Ziamela Loon, stilista per gioco

Ziamela Loon, stilista per gioco

Ziamela Loon shopProseguiamo nella nostra esplorazione del “pianeta fashion” che da qualche tempo sembra essere divenuto uno delle bandiere della comunità italiana, riproponendo in questo caso uno dei tratti tipici della creatività italiana. Non sempre la strada seguita è comunque quella della trasposizione in SL di un bagaglio di esperienze acquisite in RL come nel caso dell’amica Bianca Foulon (aka Diana Eugeni). Per altre colleghe stiliste in SL, infatti, la moda è e resta per ora soprattutto un meraviglioso gioco, anche se visti i risultati un pensierino, chissà, lo si potrebbe sempre fare, no? In attesa dei vostri sempre graditi commenti, eccovi il riassunto di una lunga chiacchierata avuta con la stilista Ziamela Loon in occasione della inaugurazione ufficiale del main store a Lusca.

Lukemary Slade:  Prima domanda: chi è e come nasce “stilista SL” Ziamela Loon?

Ziamela Loon: Sono nata stilista un po’ per caso, all’inizio facevo la dancer e guadagnavo 40 linden al giorno, poi sono diventata dancer di balli da sala e mi servivano gli abiti. Non avendo abbastanza linden per comprarli ho provato a farli io, cosa che del resto mi sarebbe sempre piaciuto fare anche in RL. Purtroppo RL è RL e lì alcuni sogni restano chiusi nel cassetto. Qui tutto è diverso, più facile, così abito dopo abito ho tirato fuori una collezione decente e ho deciso di mettermi in gioco e voilà, è nata Ziamela la stilista.

L.S.: Dunque a differenza di alcune altre tue colleghe la tua è un’esperienza nata dal “gioco” e non da una trasposizione in SL di attività o competenze acquisite in RL? Forse per questo ho visto alcuni tuoi abiti molto fantasiosi, come Peacock… difficilmente li vedresti in RL, o sbaglio?

Ziamela Loon shopZ.L.: Beh, io in RL faccio tutt’altro tipo di lavoro, ma mi piace questo gioco.

L.S.: SL per te è ancora un gioco o sta diventando qualcosa di più?

Z.L.: No resta sempre un gioco, ma come ogni gioco deve avere uno scopo ed il mio è quello di dare ad ogni donna il piacere di vestire i miei abiti, ricevendo in cambio tanta soddisfazione quando vedo che il mio lavoro è apprezzato.

L.S.: Parlando di soddisfazione, ti abbiamo vista ottenere ottimi risultati anche come modella…

Z.L.: Beh sì, quello anche rimane un mio sogno, sono una perfezionista però sulla passerella tentenno un po’!!

L.S.: Cosa ne pensi del dibattito che abbiamo ospitato sulle pagine di Mondivirtuali.it, sulla figura delle modelle in SL? Esiste e se sì come deve essere una “modella perfetta” qui in Second Life?

Z.L.: Nooo… non esistono modelle perfette, sono tutte speciali e diverse tra loro, come gli avatar che indossano poi i vestiti quando li comprano. Io credo che le modelle abbiano un ruolo fondamentale nel valorizzare un abito, un po’ come in RL. Detto questo ovviamente poi lascio sempre il compito alle organizzatrici delle mie sfilate di decidere chi deve indossare i vestiti e l’ordine delle uscite

L.S.: Altra domanda d’obbligo: si dice che in SL esistano lobby di amici schierate con l’una o l’altra isola, agenzia, stilista, modella…  tu hai mai dovuto affrontare una qualche forma di ostracismo al tuo lavoro o al contrario hai mai potuto contare sull’appoggio incondizionato di qualche amico?

Z.L.: Assolutamente no, mi tengo sempre fuori da queste cose perché ritengo che ci sia spazio per tutti. E poi “vivi e lascia vivere”, no?

L.S.: Certo, ma avrai qualche socio o hai fatto tutto questo da sola?

Ziamela LoonZ.L.: Beh, questo no. Ho i miei amici il mio socio Niki Chaffe, i miei collaboratori Traveller Bade e Anthony77777 Bandit e poi tante amiche che mi hanno sempre supportato tipo Samira Veronik, Stefany Babenco, Annemarie Perenti e così via. Sai, è strano come SL pian piano ti porti a creare legami “veri” anche se fatti da incontri di soli pixel, è straordinario. Una mia amica in RL (che non gioca a SL) non riesce a capire e mi dice “ma tu ne parli come se fosse vero”. Ma alla fine è vero, la mente è mente. O sto diventando pazza? A volte mi immagino vecchia ancora a giocare a SL sempre bellissima e giovane eheheh.

L.S.: Ai posteri l’ardua sentenza, io invece prima di congedarmi da te vorrei farti ancora una domanda, quali altri progetti sta per partorire la mente di Ziamela, eterna giovinetta di SL?

Z.L.: Sto pensando a una linea arredo, ma non so, vedremo. Per ora mi godo il momento.

L.S.: Bene, quindi per ora Ziamela consolida e tira un poco il fiato, con questo main store a Lusca a quanti negozi siete arrivati col marchio Vanity Affaire?

Z.L.: A 6 e il settimo è in fase di realizzazione ad Itland.

L.S.: Pensi mai che un giorno potremmo vederli nelle strade di Roma o Parigi in RL?

Z.L.: Magariiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiii!

Related Articles