I toni oscuri di Crystalsphip

I toni oscuri di Crystalsphip

Crystalsphip Paying a visitCrystalship-Rehula è una fotografa in RL e questo, dice lei, spiega forse perché lo sia anche in Second Life, mondo virtuale che utilizza come tela per le sue immagini, ispirate a “situazioni in cui viene coinvolta ma a volte anche frutto della sua immaginazione”.  Il che mi pare certo, visto che molte sue immagini sono cyberpunk, quindi non così facili da sperimentare nella realtà. Crystalsphip è per sua stessa ammissione soprattutto una attenta osservatrice dell’animo umano, una esploratrice di luoghi virtuali e della psiche, un’artista che crea immagini ogni volta qualcosa la colpisce al cuore (e, ci scommetto, le accende una scintilla nell’anima quanto nella mente).

Crystalsphip RehulaLa sua gallery (qui il suo album su Flickr), composta di centinaia di scatti, è ricca di tematiche quanto certi tesori vescovili lo sono di gemme, teche in oro e argento e reliquari preziosi: si va dal bianco e nero come in Paying a visit on Earth alle immagini color seppia come in Another brick in the wall sino a scatti multicolori come un arcobaleno, come in Bubble Gum.

Si passa dai ritratti, come Katra zil shuki ai paesaggi quasi da cartolina come Groll Inn & Hideout, dalle immagini high-tech come Cyborg a quelle glamour come The bride, fino  a quelle dotate di una forte carica erotica come in “”. Non mancano le citazioni cinematografiche come con North by Northwest, titolo originale del film di Alfred Hitchcock noto in Italia come “Intrigo Internazionale”.

Crystalsphip DandelionDovendo trovare un filo comune ad un’artista così versatile, noto un uso in prevalenza di toni cupi, che rendono le immagini più nitide, di un tempo sospeso, come congelato dallo scatto della fotografa, noto immagini dove l’immaginazione dell’artista reinterpreta oggetti, volti e luoghi altrimenti persino banali nella loro quotidianità (guardate Dandelion).

Insomma: quando vedete un’immagine di Crystalship facilmente vi verrà da dire “mi piacerebbe saper fare immagini simili, se solo fossi capace”. Lei lo è e per nostra fortuna condivide la sua abilità con tutti gli appassionati di arte digitale a cui offre i suoi sogni grafici.

(NB: come ci ha spiegato Crystalship alcuni link potrebbero non funzionare più. Quindi tenete d’occhio la sua gallery e continuate a seguire Mondivirtuali.it per avere ulteriori notizie).

Related Articles

4 Comments

  • […] L’artista che mi ha colpita questa settimana è Dokkie, ma voglio segnalarvi come nomi vecchi (Chrystalship Rehula, Connie Sec, Paola Mills, Lithea, RocapC o Link solo per citarne alcuni) abbiano fatto a gara con […]

  • Under an OcTree | Mondi Virtuali , Ago 7, 2014 @ 18:49

    […] data una mostra, organizzata da Crystalship Rehula (artista e “graphic dreamer” francese che apprezzo da tempo) in Second Life, piattaforma di realtà virtuale della californiana Linden Lab, dal titolo Under an […]

  • […] tratto si va facendo sempre più “grafico” come in Milna’s cemetery) e la sempre sorprendente Chrystalship Rehula (basti vedere Third eye), non posso fare a meno di notare come avatar e paesaggi costituiscano in […]

  • Nur Moo, under an OcTree , Mag 29, 2016 @ 11:29

    […] data una mostra, organizzata da Crystalship Rehula (artista e “graphic dreamer” francese che apprezzo da tempo) in Second Life, piattaforma di realtà virtuale della californiana Linden Lab, dal titolo Under an […]

Comments are closed.