Miss JL Fashion premia l’eleganza

    by -
    Miss JL Fashion

    Piazza Italia, Capri, Bar Italia: la comunità tricolore di Second Life sembra essersi d’amore (ri) accesa per i concorsi legati al mondo del fashion, dell’eleganza e della moda, anche se ognuno propone una ricetta diversa. Così dalla riproposizione di formule già sperimentate in Miss Italia SL a nuove proposte è un susseguirsi di proposte per incontrare il favore del pubblico e garantire maggiore trasparenza dopo qualche episodio forse non all’altezza delle aspettative che si è registrato in un recente passato. A Piazza Italia, nella land di Annemarie Perenti, è partita in particolare la prima edizione del Miss JL Fashion, sponsorizzata dall’omonima agenzia oltre che da El Loco Discoclub e Jen Shcool & Services, con un regolamento sufficientemente articolato e un programma decisamente ricco, ben quattro serate (tre a tema fisso, più una a tema libero dedicata all’incontro tra le candidate e la giuria di qualità) in cui le candidate Miss non solo sono chiamate a sfilare mostrando tutta la loro bellezza, ma anche la propria eleganza, il gusto in fatto di abbigliamento, le proprie abilità e personalità.

    La prima serata, dedicata al tema “Colazione da Tiffany”, ovvero un evento formale da giorno, elegante ma sobrio, ha visto, sia pure tra qualche incertezza tipica dei debutti e la presenza di un amico fedele come l’immancabile lag, una ventina di concorrenti ben assortite tra debuttanti e “veterane” provare a dare subito il meglio di sé. La formula del concorso è semplice ma innovativa: anziché essere costrette a sfilare tutte con un identico costume le candidate hanno a disposizione due uscite in cui proporre un capo d’abbigliamento, con relativi accessori, tratto del proprio inventario. Alla giuria, composta da cinque membri (anche se ieri all’ultimo è mancata Aquila Faulds, nota pittrice in RL che speriamo di vedere all’opera sin dalla prossima serata) i quali valutano indipendentemente (pur essendo liberi di consultarsi) le singole candidate, il compito di giudicare non solo skin e shape, ma anche gli abiti proposti e l’adeguatezza al tema proposto.

    Nell’elaborare il proprio giudizio ogni giudice dispone inoltre di una scheda con foto e nota descrittiva delle ragazze e fin dalla prossima serata (che sarà dedicata al tema “Soho Bar”, ossia un pomeriggio in un albergo extralusso per quello che le nostre mamme chiamavano un cocktail party, mentre la finalissima sarà all’insegna dell’alta moda di Parigi Fashion Week) potrà valutare come le candidate risponderanno alle domande loro poste e si descriveranno, o alle osservazioni che saranno libere di fare nella serata dedicata all’incontro con la giuria. Non solo bellezza, dunque, ma anche gusto, personalità e abilità personali: la formula ideata per il Miss JL Fashion sembra in grado di garantire spettacolo e correttezza, così come la decisione di non avvalersi del voto popolare per evitare gare di teleport di amici e parenti, che forse fan bene al traffico della land che ospita l’evento ma rischiano di avvantaggiare chi per mestiere od esperienza dispone della friendlist più nutrita.

    In attesa di conoscere l’esito delle votazioni (ogni serata i giudici votano da zero a dieci ogni candidata, dalla somma dei voti di tutti i giurati si ottiene una classifica parziale della singola serata, dalla somma delle quattro serate si ottiene la classifica definitiva e ufficiale, la sola valida per la proclamazione della vincitrice e l’assegnazione dei premi) vi forniamo di seguito l’elenco delle concorrenti, in ordine di sfilata: Alinee Jewell, Queen Emmons, Memole Giha, Giuditta Broome, Darna Dryke, Mariacristina Shilova, Ginevra Babii , MarissaCoop Cortes, Redmoon Balut, Jamyla Yalin, Esposito Hynes, Maame Cioc, Ultimina Holmer, Fata Boa, KellyKelly Vendetta, Alice Letov, Malakite Devin. Infine, una piccola indiscrezione filtrata da “fonti ben informate”: in questa prima tornata i giudici avrebbero espresso valutazioni tutto sommato abbastanza omogenee, pur avendo ciascuno indicato una “favorita” differente. Risultato: scarti di punteggio ancora limitati, giochi ancora aperti per tutte e possibilità sin da lunedì prossimo (21, 24 e 26 gennaio le altre tra date dopo il debutto del 17 gennaio) per rivoluzionare la classifica.