Lu Coronet si presenta

    by -
    Lu Coronet

    Lu CoronetHa preso il via nei giorni scorsi il tour di presentazione di “Guida facile alla tua prima Second Life”, l’interessante volume edito in RL dalla Sperling & Kupfer a cura di Lu Coronet di cui abbiamo avuto già modo di parlarvi. Ma chi è Lu Coronet? Lei stessa, sul suo blog http://www.lucoronet.splinder.com (ormai scomparso, LmS) fa sapere di essere nata in SL nel novembre del 2006, vivere  a French Town, in una casa vista mare col fidanzato, Dann Bellah e un cucciolo di tigre, Roar. E’ stata tra i partecipanti della prima edizione SL de “L’isola dei famosi” ed in RL è una giornalista di Milano.  Abbiamo fatto quattro chiacchiere nel corso dell’affollata presentazione nella land di Toscana e questo è un piccolo riassunto che vi proponiamo.

    Come è capitata in Second Life Lu Coronet? “Un’amica tempo fa ad una cena mi disse… “dovremo tutti andare in SL”… ed io pensavo cosa sarà mai. Tornata a  casa mi sono fiondata su internet e mi sono iscritta. All’inizio ero un po’ sperduta, perchè fino ad un anno fa c’erano solo 1 milione di iscritti e i newbies erano lasciati a se stessi, quindi ho dovuto prendere confidenza con l’avatar ed il resto. Tra crash, rez, frecce, pensavo che nulla funzionasse in SL, il problema più grosso la tecnologia e poi  muovermi in SL, problemi con i capelli… Ma con il tempo si impara”.

    Da cosa è nato il libro, abbiamo chiesto all’autrice? E quali sono i “business” più promettenti, alla luce della tua esperienza Lu? “Il libro nasce sull’esperienza, sulle difficoltà iniziali, quindi nasce come manuale per chi entra in SL la prima volta. Esploratrice da sempre, ho avuto modo di conoscere molto e molte persone in SL. Prima il business più ricercato era  basato sulle land, ma oggi il business più redditizio è  la moda è l’immagine, le skin…  In generale ritengo che sia solo l’inizio, ma dare consulenze ad aziende di RL che possano entrare in SL, dalle produzioni video per la pubblicità a tutto il resto potrebbe rivelarsi davvero il business del futuro”.

    Qual è secondo te il futuro di SL? “Ogni giorno nascono nuove comunità virtuali, per alcuni SL scomparirà, per altri invece è il sogno di Linden, tutti i server che si uniscono in modo di far sì che tutti i web diventino tridimensionali e si potrà andare da una comunità all’altra, magari sempre con lo stesso nome. Credo che SL abbia creato un punto di non ritorno, perchè molte persone si abitueranno a vivere in SL e con il miglioramento della tecnologia sarà tutto migliore, se si pensa che fino ad un anno fa il voice era impensabile e ci siamo ora…” (la presentazione si è tenuta in buona parte in voice, LmS).

    Lu CoronetLu, che emozioni hai provato finora in SL? “L’esperienza per me più emozionante in SL è stata finora “L’isola dei famosi”, perchè si sono creati legami fortissimi che non credevo fossero possibili in SL, un’esperienza umana che va oltre i pixel, anche se mi sono ritirata perchè non resistevo”. Prima dicevi che pensi sia solo questione d’abitudine, ma alla fine ci abitueremo alla vita virtuale? E se poi perdessimo di vista quella reale? “Questa è la cosa che fa più paura e che io stessa temo: per chi si appassiona le notti insonni si fanno, ma dimenticare la RL è impossibile, SL è una via di fuga, come andare al cinema, quindi staccare la spina è un bene e che ben venga anche SL. C’è chi dice che dia dipendenza, ma credo siano allarmismi inutili”.

    Cosa ti ha spinto a venire in SL e cosa non sopporti di questo metaverso? “Sono venuta e rimasta in SL per la possibilità di sperimentare altri aspetti di me stessa, mi diverte, mi dà la possibilità di conoscere e mi appassiona. Mi dà invece fastidio tutto questo “proporsi” così diretto alle persone, anche se qui è molto più semplice il contatto con le persone rispetto alla RL”. E  riguardo ai matrimoni in SL, che ne pensi? “Non ritenendolo necessario in RL, ovviamente non lo trovo necessario neppure qui, ma è solo la mia opinione, ho le mie idee, rispetto e non giudico quelle degli altri”. Gli incontri in RL di amici conosciuti in SL ti hanno delusa, o piacevolmente sorpresa, in generale? “Le persone che ho conosciuto qua finora non mi hanno delusa, conoscendole poi in RL, anzi hanno confermato la bella idea che mi ero fatta di loro”.

    Ed ora una domanda obbligatoria: cosa ha questo libro in più rispetto ad altri? “Non so se dica qualcosa in più, debbono dirlo i lettori, ma visto che gli altri li ho letti tutti o quasi, in italiano c’è solo il mio, dato che molti sono solo traduzioni di versioni ufficiali. Io invece qui ci vivo e quindi sono esperienze  vissute in SL al punto che ho poi deciso di aprire il mio blog”. Bene Lu, è stato un piacere chiacchierare con te, grazie della pazienza e in bocca al lupo per i tuoi progetti! “Grazie a voi”.