresa IMVU (che però è più simile a una chat in 3D ed ha un target di utenti più giovani che un vero mondo virtuale) supera gli 1,84 milioni di fan (pur dichiarando poco più di 50 milioni di iscritti e quasi 20 milioni di visitatori mensili come si vede qui), il che per una società di soli 60 dipendenti è un risultato eccellente. Che sia IMVU la vera alternativa a breve termine rispetto a mondi virtuali più “maturi” come Second Life?

Related Articles

1 Comment

  • […] online a volte ritornano: nato nel 1998 grazie agli sforzi di  Will Harvey (già creatore di Imvu) e Jeffrey Ventrella (dal 2005 al 2007 divenuto senior developer di Second Life, per la quale ha […]

Comments are closed.