Alice Mastroianni – conclusione

Alice Mastroianni – conclusione

Concludiamo la nostra chiacchierata con Alice Alberta Cittone, nota in Second Life come Alice Mastroianni, sin dal 2007 una dei “residenti” italiani più famosi del mondo virtuale della Linden Lab. Che dopo averci raccontato le sue origini ci svela alcuni lati oscuri di SL.

L.S.: Second Life da sempre è ombra e luce, arte e polemiche, moda e libertinaggio, beneficienza e giochi di ruolo: Le tue attività “luminose” le conosciamo tutti, raccontaci invece del tuo lato oscuro. Ce l’hai, non ce l’hai, lo vorresti avere, preferisci giocartelo in RL?

Alice MastroianniA.M.: Il mio lato oscuro… il mio lato oscuro, lo ammetto, in SL quasi non esiste, ma è esistito. Siccome divenni PR dopo nemmeno un mese di vita e famosa poco tempo dopo ho sempre fatto molta attenzione ad evitare il pettegolezzo su di me e quando qualche strana curiosità mi invadeva cercavo di condividerla con amicizie sincere o perfetti estranei al mio mondo. Ma il mio lato oscuro, quello che oggi rinnego e che quasi mi infastidisce, c’è stato prima, prima di SL. In un periodo di scontro totale tra me e me. In altri siti, con altri temi, con altre persone. E’ una fase di me che non mi piace ricordare, un momento in cui ero troppo esibizionista, un periodo in cui ho fatto del male a sconosciuti e sconosciute virtuali, giocando sulla mia gran capacità di scrivere ed interpretare. Ho finto di essere donna, uomo, ho giocato di ruolo con i sentimenti delle persone. Inizialmente ne ho tratto una forte soddisfazione personale, la convinzione di poter giostrare chiunque con la sola capacità di scrivere. Ma poi mi sono davvero sentita male, quando ho percepito tra le righe il male che ho fatto a qualcuno che si è innamorato follemente di quei miei personaggi inventati.

L.S.: Messa a nudo Alice (sia virtuale sia vera), raccontaci ora del modo in cui hai vissuto i progetti in cui sei entrata, dei rapporti che hai saputo instaurare con gli owner, gli staff, i semplici amici “di chat” che hai conosciuto e frequentato in questi anni, in world e sul web.

Alice MastroianniA.M.: Per rispondere a questa domanda occorrerebbe scrivere un libro ed infatti, da qualche tempo, sto provando a scriverlo, o meglio a mettere su carta (foglio word) tutte le esperienze vissute sul web e su SL. Non pensavo l’avrei mai fatto, e dubito che poi lo pubblicherò, magari lo metto sul web, sempre che questo dovere di rettifica non crei problemi! Un giorno mi lamentavo con Mau (“l’avatar a forma di fiore”) del mondo del calcio in SL e iniziai a raccontargli di quante vicissitudini negative ho incontrato nella mia vita virtuale, iniziata nel lontano 2007. Fu lui a dirmi, dovresti scriverle queste cose in un libro, ma hai bisogno di una stampella esterna a tutto ciò… ed infatti è quello che sto facendo sfruttando la mia sorellina, che si occupa di comunicazione stampa e web e che non ha un buon rapporto con i maniaci della rete come me. Quindi per risponderti ti dico: un giorno leggerai tutto e speriamo non siano troppe le denunce e le litigate!

L.S.: In questi giorni hai scritto su Facebook che ti senti una pagliaccia, che ti pare di non aver costruito nulla in grado di durare. E allo stesso tempo ti senti impaurita per la crisi che sta attraversando l’Italia (e non solo) e che mette in dubbio il futuro tuo e di tutti coloro che hanno la tua età e si domandano se, quando e come potranno metter sù casa, fare un figlio, formarsi una famiglia, a volte ottenere o mantenere un lavoro. Non è contraddittorio preoccuparsi di SL e poi dirsi impaurita per RL? O sono due lati di una stessa medaglia?

A.M.: Per me non è assolutamente contradditorio, anzi. Io da sempre ho creduto che SL potesse essere la mia piattaforma di prova per dare una sterzata totale alla mia vita e per finalmente fare quello che so fare meglio, comunicare. Vedi, io sono una brava igienista dentale, ma sai perché? Perché l’igienista dentale non è un operatore meccanico, non è solo colei che ti mette le mani in bocca, ma è una persona che con le parole, con le spiegazioni, con il dialogo deve convincerti e portarti a migliorare le tue abitudini e la tua salute. In poche parole l’igienista deve essere un bravissimo comunicatore. Ecco perché sono brava, non ho mai amato il sangue neh. Ed ecco cosa è sempre stata la mia passione: la comunicazione, intesa non solo come “dire” ma anche come interpretare il “dire” degli altri, l’ascoltare e il trasformare un pensiero in parole. Secondo me sarei una perfetta spalla per un ottimo politico e o imprenditore.

L.S.: Cosa ti auguri per il futuro della tua (e nostra) SL e per la tua (e nostra) RL?

Alice MastroianniA.M.: Posso essere sincera? Dopo quasi 3 anni, diventa difficile augurarsi qualche cosa, se ci si limita all’Italia. Ho purtroppo visto come in un nanosecondo, con l’arrivo di qualche nuovo personaggio famoso in RL che dice “ho un progetto” ritornino in auge sfide, litigate e diffidenze. Quindi il mio augurio di una reale e seria collaborazione tra persone è pura utopia. Ho sempre sperato, come vorrei fosse anche in RL, in una serie di specializzazioni, dove non è un solo gruppo a far tutto, ma ogni gruppo si specializza in qualche cosa ed insieme ad altri gruppi realizza un progetto, ma ormai siamo tutti builder, scripter, PR e video maker. Quindi troppa concorrenza sleale… io sono per condividere e dividere, l’ho sempre fatto, tant’è che posso considerarmi una delle poche PR italiane che è riuscita a far collaborare sette builder per realizzare un’unica isola, fregandomene dell’orgoglio builder e puntando sul valore della collaborazione e secondo me WDT è una splendida isola proprio perché mescola stili, capacità e collaborazione. Ma oltre ai builder ho fatto lavorare insieme fotografi, artisti, PR…. E se ISN non avesse voluto agire in SL in un modo che a me parve quello di un feudatario, anche nel caso di Prometeo [il progetto del continente italiano in Second Life, LmS], sono certa ne sarebbe uscito qualcosa di realmente diverso, un esempio di collaborazione da proporre proprio a livello istituzionale (spiegai all’epoca come mi fossi sentita qui e qui). Per la RL cosa mi auguro? Ahahah… che Fini rifondi AN o usurpi il trono a Berlusconi innanzitutto (come noto sono di Destra), ma soprattutto che si cerchi veramente di indirizzarsi verso il futuro, con una ricerca di vita, lavoro, industrializzazione e sviluppo ecosostenibile, sostenendo ricerche e imprese che puntano all’avanguardia nel rispetto della natura e dell’uomo. Ma chiedo troppo, vero?

Related Articles